Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo regionale ed europeizzazione. L'esperienza delle politiche regionali in Turchia durante i negoziati di adesione all'Unione Europea

Il tema dell'europeizzazione in contesti esterni all'UE costituisce un ambito di ricerca molto interessante per comprendere il ruolo che l‟Unione sta tentando di costruire verso l'esterno in qualità di “soft-power” (Bialasiewicz, 2009). Nel caso della Turchia, la prospettiva di adesione può essere in generale considerata una forza di primo ordine nello stimolare la ristrutturazione dello stato, soprattutto in ambiti come la democrazia, il sistema politico, il rapporto tra il potere militare e quello civile, ecc. Ciò sembra essere una conclusione condivisa in buona parte della letteratura sull'ingresso del paese nell'UE.

Mostra/Nascondi contenuto.
Sviluppo regionale ed europeizzazione: l‟esperienza delle politiche regionali in Turchia durante i negoziati di adesione all‟UE 7 Introduzione Quando il 12 settembre 1963, fu raggiunto l‟Accordo di associazione tra la CEE e la Turchia, l‟allora presidente europeo, il tedesco della Cdu Walter Hallstein, dichiarò: <<La Turchia fa parte dell‟Europa. E‟ questo il senso profondo di questo processo: è la conferma, nella forma più appropriata ai nostri tempi, di una verità che è qualcosa di più dell‟espressione abbreviata di una dichiarazione geografica o di un‟osservazione storica, valida per qual- che secolo. (Carducci, Bernardini d‟Arnesano, 2008, p. 137) La parte centrale del ventesimo secolo vide, in molte parti del mondo, la vittoria dello stato-nazione sulle altre forme di organizzazione politico- territoriale. Tale fenomeno di “nazionalizzazione” della vita sociale, economica e politica, iniziato in alcuni contesti già all‟inizio dell‟Ottocento, vide la pro- gressiva riduzione del potere o il collasso di entità territoriali come gli imperi multi-nazionali e le città-stato. Al contrario, a partire dagli anni ‟70 del Nove- cento, in quasi tutti i paesi industrializzati si sono avuti processi di ridefinizio- ne dei poteri precedentemente accentrati nelle mani dello stato centralizzato. Determinato da vari fattori, tale processo è stato definito di re-scaling. Esito di questo è stata una spinta che si esercita in due direzioni opposte: verso l‟alto, in direzione di istituzioni e sistemi territoriali sovra-nazionali, e verso il basso, cioè verso entità territoriali come le regioni e le città. Il processo di unificazione europea ha avuto effetti significativi sulle po- litiche pubbliche degli stati membri: si può parlare, usando un termine accade- mico alla moda, di “europeizzazione” di tali politiche. Da un lato il fenomeno di “costruzione” dell‟Unione Europea si è manifestato in un ridimensionamen- to dei poteri degli stati membri. Dall‟altro, ciò ha favorito l‟emersione di un

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Interfacolta' tra Economia, Scienze Politiche e Lettere

Autore: Davide Luca Contatta »

Composta da 279 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 867 click dal 09/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.