Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione della sostenibilità del turismo rurale. Un'analisi delle metodologie

La tesi si concentra sulla ricerca e l'analisi di alcune metodologie di natura statistico-matematica di valutazione della sostenibilità applicate al campo del turismo rurale.
Si articola in tre capitoli. Nel primo capitolo viene spiegato brevemente cosa sono lo sviluppo sostenibile e il turismo rurale, nel secondo vengono elencate ed esplicate le metodologie di analisi della sostenibilità e, infine, nel terzo vengono fatti alcuni approfondimenti inerenti la figura degli stakeholders.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’analisi che verrà effettuata in questo lavoro, si concentra sui metodi di valutazione della sostenibilità del turismo rurale, il quale, da un lato, per molte regioni italiane, rappresenta una forte opportunità di crescita, ma che, dall’altro, impatta in maniera evidente sull’ambiente in termini di sfruttamento delle risorse e del paesaggio. Del resto il turismo, come ricorda La Camera [2005], è legato, proprio, al contesto geografico e paesaggistico in cui opera, richiede lo sviluppo di aree edificate e incrementa la presenza dell’uomo in quelle stesse aree. L’eccesso di pressione turistica sulle aree di villeggiatura può essere valutato in svariati termini e tanto per iniziare, la cosa più opportuna da fare, è definire quali siano gli impatti positivi e negativi che l’attività turistica provoca in ambito economico, sociale ed ambientale e, per farlo, utilizzeremo, come “opere principali,”sia la GUIDA DEGLI INDICATORI DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE DESTINAZIONI TURISTICHE, redatta dal World Tourism Organization, sia il libro di La Camera [2005] incentrato sullo sviluppo sostenibile. IMPATTI POSITIVI: Dalla lettura delle opere sopra ricordate, si deduce sicuramente che un’ampia presenza di turisti comporta, nelle aree interessate, un incremento dei flussi di liquidità sia per le imprese turistiche sia per i commercianti, sia per i ristoratori e sia per tutte le altre attività connesse, dovuto all’aumento dei consumi. Non solo apporta benefici monetari anche al settore edile e permette la costruzione e il miglioramento delle infrastrutture. Allo stesso tempo genera nuovi posti di lavoro e, quindi, può favorire l’aumento del reddito medio della popolazione locale. Infine può costituire un’ importante fonte di finanziamento per certe attività di rilevanza ecologica, come le aree protette,si pensi, infatti, al pagamento dell’ingresso ad un parco naturale.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Vernini Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 772 click dal 14/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.