Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La questione degli intellettuali: Gramsci nella Rivoluzione Bolivariana

Come approssimazione potrei dire che queste pagine mirano a porre in evidenza la forte influenza che il pensiero di Antonio Gramsci, una delle menti più brillanti e sottovalutate (almeno in Italia) del Novecento, continua ad avere su uomini apparentemente così lontani dall'intellettuale sardo nel tempo e nello spazio, un'influenza che nel mio caso è rappresentata dal Venezuela dei nostri giorni. Lo strumento che collega Gramsci al "mondo grande e terribile" sono i Quaderni del carcere. L'obiettivo che mi propongo, molto brevemente, è quello di esaminare alcune delle tematiche sollevate nei Quaderni, trovando come esse possano essere tutt'oggi funzionali allo studio di fenomeni sociali complessi, quale può esserlo la transizione politica di un'intera nazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Prima di entrare nel merito delle questioni che, molto modestamente, mi propongo di trattare in questo lavoro, desidererei fare una breve premessa relativa agli argomenti presi in considerazione, al metodo di indagine utilizzato nella ricerca e alla tesi che alla fine vorrei dimostrare. Come prima e generica approssimazione potrei dire che queste pagine mirano a porre in evidenza la forte influenza che il pensiero di Antonio Gramsci, una delle menti più brillanti e acute del Novecento, continua ad avere su uomini apparentemente così lontani dall'intellettuale sardo nel tempo e nello spazio, un'influenza che nel mio caso è rappresentata dal Venezuela dei giorni nostri. Sono i Quaderni del carcere lo strumento che collega Gramsci al mondo “grande e terribile”, che gli permette di superare ostacoli temporali e culturali, radicandosi ovunque approdi per le intrinseche capacità euristiche del suo pensiero, perché la sua interminabile ricerca sul reale, se da una parte può risultare troppo duttile e poco adatta a subire schematizzazioni, ha però il grande pregio di essere una ricerca potenzialmente inesauribile, che offre spunti di riflessione a chiunque li voglia cogliere. A ogni latitudine. Ed è esattamente questo l'aspetto che mi preme dimostrare

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Daniele Bargellini Contatta »

Composta da 270 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1414 click dal 16/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.