Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio delle modalità di trattenimento di ioni metallici nei suoli

Nel mio lavoro di tesi ho valutato la possibilità di utilizzare due matrici naturali, come la pula di riso e vermiculite, come additivi per ridurre la mobilità di metalli in un suolo contaminato. A questo scopo, ho effettuato prove in batch mettendo in contatto soluzioni a varie concentrazioni di cadmio, rame e manganese con il suolo tal quale e addizionato delle due matrici, ed ho determinato l’entità di trattenimento dei tre metalli. Per confronto, ho valutato anche il fissaggio dei metalli su un suolo non contaminato. Tutte le analisi sono state effettuate mediante spettroscopia di emissione atomica a plasma ad accoppiamento induttivo.
Il primo capitolo della mia tesi descrive le principali proprietà e componenti presenti nel suolo. Il capitolo 2 riporta le caratteristiche delle due matrici studiate, la pula di riso e la vermiculite. Il capitolo 3 illustra la strumentazione utilizzata per l’analisi. Le procedure utilizzate per le prove sperimentali, i risultati e la loro discussione sono riportati nel capitolo 4.
Dalle percentuali di trattenimento dei metalli nel suolo in presenza ed in assenza di pula di riso e di vermiculite è stato possibile valutare se l’aggiunta di matrice vegetale causa diminuzione della mobilità dei metalli pesanti nel suolo stesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il suolo, naturale o antropizzato, è una risorsa particolarmente vulnerabile al degrado, al quale contribuiscono varie cause, quali lo sviluppo disordinato delle strutture urbane e produttive e l‟inquinamento dovuto a fenomeni di contaminazione sia naturale che legato all‟attività umana. In generale si possono distinguere due tipi di contaminazione dei suoli: la contaminazione diffusa, ossia l‟inquinamento di una vasta area causato da una fonte di emissione (ad esempio siti industriali, militari e minerari abbandonati) o dal trasporto atmosferico, e la contaminazione puntuale, ossia l‟inquinamento di una località ristretta, causato da un intervento umano accidentale, incidentale o deliberato connesso ad attività industriali (perdite o stoccaggio non conforme di sostanze pericolose, corrosione dei metalli in contatto con il suolo, processi produttivi) e di smaltimento dei rifiuti (utilizzo di discariche inadeguate o abusive). La contaminazione del suolo può provocare molteplici effetti sulla salute umana, sugli ecosistemi e sull‟economia, ad esempio in seguito all'immissione di contaminanti nelle acque sotterranee o superficiali, all'assorbimento di contaminanti da parte delle piante, al contatto diretto di esseri umani con suoli contaminati o inalazione di polveri o sostanze volatili. Per questi motivi occorrono metodi efficaci di trattamento dei suoli per rimuovere gli inquinanti o limitarne la mobilità. Uno dei metodi di recupero di un suolo contaminato si basa sull‟aggiunta di altre matrici in grado di ridurre la mobilità degli inquinanti in esso presenti. In questo modo viene impedita o comunque ridotta la possibilità di rilascio di tali inquinanti in altri comparti ambientali, come acque superficiali, acque sotterranee e vegetali: pertanto i rischi associati alla contaminazione del suolo diminuiscono. Nel mio lavoro di tesi ho valutato la possibilità di utilizzare due matrici naturali, come la pula di riso e vermiculite, come additivi per ridurre la mobilità di metalli in un suolo contaminato. A questo scopo, ho effettuato prove in batch mettendo in contatto soluzioni a varie concentrazioni di cadmio, rame e manganese con il suolo tal quale e addizionato delle due matrici, ed ho determinato l‟entità di trattenimento dei tre metalli. Per confronto, ho valutato anche il fissaggio dei metalli su un suolo non contaminato. Tutte le analisi sono state effettuate mediante spettroscopia di emissione atomica a plasma ad accoppiamento induttivo.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Michael Vitello Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1317 click dal 06/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.