Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Interventi di Cultural Regeneration della Marca Fermana: analisi e progettazione di un percorso sostenibile.

L'obiettivo di questo elaborato è quello di proporre un progetto di cultural regeneration per il contesto territoriale della Marca Fermana. Situata tra le province di Ascoli Piceno e Macerata, questa zona da un anno è istituzionalmente riconosciuta come Provincia di Fermo e di fatto è la quinta provincia della Regione Marche.
L'idea di questo lavoro prende forma unendo la conoscenza profonda di questo territorio, data la mia provenienza, e quella del mio percorso formativo nel campo della progettazione culturale.
Partendo dall'analisi dei cambiamenti sociali, economici e culturali causati dal fenomeno della globalizzazione che, non solo modifica le forme della comunicazione, accorcia le distanze fisiche e aumenta i contatti culturali, ma richiede anche uno sforzo di ridefinizione dell'identità, in particolare quella territoriale e culturale, si è giunti alla strutturazione di un progetto relativo alla Marca Fermana. Tale progetto parte dall'importanza che si riconosce alla partecipazione della comunità in campo progettuale ed è stato realizzato grazie agli strumenti della progettazione culturale. Inoltre, si è ritenuto fondamentale affrontare il tema della sostenibilità punto centrale per la costruzione di nuovi processi di sviluppo.
In una successione che segue lo schema delle scatole cinesi, questi argomenti si succedono fino ad arrivare al capitolo conclusivo in cui si presenta il progetto vero e proprio.
Nel Primo Capitolo si affronta il tema della ri-definizione dell'identità territoriale analizzando come questa sia cambiata nel tempo e presentando come si presenta oggi nel pieno processo di globalizzazione. Nel Secondo Capitolo si presenta il dibattito sulla sostenibilità analizzandone i diversi aspetti per giungere alla fine ad una nuova definizione che la veda non più come obiettivo da perseguire, bensì come caratteristica del processo progettuale. Nel Terzo Capitolo si analizzano le forme distrettuale con l'obiettivo di vedere come queste siano le forme ideali di base per la realizzazione di un processo di sviluppo nell'era dell'economia della conoscenza proprio perché si basano sullo sviluppo a rete condiviso. In particolare, si vede come la forma del distretto possa costituire un elemento di successo anche per il settore culturale e non solo per quello economico-industriale. Successivamente, nel Quarto Capitolo, si presentano le teorie, i metodi e gli strumenti relativi al concetto di promozione della partecipazione e alle pratiche della progettazione culturale su cui sarà basato il progetto oggetto di questo lavoro. Nel Quinto Capitolo si descrive il contesto ambientale, economico, culturale ed organizzativo della Marca Fermana in modo da chiarirne le caratteristiche da cui si parte per la progettazione. Infine, nel Sesto Capitolo, si presenta un sunto dei temi affrontati nei capitoli precedenti sotto forma di progetto di rigenerazione culturale per il territorio descritto mostrandone l'originalità rispetto alle proposte già esistenti dell'amministrazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L'obiettivo di questo elaborato è quello di proporre un progetto di cultural regeneration per il contesto territoriale della Marca Fermana. Situata tra le province di Ascoli Piceno e Macerata, questa zona da un anno è istituzionalmente riconosciuta come Provincia di Fermo e di fatto è la quinta provincia della Regione Marche. L'idea di questo lavoro prende forma unendo la conoscenza profonda di questo territorio, data la mia provenienza, e quella del mio percorso formativo nel campo della progettazione culturale. Partendo dall'analisi dei cambiamenti sociali, economici e culturali causati dal fenomeno della globalizzazione che, non solo modifica le forme della comunicazione, accorcia le distanze fisiche e aumenta i contatti culturali, ma richiede anche uno sforzo di ridefinizione dell'identità, in particolare quella territoriale e culturale, si è giunti alla strutturazione di un progetto relativo alla Marca Fermana. Tale progetto parte dall'importanza che si riconosce alla partecipazione della comunità in campo progettuale ed è stato realizzato grazie agli strumenti della progettazione culturale. Inoltre, si è ritenuto fondamentale affrontare il tema della sostenibilità punto centrale per la costruzione di nuovi processi di sviluppo. In una successione che segue lo schema delle scatole cinesi, questi argomenti si succedono fino ad arrivare al capitolo conclusivo in cui si presenta il progetto vero e proprio. Nel Primo Capitolo si affronta il tema della ri-definizione dell'identità territoriale analizzando come questa sia cambiata nel tempo e presentando come si presenta oggi nel pieno processo di globalizzazione. Nel Secondo Capitolo si presenta il dibattito sulla sostenibilità analizzandone i diversi aspetti per giungere alla fine ad una nuova definizione che la veda non più come obiettivo da perseguire, bensì come caratteristica del processo progettuale. Nel Terzo Capitolo si analizzano le forme distrettuale con l'obiettivo di vedere come queste siano le forme ideali di base per la realizzazione di un processo di sviluppo nell'era dell'economia della conoscenza proprio perché si basano sullo sviluppo a rete condiviso. In particolare, si vede come la forma del distretto possa costituire un elemento di successo anche per il settore culturale e non solo per quello economico-industriale. Successivamente, nel Quarto Capitolo, si presentano le teorie, i metodi e gli strumenti relativi al concetto di promozione della partecipazione e alle pratiche della progettazione

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elisa Cifola Contatta »

Composta da 246 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 226 click dal 14/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.