Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le teorie della migrazione: un'applicazione alla migrazione cinese in Italia

Partendo dagli studi sulle teorie migratorie, soprattutto alla luce della teoria dei club, l'elaborato analizza i flussi migratori cinesi in Italia dando un'interpretazione della concentrazione di queste popolazioni in determinate areee

Mostra/Nascondi contenuto.
I sorprendenti risultati economici, conseguiti in questi ultimi anni, hanno consentito alla Repubblica Popolare Cinese di bruciare le tappe e di passare in un breve arco di tempo da economia emergente a superpotenza economica e politica. Il “risveglio” della nazione più popolata del pianeta, che è stato tanto improvviso quanto spiazzante, si sta tuttora svolgendo attraverso un processo inarrestabile e denso di contraddizioni e spunti d’analisi sotto i profili più vari: da quelli economici dell’apertura all’economia di mercato, a quelli sociali riguardanti i diritti umani e la libertà di espressione; da quelli politici inerenti al ruolo sempre più importante nel dibattito internazionale, alle conseguenze ambientali di un processo di catching-up tecnologico imponente e repentino. La nuova dimensione della Cina è un concetto che deve essere ancora inquadrato e metabolizzato dall’opinione pubblica. Parallelamente al boom economico, dalla Cina ha avuto luogo una diaspora di migranti, che si sono spostati verso diverse zone dell’Europa e, in particolare, dell’Italia, permettendoci di osservare questo cambiamento da vicino. I cinesi in Italia rappresentano una componente particolare e per molti versi originale dell’immigrazione straniera. Essi hanno infatti innescato, nelle aree di principale insediamento, trasformazioni economiche e sociali che non hanno confronti rispetto alle modalità di inserimento degli altri gruppi. L’aumentare vertiginoso del numero dei residenti in Italia e i risultati delle loro imprese, rallentate poco o niente dalla crisi, hanno fatto sì che il fenomeno venisse percepito come una vera e propria invasione. L’oggetto del mio saggio finale è la migrazione cinese in Italia. Ho scelto quest’argomento incuriosito dai risultati che gli imprenditori cinesi riuscivano ad ottenere mentre tutto il resto dell’economia cercava di resistere alla crisi; con l’intenzione di comprendere se dietro a una comunità che rileva un intero distretto o un’intera zona di una città ci fosse una rete piuttosto che una strategia d’azione concordata, ed eventualmente comprendere e descrivere questi meccanismi. Ho iniziato la trattazione passando in rassegna alcuni modelli della teoria delle migrazioni, per analizzare in generale qual è il ragionamento di un individuo nel valutare la decisione di emigrare. Partendo dall’equazione di scelta individuale, tramite l’analisi del lavoro di Borjas, introdurrò i concetti di guadagno netto dalla migrazione e di costo migratorio, per poi allargare l’unità di osservazione al nucleo familiare. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Maria Cavallaro Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 662 click dal 07/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.