Skip to content

L'antitrust degli Usa e dell'Ue a confronto in materia di concentrazioni

Informazioni tesi

  Autore: Jacopo Pascolini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gustavo Ghidini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 207

Il lavoro in esame confronta le discipline antitrust degli Stati Uniti e dell’U.E. in materia di concentrazioni evidenziando le divergenze ed i punti in comune tra i due sistemi.
Il capitolo I delinea il quadro storico- sociale in cui si sono affermate le discipline in oggetto, evidenziando le differenti radici culturali dei due sistemi. emerge come il risultato della concentrazione sia il cambiamento strutturale del mercato rilevante in cui operano le imprese interessate; inoltre vengono esposte le motivazioni principali che portano le imprese interessate a concentrarsi, esponendo come poi gli effetti dell’operazione possano tradursi in termini di guadagni di efficienza ma anche in termini di un pregiudizio per la concorrenza del mercato rilevante. Nel capitolo II vengono esposte le discipline dei due sistemi. Negli Stati Uniti il controllo delle concentrazioni ha origine nel 1890 con lo Sherman Act, relativo al divieto dei monopoli. A ciò fa seguito, nel 1914 il Clayton Act, la cui section 7 si occupa espressamente di concentrazioni tra imprese, vietando le operazioni che creino una “substantial lessening of competition”. Tale sezione è stata integrata, nel 1976, dall’Hart-Scott-Rodino improvment act che introduce, tra le altre novità, l’obbligo di notifica preventivo alle autorità antitrust federali delle operazioni di concentrazione.
La disciplina dell’U.E., invece, consta di un unico atto normativo: il Regolamento Ce n. 4064/89. Il capitolo suddetto ne esamina il contenuto e le modifiche che ha subito negli anni, evidenziando come il controllo sulle concentrazioni sia di competenza esclusiva della Commissione. Tale organo svolge il controllo delle operazioni in due fasi: nella prima, dopo aver assolto le parti l’obbligo di notifica dell’operazione, la Commissione svolge un’istruttoria in merito alla dimensione comunitaria dell’operazione e alla sua compatibilità con il test sostanziale ex art 2 Reg. Ce n. 4064/89, la seconda fase, invece, è eventuale e viene aperta qualora nella prima fase siano sorti dei dubbi in merito alla compatibilità dell’operazione con il mercato comune.
Il capitolo III espone propriamente il confronto tra le due discipline in relazione alle questioni giurisdizionali, sostanziali e procedurali.
Dal primo confronto emerge come il coordinamento tra gli organi antitrust statali e gli organi antitrust centrali che controllano le concentrazioni sia differente negli Stati Uniti e nell’U.E. In Europa, infatti, sussiste un rapporto di sussidiarietà tra le autorità antitrust, mentre negli Stati Uniti la struttura federale consente una maggiore cooperazione tra le autorità statali e quelle federali.
Dal confronto sostanziale emerge come le due discipline, sebbene adottino due criteri di valutazione differenti, tuttavia giungono spesso alle stesse conclusioni nelle valutazioni delle operazioni. non sono mancate critiche al sistema comunitario che non garantirebbe adeguate garanzie al diritto di difesa delle parti coinvolte nell’operazione.
Il capitolo IV, espone il caso General Electric/Honeywell. Tale operazione di concentrazione conglomerale rileva non solo per la sua dimensione, ma per i divergenti esiti valutativi a cui sono giunte le autorità antitrust nell’U.E. e negli Stati Uniti. Infatti mentre la Commissione ha posto il veto all’operazione, negli Stati Uniti essa è stata approvata.
Nelle conclusioni, infine, è riportata la natura “filosofica” della divergenza tra le discipline sul controllo delle concentrazioni europea e statunitense. Mentre l’U.E. tiene in considerazione la necessità che il mercato unico abbia una struttura “pluralista” e quanto più omogenea tra gli Stati membri, negli Stati Uniti l’attenzione è focalizzata sui guadagni di efficienze che nel breve termine una operazione produrrebbe a favore della collettività, indipendentemente dall’eventuale concentrazione dei mercati in cui operano le imprese interessate in quanto ciò avverrebbe “on merits” e non artificialmente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 CAPITOLO I: INTRODUZIONE. 1. PREMESSA. Il lavoro in esame confronta le discipline antitrust degli Stati Uniti e dell’U.E. in materia di concentrazioni evidenziando le divergenze ed i punti in comune tra i due sistemi. Il capitolo I delinea il quadro storico- sociale in cui si sono affermate le discipline in oggetto, evidenziando le differenti radici culturali dei due sistemi. Il testo, poi, analizza gli aspetti giuridico- economici delle operazioni di concentrazione, descrivendo i concetti di operazione di concentrazione, di mercato rilevante, di fusione, di acquisto del controllo e di cooperazione tra imprese. Dall’esame emerge come il risultato della concentrazione sia il cambiamento strutturale del mercato rilevante in cui operano le imprese interessate; inoltre vengono esposte le motivazioni principali che portano le imprese interessate a concentrarsi, esponendo come poi gli effetti dell’operazione possano tradursi in termini di guadagni di efficienza ma anche in termini di un pregiudizio per la concorrenza del mercato rilevante. Nel capitolo II vengono esposte le discipline dei due sistemi. Negli Stati Uniti il controllo delle concentrazioni ha origine nel 1890 con lo Sherman Act, relativo al divieto dei monopoli. A ciò fa seguito, nel 1914 il Clayton Act, la cui section 7 si occupa espressamente di concentrazioni tra imprese, vietando le operazioni che creino una “substantial lessening of competition”. Tale sezione è stata integrata, nel 1976, dall’Hart-Scott-Rodino improvment act che introduce, tra le altre novità, l’obbligo di notifica preventivo alle autorità antitrust federali delle operazioni di concentrazione. Il paragrafo 1.3 del II capitolo prende in considerazione anche l’evoluzione delle Merger Guidelines. Queste sono atti del Department of Justice e della Federal Trade Commission che contengono i criteri da seguire nella valutazione delle operazioni di concentrazione. Inoltre le Guidelines affrontano le questioni più

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mercato
merger
antitrust
concentrazioni
clayton act
sherman act
hart scott rodino act
failing company defense

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi