Skip to content

Microcredito. Una nuova frontiera in rete

Informazioni tesi

  Autore: Irene Pilia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue straniere per la comunicazione internazionale
  Relatore: Anna Cossetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

"Microcredito" è diventato una parola quasi alla moda nel mondo della microfinanza, a partire dal 1983, l'anno in cui l'economista indiano Premio Nobel per la pace, Mohammad Yunus, fondò la Grameen Bank.
Oggi le banche rurali e le istituzioni di microfinanza si stanno espandendo in tutto il mondo grazie al microcredito, strumento che si sta rivelando eccellente per migliorare la vita dei più poveri nei paesi in via di sviluppo.
Il presente lavoro esplora il fenomeno a partire dalle sue origini, in Bangladesh, per concentrarsi poi nella sua diffusione nel mondo.
Il concetto di microcredito viene anzitutto considerato come un vero e proprio diritto umano, così come è stato sancito nei diritti di seconda generazione, ovvero quelli civili, culturali ed economici. Viene sottolineata oltretutto l'importanza che esso svolge nell'emancipazione femminile (empowering).
Dopo una breve spiegazione di come il microcredito funziona, dei suoi diversi tipi e dei problemi che possono sorgere facendo microcredito, il presente lavoro delinea brevemente la situazione in Italia ed Europa.
Una recentissima applicazione del microcredito, sconosciuta fino al 2006, costituisce il fulcro di questa tesi: il microcredito via Internet.
Questa nuova "invenzione" è un mezzo tramite il quale si dà l'opportunità a chiunque nel mondo di entrare da protagonista nel circuito del microcredito, permettendo che grandi somme di capitale arrivino velocemente ai più poveri.
Vedremo come queste "piattaforme" di microcredito online funzionano, cosa i prestatori si aspettano, come questo strumento viene utilizzato, e l'impatto prodotto finora nel mercato della microfinanza.
Affronteremo questo nuovo campo presentando le varie piattaforme che lavorano online e le loro differenze, soffermandoci poi su Kiva e Microplace, i "precursori" del microcredito in rete.
Sebbene queste lavorino per la stessa causa, utilizzano però un approccio diverso: mentre Kiva adempie una missione completamente no-profit, Microplace garantisce un piccolo ritorno economico ai prestatari applicando un piccolo tasso d'interesse sui prestiti, il quale dovrà essere restituito dai beneficiari e fornito dalle emittenti partners di Microplace.
Questa diversa visone conduce a due modus operandi simili ma distinti le cui caratteristiche verrano spiegate nel presente lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La povertà diffusa è ancora oggi una piaga sotto gli occhi di tutti. Nel mondo quasi un miliardo della popolazione vive sotto la soglia di sussistenza, e 1.200.000 miliardi di persone vivono con meno di 2$ al giorno. Per questi individui una prospettiva di redenzione attuabile con le loro sole forze resta spesso un miraggio. Privati dei più elementari diritti, meno che mai potrebbero accedere all’unico mezzo che li aiuterebbe a risollevarsi, l’accesso al credito, poiché non possono fornire nessun tipo di garanzie. Eppure questa convinzione è stata ribaltata a partire dagli anni ’70, ovvero da quando l’economista bengalese Muhammad Yunus ebbe un’idea tanto semplice quanto rivoluzionaria: il microcredito. Come la parola stessa suggerisce, si tratta della concessione di un piccolissimo credito. A partire dalla nascita della Grameen Bank per opera dello stesso Yunus, centinaia di altre banche rurali sono nate in tutto il mondo e i piccoli prestiti sono stati concessi a milioni di poveri prima considerati non bancabili. Il modello si è dimostrato di successo, rivelando un impatto positivo sulle fasce di popolazione a cui è stato concesso. Contrariamente a quanto si pensi, il microcredito non è una prestazione assistenziale ma prevede una restituzione, seppure a condizioni protette, del prestito erogato. E ha portato in questi anni ad una vera a e propria democratizzazione del credito. Il nostro lavoro parte dalle origini e traccia un quadro di come il microcredito si sia diffuso a livello mondiale tramite banche etiche e istituzioni di microfinanza. A questa diffusione contribuisce il fatto che il diritto di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

microcredito
microfinanza
piattaforme
beneficiari
microcredito online
microcredito via internet
prestatari
empowering
microcredito in rete

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi