Skip to content

La NATO , il Golfo Persico e l'Iniziativa di Cooperazione di Istanbul

Informazioni tesi

  Autore: Silvia La Rosa
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Governance e Sistema Globale
  Relatore: Liliana Saiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

L'Iniziativa di Cooperazione di Istanbul è una proposta di partnership lanciata dalla NATO nel 2004 e rivolta ai paesi del Gul Cooperation Council, organizzazione regionale sorta nel 1981 che riunisce sei dei più importanti paesi della regione, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Qatar, Oman, Kuwait, e accolta con favore da Bahrein, Emirati, Qatar e Kuwait.
Questa prevede cooperazione nel settore della sicurezza, in particolar modo nella riforma della difesa, esercitazioni congiunte per migliorare l'interoperabilità delle forze armate, lotta contro il terrorismo, sicurezza delle frontiere, lotta contro le armi di distruzione di massa, creazione di piani civili di emergenza in caso di catastrofi.
Molti sono i punti deboli dell'Iniziativa NATO, le sue implicazioni e le potenzialità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La presente ricerca si occupa della proposta di cooperazione rivolta dalla NATO nel giugno del 2004 ai paesi del Golfo Persico facenti parte del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Gulf Cooperation Council, GCC), proposta che ha dato origine ad una partnership, denominata Iniziativa di Cooperazione di Istanbul (ICI), che coinvolge l'Organizzazione transatlantica e quattro paesi del Golfo, Bahrein, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Qatar. Ciò che mi ha spinto a confrontarmi con questo tema è stata la volontà di approfondire il ruolo politico, e non strettamente militare, rivestito dalla NATO nello scenario internazionale, spesso trascurato, e la possibilità di concentrarmi su un'area di grande rilevanza geo-politica e geo-strategica per le sorti degli equilibri internazionali, e su avvenimenti di stretta attualità, la cui comprensione è fondamentale per capire gli sviluppi futuri del quadro strategico regionale e internazionale. L'obiettivo della presente ricerca è quello di individuare i motivi principali dell'interesse della NATO per la regione del Golfo, e in particolare quali siano gli scopi che l'Organizzazione si è prefissata con il varo dell'ICI, e se questi siano stati raggiunti, o se si sia sulla buona strada per raggiungerli in futuro. Altresì la mia ricerca mira ad evidenziare, non solo le ragioni che hanno spinto la NATO ad accrescere il suo impegno nei confronti del Golfo Persico, ma anche le motivazioni che hanno spinto gli stessi paesi del GCC destinatari dell'Iniziativa, ad accoglierla o a rifiutarla, come deciso dall'Arabia Saudita e dall'Oman. La presente ricerca, non potendo ovviamente ignorare l'estesa presenza statunitense nella regione, tende a verificare quali siano le sue interazioni con il progetto della NATO, e se eventualmente la NATO, tramite l'ICI, possa porsi seriamente come un'alternativa alle garanzie di sicurezza offerte dagli Stati Uniti. Per fare ciò ho dedicato una buona parte della mia ricerca a delineare sinteticamente, ma il più chiaramente possibile, il quadro strategico complessivo all'interno del quale l'ICI va si inserisce, e le possibili interazioni con le altre iniziative rivolte all'ampia area geo-politica del Grande Medio Oriente, cui il Golfo fa parte. La ricerca è stata effettuata prevalentemente sulla base di materiale documentario prodotto dalla NATO, sul quale sito web è stato possibile reperire dichiarazioni ufficiali, sia dei Segretari Generali che si sono succeduti alla guida della NATO dal momento in cui l'ICI è stata varata, Jaap de Hoop Scheffer e Anders Fogh Rasmussen, sia le dichiarazioni conclusive dei Vertici dei Ministri degli Esteri e dei Capi di Stato e di Governo dei paesi membri, utili per individuare i momenti storici e le motivazioni che hanno spinto l'Organizzazione transatlantica a guardare con accresciuto interesse il Golfo. Nel sito dell'Alleanza è stato inoltre possibile consultare diversi testi ufficiali, tra i quali quello dell'ICI, necessario per apprenderne le motivazioni ufficiali e darne una corretta definizione. Molto utili sono state anche le trascrizioni dei discorsi, tenuti sia dal Segretario Generale, sia da diversi Ambasciatori NATO come Claudio Bisogniero, Alessandro Minuto Rizzo, Martin Erdmann e Jean François Bureau, alle conferenze e ai seminari organizzati proprio in seno all'ICI, i quali hanno fornito diversi spunti di analisi, poi approfonditi nella presente ricerca. Se il sito della NATO si è rivelato utile e completo, lo stesso non si può dire del sito ufficiale del GCC, nel quale nessun cenno viene fatto all'iniziativa di partnership che lega la maggior parte dei suoi membri alla NATO, ed è ugualmente difficile reperire materiale documentario che testimoni la storia e le azioni dell'organizzazione stessa, a parte il proprio Trattato Istitutivo e alcune, ma solo le più recenti, dichiarazioni ufficiali che seguono alla riunione annuale del Consiglio Supremo del GCC. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

usa
iran
nato
iraq
libia
conflitto israelo-palestinese
golfo persico
arabia saudita
yemen
dialogo mediterraneo
gulf cooperation council
primavera araba
iniziativa di cooperazione di istanbul
bahrein
grande medio oriente
bmena
partnership nato
concetto strategico nato 2010

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi