Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un approccio sperimentale allo studio della comunicazione nei dilemmi sociali

I dilemmi sociali sono situazioni in cui la razionalità individuale porta all'irrazionalità collettiva.
Nonostante questa afferamzione possa apparire paradossale, situazioni del genere si incontrano con grande frequenza, basti pensare alla sanità pubblica, alle riserve marine di pesci, ed alla tv pubblica. Queste realtà sono infatti tutte accomunate da una struttura di incentivi perversa: se tutti perseguissero infatti solo il proprio interesse individuale, sfruttando illimitatamente tali risorse o non contribuendovi, le risorse finirebbero per esaurirsi o non essere prodotte, lasciando tutti in una situaziione pegiore di quella iniziale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione I dilemmi sociali sono situazioni in cui la razionalità individuale porta all‟irrazionalità collettiva. Nonostante tale affermazione possa risultare paradossale, in realtà situazioni del genere si incontrano con molta frequenza nella vita di tutti i giorni: la tivù pubblica, il sistema sanitario, la riserva di pesci nel mare, l‟aria pulita, le foreste, e anche i parcheggi di una grande città, sono tutti esempi di dilemmi sociali. Tutte queste realtà hanno in comune una struttura di incentivi perversa: se tutti perseguissero effettivamente solo il proprio interesse individuale, sfruttando tali risorse illimitatamente o non contribuendo alla loro produzione, tali risorse finirebbero per non essere prodotte o esaurirsi, lasciando tutti in una situazione peggiore rispetto a quella iniziale. Infatti: «per ogni contadino sarebbe meglio prendere quanta più acqua possibile per irrigare, e ogni pescatore beneficerebbe dal pescare quanti più pesci possibili, ma il risultato complessivo di queste decisioni individualmente ragionevoli può essere il disastro – acqua esaurita e specie di pesci vicine all‟estinzione (Kollock, 1988:184)». Nonostante le persone siano quasi sempre ben consapevoli di questa situazione, ciò non è in genere sufficiente per fare in modo che il loro comportamento sia volto al conseguimento dell‟ottimo collettivo. Ad esempio infatti il proprio contributo può essere giudicato non rilevante, poiché troppo modesto (Bicchieri, 2002: 192), oppure l‟interesse individuale può essere troppo forte. Il problema dei dilemmi sociali è sicuramente molto rilevante, motivo per cui gli studi volti a individuare soluzioni, anche parziali, sono in continua crescita. Nonostante non si possa dire di essere giunti a una soluzione unitaria e definitiva, nel corso di numerosi esperimenti in laboratorio è stato notato che un elemento più di altri sembra contribuire a tenere in maggior conto l‟utile comune rispetto a quello individuale. Tale elemento è la comunicazione (Baillet, 2010). Gli studi sugli effetti della comunicazione

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Valentina Paparoni Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 272 click dal 10/01/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.