Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nozione di oggetto A in Jacques Lacan

La tesi prende in considerazione uno dei concetti chiave della dottrina Lacaniana: la nozione di oggetto A. Proprio perché questa nozione è cardinale nel pensiero lacaniano, essa si presenta sin dai primi seminari di Lacan. Tuttavia, tracciare una genesi puntuale dell’oggetto a sarebbe fuori dalla portata di una tesi sia triennale che specialistica. Mi sono soffermato, dunque, sull’analisi di quattro seminari che, a mio avviso, segnano dei traguardi nell’evoluzione di questo oggetto. Questi sono: il seminario VII, il seminario X, il seminario XVII e il seminario XX. Il presente lavoro cerca, laddove se ne sia presentata la possibilità, di approfondire alcune tematiche del pensiero lacaniano quali, ad esempio, lo stadio dello specchio, i quattro discorsi, la differenza tra l’amore fallico in contrapposizione all’ “Altro” amore. Si tenga presente che l’analisi del pensiero lacaniano e la traduzione in un linguaggio più accademico pone dei limiti a livello concettuale: l’autore della presente tesi tiene a sottolineare che i contenuti esplicati in essa sono derivati da interpretazioni personali e pertanto non presumono assolutamente di affermare l’ultima parola riguardo al discorso lacaniano. L’autore si è servito anche dell’apporto di due figure importanti dello scenario lacaniano contemporaneo: Colette Soler (il libro che viene preso in considerazione è “l’inconscio Reinventato”) e Massimo Recalcati (il libro che viene preso in considerazione è “l’uomo senza inconscio”). Entrambi questi autori sono utili per un parallelismo con il pensiero lacaniano: Recalcati analizza la visione lacaniana dell’angoscia e la mette in relazione con la figura dell’anoressica, Soler apporta al concetto di “lalingua” lacaniano la sua proposta di un “inconscio Reale”, refrattario alla significantizzazione del Simbolico.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Nel seguente lavoro si è scelto di trattare un aspetto peculiare del pensiero di Jacques Lacan: l’oggetto (piccolo) a. Prima dell’esposizione o di una qualsiasi spiegazione, è necessaria una nota introduttiva e un’avvertenza. Il filosofo in questione rientra nella corrente di pensiero del post-strutturalismo, nonché nel filone più generico del post- modernismo. La corrente del post-strutturalismo non si pone, come si potrebbe pensare in un primo momento, in opposizione allo strutturalismo, bensì cerca di spingere alle estreme conseguenze i concetti che sono propri di quest’ultimo. Infatti lo strutturalismo cerca di dimostrare che l’uomo non è il libero attore e fautore delle proprie azioni e scelte, come poteva affermare il positivismo: l’uomo non si trova più in una posizione centrale, ma è conseguenza di una struttura che lo influenza e lo forma. Ora, il “post” dello strutturalismo lacaniano dev’essere inteso come un andare più in profondità nel discorso della struttura, un andare “oltre“. Lacan stesso è, infatti, celebre per la sua frase “l’inconscio è strutturato come un linguaggio” : “[…] questo inconscio ha, in ultima analisi, una struttura che non è altro che una struttura di linguaggio” 1 Arrivare ad affermare che l’inconscio, ciò che di più intimo c’è nell’uomo ha una struttura che è quella del linguaggio, significa, da un lato, affermare che questa “intimità” (questo termine viene messo tra virgolette perché, appunto, Lacan giungerà, in seguito, ad articolarla nei termini di una ex-timità) è qualcosa di relativo, dall’altro che la struttura; l’Altro ci penetra a tal punto da forgiare quel vortice caotico di significanti che è in noi, il quale viene articolato, in un secondo 1 Jaques Lacan, Il seminario: Libro VII, Einaudi, Torino, 1994, p. 40

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Filosofia

Autore: Fabio Sassu Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1712 click dal 06/12/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.