Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Speculazione finanziaria e High Frequency Trading

L’elaborato si pone l’obiettivo di analizzare in quale modo l’attività speculativa si concretizza in alcuni settori del mercato, al fine di evidenziare le opportunità di sviluppo e profitto che comporta per alcuni, i rischi e i danni sociali che può procurare a molti altri.
Nel primo capitolo sono descritti i principali strumenti finanziari derivati, viene analizzato il mercato di riferimento e le tipologie di traders che vi operano. Il secondo capitolo è dedicato agli Hedge Funds, veicoli d’investimento nati come strumento di copertura dai rischi di mercato e col tempo diventati dei veri e propri fondi speculativi. Nel terzo capitolo viene affrontato il difficile tema della speculazione nel mercato alimentare, con una attenzione particolare alle recenti rivolte del Nord Africa, le cui cause vanno essenzialmente ricercate nell’operato degli speculatori delle commodities alimentari. Infine, il quarto capitolo è dedicato all’High Frequency Trading, nuova frontiera del trading borsistico. Dopo aver inquadrato storicamente questi sistemi e analizzato le principali strategie di trading, saranno esposti i principali effetti sul mercato che questo nuovo modo di fare trading sta comportando.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La speculazione finanziaria è un’attività di investimento che implica l’assunzione di forti rischi, in quanto consiste nel prendere posizione sulla base di aspettative non immediatamente visibili all’orizzonte. Il termine “speculare” deriva dal latino specula, che indica un luogo dal quale è possibile osservare, facendo riferimento a colui che stava di vedetta per guardare più lontano i movimenti delle truppe nemiche. Speculare, dunque, vuol dire guardare più lontano degli altri, interpretando tempestivamente ogni tipo di segnale proveniente dall’ambiente esterno. A differenza dei normali investitori, gli speculatori non sono tanto interessati ai titoli in sé e al comportamento dell’attività sottostante i prodotti finanziari che acquistano, ma si preoccupano soltanto del movimento, al rialzo o al ribasso, dei medesimi. Lo speculatore è uno che scommette, che rischia. A volte guadagna anche molto bene, a volte perde. La speculazione è un’attività che spesso è vista con riluttanza dai non addetti ai lavori, ma in realtà è di fondamentale importanza per i mercati finanziari, dal momento che senza di essa non esisterebbero gli investimenti finanziari nella maniera in cui li intendiamo. Infatti, gli speculatori finanziari garantiscono ai mercati uno degli elementi più importanti, ovvero la liquidità. Chi acquista titoli lo fa perché sa che in qualunque momento futuro potrà rivenderli a un prezzo di mercato e troverà qualcuno che sarà disposto a scommettervi. Se i titoli non fossero vendibili con facilità, nessuno li acquisterebbe. Gli speculatori, dunque, sono essenziali al funzionamento dei mercati finanziari e il problema non risiede tanto nell’attività di speculazione in sé, bensì nell’inadeguata regolamentazione della stessa. Quando le Autorità di Vigilanza non attuano un controllo stringente sulle attività di investimento, gli speculatori trovano terreno fertile per mettere in atto le proprie strategie, le quali spesso sono eseguite al limite della legalità.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Guerrino Centrella Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3465 click dal 19/12/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.