Skip to content

La nozione di oggetto A in Jacques Lacan

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Sassu
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Pieraldo Rovatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

La tesi prende in considerazione uno dei concetti chiave della dottrina Lacaniana: la nozione di oggetto A. Proprio perché questa nozione è cardinale nel pensiero lacaniano, essa si presenta sin dai primi seminari di Lacan. Tuttavia, tracciare una genesi puntuale dell’oggetto a sarebbe fuori dalla portata di una tesi sia triennale che specialistica. Mi sono soffermato, dunque, sull’analisi di quattro seminari che, a mio avviso, segnano dei traguardi nell’evoluzione di questo oggetto. Questi sono: il seminario VII, il seminario X, il seminario XVII e il seminario XX. Il presente lavoro cerca, laddove se ne sia presentata la possibilità, di approfondire alcune tematiche del pensiero lacaniano quali, ad esempio, lo stadio dello specchio, i quattro discorsi, la differenza tra l’amore fallico in contrapposizione all’ “Altro” amore. Si tenga presente che l’analisi del pensiero lacaniano e la traduzione in un linguaggio più accademico pone dei limiti a livello concettuale: l’autore della presente tesi tiene a sottolineare che i contenuti esplicati in essa sono derivati da interpretazioni personali e pertanto non presumono assolutamente di affermare l’ultima parola riguardo al discorso lacaniano. L’autore si è servito anche dell’apporto di due figure importanti dello scenario lacaniano contemporaneo: Colette Soler (il libro che viene preso in considerazione è “l’inconscio Reinventato”) e Massimo Recalcati (il libro che viene preso in considerazione è “l’uomo senza inconscio”). Entrambi questi autori sono utili per un parallelismo con il pensiero lacaniano: Recalcati analizza la visione lacaniana dell’angoscia e la mette in relazione con la figura dell’anoressica, Soler apporta al concetto di “lalingua” lacaniano la sua proposta di un “inconscio Reale”, refrattario alla significantizzazione del Simbolico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Nel seguente lavoro si è scelto di trattare un aspetto peculiare del pensiero di Jacques Lacan: l’oggetto (piccolo) a. Prima dell’esposizione o di una qualsiasi spiegazione, è necessaria una nota introduttiva e un’avvertenza. Il filosofo in questione rientra nella corrente di pensiero del post-strutturalismo, nonché nel filone più generico del post- modernismo. La corrente del post-strutturalismo non si pone, come si potrebbe pensare in un primo momento, in opposizione allo strutturalismo, bensì cerca di spingere alle estreme conseguenze i concetti che sono propri di quest’ultimo. Infatti lo strutturalismo cerca di dimostrare che l’uomo non è il libero attore e fautore delle proprie azioni e scelte, come poteva affermare il positivismo: l’uomo non si trova più in una posizione centrale, ma è conseguenza di una struttura che lo influenza e lo forma. Ora, il “post” dello strutturalismo lacaniano dev’essere inteso come un andare più in profondità nel discorso della struttura, un andare “oltre“. Lacan stesso è, infatti, celebre per la sua frase “l’inconscio è strutturato come un linguaggio” : “[…] questo inconscio ha, in ultima analisi, una struttura che non è altro che una struttura di linguaggio” 1 Arrivare ad affermare che l’inconscio, ciò che di più intimo c’è nell’uomo ha una struttura che è quella del linguaggio, significa, da un lato, affermare che questa “intimità” (questo termine viene messo tra virgolette perché, appunto, Lacan giungerà, in seguito, ad articolarla nei termini di una ex-timità) è qualcosa di relativo, dall’altro che la struttura; l’Altro ci penetra a tal punto da forgiare quel vortice caotico di significanti che è in noi, il quale viene articolato, in un secondo 1 Jaques Lacan, Il seminario: Libro VII, Einaudi, Torino, 1994, p. 40

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicoanalisi
freud
inconscio
amore
angoscia
lacan
castrazione
fantasma
jacques
fallo
oggetto a
colette
massimo
recalcati
seminario vii
seminario x
seminario xvii
seminario xx
quattro discorsi
stadio dello specchio
soler
das ding
sigmund
lacaniana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi