Skip to content

Giovanni Testori e la fortuna di Picasso tra artisti e critici del dopoguerra

Informazioni tesi

  Autore: Federica Fullin
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'arte
  Relatore: Alessandro Rovetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 293

Oggi la critica è concorde sul fatto che Picasso non è stato soltanto il più grande del suo tempo, ma uno dei più grandi in assoluto.
Testori ha scritto e recensito molti artisti, dai più antichi ai contemporanei. È strano, quindi, che non abbia mai scritto un libro su Picasso, il genio del Novecento. Ma questo non vuol dire che non abbia mai “parlato” di lui. L’ha fatto, in altri modi: sulle riviste artistiche e sui quotidiani, attraverso le lettere e i manifesti.
A Testori piaceva Picasso? Si e no. Il suo giudizio sull’artista cambia molto nel corso della sua vita; questo può sembrare un fatto assolutamente normale, dato che il primo scritto è del 1945 (Testori ha 22 anni) mentre l’ultimo è del 1992 (Testori ormai settantenne e indebolito dalla malattia che lo conduce in breve tempo alla morte). L’aspetto singolare è che il giudizio muta radicalmente, antiteticamente, nel giro di un paio d’anni .
L’obiettivo del mio lavoro è stato quello di ricostruire questa linea di giudizio di Testori su Picasso, attraverso le pubblicazioni giovanili su riviste come «Argine Numero» e «Numero Pittura», le lettere agli amici pittori e critici d’arte, per ultime le recensioni delle mostre degli anni della maturità apparse sul «Corriere della Sera». Ovviamente ho tenuto conto anche del cambiamento della sua pittura.
Fondamentale per questa ricerca è stata l’analisi del panorama artistico, storico, critico in cui Testori si inserisce con il suo giudizio. Importantissime le idee (artistiche e critiche) dei suoi amici e colleghi: Roberto Longhi (suo maestro), Guttuso, Morlotti e Arcangeli. Lo sfociare in un discorso politico è stato inevitabile dal momento che Picasso, dagli anni trenta in poi è stato associato al comunismo e alla resistenza (Guernica). Stare con Picasso, e apprezzare un’opera come Guernica, voleva dire (e vuol dire, in parte, tutt’ora) prendere una posizione politica.
Ho così ordinato i diversi argomenti partendo dalla trattazione di Guernica, nel primo capitolo, per poi passare a una descrizione, si spera il più sintetica ma precisa possibile, del panorama artistico-culturale italiano degli anni intorno alla Seconda guerra mondiale. Il terzo capitolo è una trattazione della mostra su Picasso, svoltasi al Palazzo Reale di Milano nel 1953; è una tappa fondamentale per comprendere il tema del picassismo in Italia, per questo motivo ho cercato di raccogliere il maggior numero di notizie e recensioni di questo evento (soprattutto articoli di giornale), uno dei più importanti, anzi, il più importante, di quegli anni. Il capitolo successivo è dedicato alla cerchia intellettuale di Testori. All’interno di questo, un paragrafo tratta del rapporto tra Longhi e Picasso poiché la critica d’arte di Longhi è alla base sia di quella di Testori che di quella di Arcangeli, ovviamente con i dovuti cambiamenti dovuti al passaggio generazionale; un altro paragrafo è intitolato a Guttuso e Picasso dal momento che il pittore di Bagheria era in stretto contatto con l’artista spagnolo, dal punto di vista artistico ma anche, e forse soprattutto, da quello politico; infine un accenno a Morlotti (e alla critica su di lui), il pittore amico di Testori, che inizialmente aveva guardato molto a Picasso ma poi se ne era allontanato. Finalmente si passa al fulcro del mio lavoro, ovvero alla critica di Giovanni Testori su Picasso (quinto capitolo), che, per facilitare la lettura, ho suddiviso in capitoli a seconda degli anni; il decennio più importante perché più ricco di intereventi è quello degli anni ’40. Gli anni cinquanta vedono poche pubblicazione, ma di estrema importanza. Gli anni sessanta testimoniano una situazione di silenzio per quanto riguarda il giudizio su Picasso e sul cubismo in generale. Gli interventi critici su Picasso riprendono dalla fine degli anni ’70 e proseguono fino al 1992; ho deciso di raggruppare il materiale di questi anni per la contiguità degli argomenti (sono tutti articoli apparsi sul «Corriere della Sera»). In questo modo il discorso critico sembra trovare un’appropriata conclusione. In coda al lavoro ho riportato le schede delle mostre relative agli articoli di Testori, nonché gli articoli veri e propri del critico, i manifesti e le lettere.
Spero che questo lavoro possa contribuire a sviluppare una linea di ricerca che fino ad ora è stata poco studiata. Di Testori, infatti, si tende a privilegiare la critica sugli artisti del passato, soprattutto quelli del Seicento lombardo. E questo nonostante egli abbia avuto idee molto interessanti e innovative riguardo agli artisti contemporanei. Mi auguro, quindi, che questo lavoro su Testori e Picasso possa avviare tutta una serie di ricerche sul rapporto tra Testori e altri artisti del suo tempo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dopoguerra
corriere della sera
comunismo
pittura
critica d'arte
testori
longhi
giovanni
guernica
picasso
critici
arcangeli
argine numero
novate milanese
morlotti
guttuso
palazzo reale
1953

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi