Skip to content

Adipochine e progressione del carcinoma prostatico

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Di Palo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Adriano Angelucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

L’obesità, definita clinicamente come un aumento eccessivo del peso corporeo ed in particolare del tessuto adiposo, è sufficiente a produrre conseguenze negative per la salute. I fattori che determinano l’insorgenza di tali condizioni sono molteplici, in particolare si ritiene che l’obesità sia determinata dall’interazione tra fattori genetici, fisiologici ed ambientali. Diversi eventi cellulari, influenzando la regolazione dell’omeostasi energetica dell’individuo, possono causare o prevenire l’insorgenza dell’obesità. Si potrebbe pensare, ad esempio, che l’insorgenza dell’obesità e delle sue complicanze possa essere prevenuta limitando lo sviluppo del tessuto adiposo. Modelli sperimentali, nei quali è stata ridotta la differenziazione, lo sviluppo e la sopravvivenza delle cellule adipose, hanno dimostrato che gli animali sembrano soffrire della mancanza di un adeguato deposito energetico con conseguente perdita di importanti ormoni prodotti dagli adipociti. Negli ultimi anni, nei Paesi maggiormente sviluppati, è stato osservato un notevole incremento del numero di individui obesi, di diverse età ed estrazione sociale e tale incremento ha indotto gli studiosi a considerare l’obesità come una vera e propria “epidemia”. L’obesità e la sua regolazione sono, da diverso tempo, oggetto di studio anche perché è stato ampiamente documentato che la sua presenza è associata ad un aumento del rischio di insorgenza di tumori di origine diversa. In particolare l’obesità è considerata, come un notevole fattore di rischio nell’insorgenza del cancro alla mammella e alle ovaie, nelle donne in post-menopausa e del cancro alla prostata negli uomini. I possibili meccanismi attraverso i quali l’obesità può influenzare l’insorgenza del cancro includono la non corretta distribuzione del grasso corporeo e l’alterazione dei sistemi ormonali, inclusi gli ormoni sessuali e l’insulina. Tuttavia, nonostante la relazione esistente tra obesità e sviluppo di alcuni tumori sia ormai accertata i meccanismi non sono stati del tutto chiariti. Recenti scoperte, nella biologia dell’adipocita, hanno dimostrato come il tessuto adiposo bianco abbia funzioni autocrine, paracrine ed endocrine. Si sa, infatti, che l’adipocita è più di un semplice deposito di lipidi; esso secerne numerosi importanti fattori circolanti, tra i quali il TNF-α, l’IL-6, l’angiotensina, il PAI-1, la leptina, l’adiponectina e la resistina oltre ai grassi non esterificati (i NEFA) tramite lipolisi. Alcuni di questi fattori sembrerebbero svolgere un ruolo cruciale nell’insorgenza di vari tipi di tumori e/o nelle altre complicanze dell’obesità. Numerosi modelli sperimentali suggeriscono come la leptina, l’ormone principale prodotto dal tessuto adiposo, possa essere coinvolto nella patogenesi e nella progressione di alcune forme tumorali, fra cui il cancro alla mammella, alle ovaie e alla prostata. Negli ultimi anni sono stati pubblicati numerosi lavori riportanti i diversi, talvolta anche controversi, effetti svolti dalla leptina nel regolare la crescita e la progressione di linee cellulari ottenute da tumori umani. È quindi di notevole rilevanza capire il ruolo svolto dalla leptina nel regolare i meccanismi di trasmissione del messaggio in modo da poter individuare, eventualmente, delle strategie che potrebbero bloccarne l’azione pro-tumorale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 grassi non esterificati (i NEFA) tramite lipolisi. Alcuni di questi fattori sembrerebbero svolgere un ruolo cruciale nell‟insorgenza di vari tipi di tumori e/o nelle altre complicanze dell‟obesità. Numerosi modelli sperimentali suggeriscono come la leptina, l‟ormone principale prodotto dal tessuto adiposo, possa essere coinvolto nella patogenesi e nella progressione di alcune forme tumorali, fra cui il cancro alla mammella, alle ovaie e alla prostata. Negli ultimi anni sono stati pubblicati numerosi lavori che illustrano i diversi, talvolta anche controversi, effetti svolti dalla leptina nel regolare la crescita e la progressione di linee cellulari ottenute da tumori umani. È quindi di notevole rilevanza capire il ruolo svolto dalla leptina nel regolare i meccanismi di trasmissione del messaggio in modo da poter individuare, eventualmente, delle strategie che potrebbero bloccarne l‟azione pro-tumorale. L‟obesità è una patologia cronica ad eziologia multifattoriale (culturale, ambientale, socioeconomica, psicologica e genetica) in cui si rileva un eccesso del grasso corporeo che compromette la qualità e la durata della vita. Normalmente, la quantità di grasso non dovrebbe superare il 9% della massa corporea negli uomini ed il 22% nelle donne; quindi al di sopra di questi limiti, si dovrebbe già poter parlare di obesità. In realtà, l‟obesità deve essere distinta da ciò che viene definito come sovrappeso, il quale si riferisce al peso in eccesso rispetto alcuni standard assunti in modo più o meno arbitrario. Tuttavia, i confini tra i due termini sono alquanto sfumati: di conseguenza, spesso il termine sovrappeso è usato come sinonimo di obesità. I primi tentativi di classificare l‟obesità risalgono agli inizi del „900, quando questa venne distinta in esogena, dovuta cioè a fattori esterni all‟individuo, ed endogena, causata da anomalie nel funzionamento fisiologico della persona. Nel corso degli anni sono stati proposti numerosi sistemi di classificazione, ognuno dei quali si basa su criteri distintivi specifici. Elemento comune di questi criteri classificatori è il riconoscimento che l‟obesità è una condizione eterogenea, con eziologia multipla e con diverse conseguenze fisiche e psicologiche. Sebbene l‟obesità sembri una manifestazione evidente, non è facile trovare criteri scientifici che consentano di definire quantitativamente i suoi limiti. Alcuni ricercatori hanno accettato come criterio distintivo per poter parlare di obesità quello del rischio per la vita: i dati mostrano, infatti, che una persona obesa corre un maggior rischio di contrarre malattie e quindi di abbreviare la propria esistenza. In base a questi criteri, l‟obesità può essere definita come quella condizione in cui il peso di un individuo supera di almeno il 20% il limite superiore atteso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

obesità
carcinoma prostatico
leptina
adipochine
adiponectina
modificazioni epigenetiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi