Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'inquisizione medievale e il sistema inquisitorio

Il dodicesimo e il tredicesimo secolo sono anni caratterizzati da una nuova linfa vitale tanto in Italia quanto in Provenza e in molte altre regioni europee.
Sono lustri di tempo caratterizzati da una forte ripresa nel campo economico e sociale, che conducono alla nascita di un nuovo ceto urbano: la borghesia.
Questa classe sociale si era formata in seguito alla trasformazione dei borghi medievali in veri centri urbani ed aveva preso forza grazie allo sviluppo delle attività artigianali e commerciali, imperniate sulla circolazione delle merci e del danaro.
I membri del ceto borghese, artigiani e mercanti, organizzati nelle corporazioni di arti e mestieri, arricchitisi, iniziarono ad aspirare al controllo del governo cittadino e a rivendicare una loro propria autonomia dal signore feudale e dal vescovo.
Al tempo stesso nelle campagne avvennero numerosi mutamenti, in parte provocati dai progressi introdotti nelle colture e nell’allevamento e in parte dall’intensificazione dei rapporti con le città.
Aumentarono i casi di famiglie contadine legate alla terra che ne conquistarono il pieno diritto, limitandosi a versare al proprietario-feudatario una parte, sia pur cospicua, del raccolto (primo passo verso la mezzadria) o addirittura un affitto in danaro, liberandosi così dagli obblighi che potevano derivarne. Molti giovani, lasciavano la campagna e si avventuravano in città a imparare un mestiere in una bottega artigiana.
Furono secoli di grande fervore culturale caratterizzati da una intensa opera di rinnovamento.
Le scuole cattedrali e quelle monastiche furono affiancate dalle prime università, presero forme le corporazioni di docenti e allievi, in gran parte originariamente di provenienza monastica, che consentirono la diffusione degli strumenti del sapere anche tra i laici.
Si intensificò la ricerca filosofica e teologica e godettero di rinnovato interesse gli studi di medicina e di diritto; si diffusero in Europa i testi scientifici e filosofici arabi, tradotti in latino.
Nel secolo undicesimo venne istituita l’Università di Bologna, la più antica d’Europa, rinomata per lo studio del diritto canonico e del diritto romano, e due secoli dopo la Sorbona, primo nucleo dell’Università di Parigi.
Il bisogno di istruzione nella gente cresceva sempre più dove base primaria era il sapere e ugualmente aumentava il desiderio di conoscenza delle Sacre Scritture e dell’insegnamento della Chiesa.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1. Il contesto storico Il dodicesimo e il tredicesimo secolo sono anni caratterizzati da una nuova linfa vitale tanto in Italia quanto in Provenza e in molte altre regioni europee. Sono lustri di tempo caratterizzati da una forte ripresa nel campo economico e sociale, che conducono alla nascita di un nuovo ceto urbano: la borghesia. Questa classe sociale si era formata in seguito alla trasformazione dei borghi medievali in veri centri urbani ed aveva preso forza grazie allo sviluppo delle attività artigianali e commerciali, imperniate sulla circolazione delle merci e del danaro. I membri del ceto borghese, perlopiù artigiani e mercanti, organizzati nelle corporazioni di arti e mestieri, arricchitisi, iniziarono ad aspirare al controllo del governo cittadino e a rivendicare una loro propria autonomia dal signore feudale e dal vescovo.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Silvia Biasioli Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2498 click dal 16/12/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.