Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal feto al bambino: il processo di nascita

Vi chiederete: perché analizzare cosa accade al momento del parto? Perché la nascita porta con sé significati che normalmente vengono rimossi e dimenticati, eppure continuano ad influenzarci.
Il lavoro che presento nasce, infatti, dal desiderio personale di lavorare nel reparto maternità ospedaliero per aiutare la mamma, la coppia e il bambino stesso a vivere in maniera più naturale possibile il momento della nascita riducendo al minimo le “interferenze” del personale medico.

L’avventura del parto ha sempre interessato sia la psicologia che la medicina: è l’evento più straordinario e allo stesso tempo il più studiato.
Sembra ormai, però, diventata una moda considerare la nascita come un momento traumatico per il neonato, in primo luogo sul piano fisico ma, soprattutto, su un piano emotivo e comportamentale. Si pensa, inoltre, che le conseguenze di tale trauma si ripercuotano nella vita di ognuno di noi. Ma tutto questo ha senso? E soprattutto che cosa significa? È un discorso molto particolare ed è bene cercare di capire che cosa vuol dire “trauma della nascita” e a cosa si riferisce.
Il mio lavoro non si propone di fare alcuna ricerca sperimentale, bensì di dare importanza a quelle già fatte e ai risultati ottenuti per “accompagnare” i “non addetti ai lavori” ad avere un panorama generale sull’argomento e indurli ad approfondire.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - INTRODUZIONE Vi chiederete: perché analizzare cosa accade al momento del parto? Perché la nascita porta con sé significati che normalmente vengono rimossi e dimenticati, eppure continuano ad influenzarci. Il lavoro che presento nasce, infatti, dal desiderio personale di lavorare nel reparto maternità ospedaliero per aiutare la mamma, la coppia e il bambino stesso a vivere in maniera più naturale possibile il momento della nascita riducendo al minimo le “interferenze” del personale medico. L’avventura del parto ha sempre interessato sia la psicologia che la medicina: è l’evento più straordinario e allo stesso tempo il più studiato. Sembra ormai, però, diventata una moda considerare la nascita come un momento traumatico per il neonato, in primo luogo sul piano fisico ma, soprattutto, su un piano emotivo e comportamentale. Si pensa, inoltre, che le conseguenze di tale trauma si ripercuotano nella vita di ognuno di noi. Ma tutto questo ha senso? E soprattutto che cosa significa? È un discorso molto particolare ed è bene cercare di capire che cosa vuol dire “trauma della nascita” e a cosa si riferisce.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Mariagiovanna Crocicchio Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3788 click dal 16/12/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.