Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ipersensibilità IgE mediata al vaccino antitetanico: descrizione di quattro casi clinici

Approfondito lavoro su quattro casi clinici legati all'ipersensibilità IgE mediata al vaccino antitetanico.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Breve storia delle vaccinazioni Le vaccinazioni, strumento di difesa attiva contro molte infezioni, hanno cambiato la storia del genere umano. Il termine vaccinazione si rifà all’impiego del virus del “vaiolo-vaccino” utilizzato da Jenner nel 1796 nella profilassi del vaiolo umano. Nel 1885 Pasteur ha aperto la strada alla sperimentazione scientifica con l’applicazione del primo trattamento antirabbico post-esposizione tramite un vaccino coltivato su midollo di coniglio. Alla vaccinazione antivaiolosa è seguita l’antidifterica, poi l’anti-tubercolare e l’antitetanica. Un’altra tappa fondamentale nella storia delle vaccinazioni è stata la comparsa del vaccino antipolio, dapprima con virus uccisi (secondo Salk) nel 1954 e poi con virus vivi attenuati (secondo Sabin) nel 1956 (1,2,3). Con l’ingresso nella pratica medica quotidiana delle vaccinazioni si è verificata nell’arco di tre decenni, una drastica riduzione delle malattie infettive. Nel 1981 l’O.M.S. ha ufficialmente dichiarato l’eradicazione del vaiolo. Oggi si può parlare di eradicazione anche per la polio e la difterite che sono quasi del tutto scomparse nel mondo Occidentale (1,2,3). Nel nostro Paese, il tetano neonatale è ufficialmente scomparso (4).

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Oriano Grossi Contatta »

Composta da 51 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2523 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.