Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internazionalizzazione e attrazione degli investimenti: la dinamica degli ultimi anni

La mia tesi riguarda in generale l'internazionalizzazione delle aziende e dei capitali e più in particolare l'internazionalizzazione tramite gli IDE (investimenti diretti esteri). Con che modalità vengono attratti da un Paese-Zona piuttosto che da un altro. Inoltre viene sviluppata una panoramica dell'andamento di tali flussi di investimenti a vari livelli territoriali, prendendo come riferimento dapprima l'intero pianeta, poi l'Europa e infine l'Italia, spiegando soprattutto le difficoltà della nostra nazione nell'attrarre tali flussi essenziali allo sviluppo di uno Stato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro si propone di introdurre e definire gli investimenti diretti esteri (IDE) e l’importanza da questi assunta nella vita delle imprese moderne, in un mondo che tende ad essere sempre più globalizzato, in cui i sistemi economici nazionali divengono parti interconnesse di un più ampio sistema mondiale e dove, quindi, la competizione non avviene più soltanto su scala regionale o nazionale, ma planetaria. Il punto di partenza obbligatorio è costituito dall’analisi del processo di internazionalizzazione delle imprese. Gli investimenti diretti esteri, infatti, rappresentano una delle possibili modalità attraverso cui poter dar luogo a processi di espansione estera delle proprie attività, affiancandosi ad altre due modalità principali: esportazioni (dirette ed indirette) ed alleanze strategiche (accordi strategici e joint ventures ). Quindi, dapprima si è cercato di mettere in luce le motivazioni e le finalità che spingono un’impresa ad avviare il suo sviluppo internazionale, ponendo in risalto, tra l’altro, il cosiddetto approccio «per fasi» del processo di espansione estera delle imprese, o «paradigma del cambiamento incrementale», con i relativi limiti. Tale approccio adotta una visione del processo di internazionalizzazione “a stadi”, nel senso che l’espansione all’estero avviene in modo virtuoso, dalla fase meno impegnativa (esportazioni), a quella più invasiva, che richiede, perciò, 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Michele Soldano Contatta »

Composta da 264 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1630 click dal 22/12/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.