Skip to content

Il reato di violenza sessuale

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Ranfagni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Pietro Semeraro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 189

Oggetto della tesi è l'analisi del reato di violenza sessuale,disciplinato dall'articolo 609-bis c.p.,introdotto nel nostro ordinamento penale dalla legge n° 66 del 1996.
La formulazione originaria del Codice Rocco prevedeva,agli articoli 519 e 521 c.p.,due distinte fattispecie criminose,rispettivamente rubricate come “violenza carnale” e “atti di libidine violenti”;i suddetti reati,e più in generale l'intera disciplina in materia di illeciti in ambito sessuale,appartenevano ai delitti contro la moralità pubblica e il buon costume,disciplinati entro il titolo IX del libro secondo del codice penale. A seguito della legge 15 febbraio 1996, n° 66, recante "Norme contro la violenza sessuale", è stata disposta l'abrogazione delle due previgenti fattispecie autonome, ora confluite nell'unitario delitto di violenza sessuale, disciplinato dall'articolo 609-bis del codice penale. Una prima, fondamentale innovazione introdotta dal legislatore della riforma riguarda proprio la collocazione sistematica della nuova norma; il reato di violenza sessuale è stato infatti ricompreso tra i delitti contro la persona, e più precisamente contro la libertà personale. Una volta individuato il bene giuridico tutelato dalla norma, si è passati all'analisi dei soggetti del reato, sia sotto il profilo generale che con particolare riferimento ad alcune ipotesi peculiari (violenza sessuale commessa a danno del coniuge o a danno di persone dedite all'attività di prostituzione) che, soprattutto in tempi meno recenti, hanno sollevato qualche dibattito in seno alla dottrina e alla giurisprudenza. I capitoli successivi sono dedicati all'analisi degli elementi costitutivi del reato di violenza sessuale; in primis si è esaminato il concetto di “atti sessuali”, nozione unitaria adottata dal legislatore del 1996 in luogo delle previgenti,distinte ipotesi di congiunzione carnale e atti di libidine. Il quarto capitolo è dedicato all'analisi del primo comma dell'articolo 609-bis c.p.,che disciplina le ipotesi di violenza sessuale compiuta per costrizione, attraverso l'utilizzo di mezzi coercitivi tassativamente elencati, ovvero la violenza, la minaccia e l'abuso di autorità. Il quinto capitolo è dedicato all’analisi della fattispecie di violenza sessuale per induzione mediante abuso delle condizioni di inferiorità fisica o psichica in cui versi la persona offesa al momento del fatto (articolo 609-bis comma II). L'analisi si è concentrata in particolare sull'interpretazione giurisprudenziale dei concetti di inferiorità fisica e psichica, di induzione e di abuso, attraverso una disamina della casistica formatasi sull'argomento. Conclusa la disamina del fatto tipico delineato entro la fattispecie di cui all'articolo 609- bis, si è proseguito con l'esame degli ulteriori elementi che, secondo la tradizionale teoria tripartita, costituiscono il reato, ovverosia l'antigiuridicità, attraverso l'analisi delle cause di giustificazione compatibili con il dettato normativo, e la colpevolezza, con una disamina delle possibili tipologie di dolo applicabili al delitto di violenza sessuale (reato questo,come noto,non imputabile a titolo di colpa). Il settimo capitolo è dedicato all'analisi del delitto nella sua forma tentata; secondo l'orientamento prevalente in dottrina e giurisprudenza, la violenza sessuale appartiene al novero dei reati di mera condotta,giungendo a piena consumazione nel momento in cui viene perfezionato l'atto sessuale, coattivamente imposto o abusivamente indotto. Il capitolo ottavo è incentrato sull'analisi dell'istituto del concorso di persone nel reato di violenza sessuale, alla luce delle profonde innovazioni in materia apportate dall'introduzione, con la legge di riforma del 1996, dell'autonoma fattispecie della violenza sessuale di gruppo, disciplinata dall'articolo 609-octies c.p.; si è poi posta l'attenzione sulla questione della configurabilità di una responsabilità penale per concorso mediante omissione alla violenza sessuale commessa da terzi, con particolare riferimento alla casistica in materia di violenza sessuale intrafamiliare a danno di minori. La trattazione si chiude con la disamina della circostanza attenuante speciale prevista dall'ultimo comma dell'articolo 609-bis c.p., che prevede una riduzione della pena in misura non eccedente i due terzi da applicare nei “casi di minor gravità”; si è ritenuto opportuno richiamare soprattutto le pronunce della giurisprudenza di legittimità sull'argomento, dal momento che la Suprema Corte, nello svolgimento della sua funzione nomofilattica, ha provveduto ad elaborare alcuni criteri interpretativi atti a limitare, pur senza eliderla del tutto,la considerevole indeterminatezza e la conseguente ampia discrezionalità insita nell'attenuante in esame.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO PRIMO BENE GIURIDICO TUTELATO E COLLOCAZIONE SISTEMATICA DELLA NORMA La legge 15 febbraio 1996, n° 66, prende l'avvio disponendo, all'articolo 1, l'abrogazione integrale del capo I (denominato “delitti contro la libertà sessuale”) del titolo IX (“dei delitti contro la moralità pubblica e il buon costume”) del libro II del codice penale, nonché l'abrogazione degli articoli 530, 539, 541, 542 e 543, tutti rientranti nel medesimo titolo IX. L'incipit di questa riforma ha destato non poche perplessità, giacché, come è stato sottolineato da autorevole dottrina 1 , solitamente l'eliminazione di una regolamentazione preesistente è conseguente, e non prodromica, all'emanazione della nuova disciplina sulla materia de qua. E' pacifico, infatti, che una norma abrogativa abbia un significato costitutivo autonomo solo nel caso in cui si debba procedere alla deregolamentazione di una materia, o quando la si intenda ricondurre ad un regime normativo comune, nel caso di abolizione di una regolamentazione speciale 2 . Quando invece (come nel caso di specie in materia di reati sessuali) si intenda procedere semplicemente ad una successione di norme l'eventuale apposizione di una clausola abrogativa espressa assume un valore meramente dichiarativo, poiché l'efficacia abolitiva è insita nel fatto stesso della nuova regolamentazione, in base ai principi di non contraddizione logica e di unità e coerenza del sistema codicistico; per questo motivo, generalmente, le norme abrogative seguono, e non precedono, il testo della disciplina innovativa. E' lecito quindi supporre che l'inusuale precedenza accordata dal legislatore alla clausola abrogativa di cui all'articolo 1 della legge n° 66/1996 risponda a un'esigenza di carattere più ideologico e politico che di effettiva tecnica legislativa; si è voluto sostanzialmente dare risalto alla nuova collocazione delle norme in materia di reati sessuali, che a 1 PADOVANI, in CADOPPI (a cura di), Commentario delle norme contro la violenza sessuale e la pedofilia, CEDAM, Padova, 2006, p. 415 2 CARMONA , Le nuove norme a tutela della libertà sessuale: problemi di diritto intertemporale, in Cass. Pen., 1998, p. 992

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

violenza
diritto
violenza sessuale
penale
abuso
stupro
sessuale
609 bis
atti sessuali
legge 66/1996
sentenza dei jeans

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi