Skip to content

La mente che si inganna. Una prospettiva evoluzionistica sulla coscienza

Informazioni tesi

  Autore: Marco Bonechi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Teoria della comunicazione
  Relatore: Massimo Marraffa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

Il soggetto, secondo un'idea che si fa risalire a Cartesio, ha un'autocoscienza trasparente a se stessa e una razionalità salda. È impressione condivisa che possiamo accedere ai nostri stati mentali e conoscerli con precisione. Il cogito razionale nel caso commetta errori di giudizio è perché il corpo pulsionale lo influenza di tanto in tanto. In questo modo si assiste a una duplice scissione: da una parte la categorizzazione ontologica sostanziale pone mente come anima pensante, indipendente dal corpo emozionale e pulsionale; dall'altra, si tende a ribadire che l'uomo sia tutt'altra cosa rispetto al mondo animale, ossia, evoluzionisticamente speciale. Gli altri animali non avrebbero consapevolezza, sarebbero semplici macchine che non provano dolore.
In tempi recenti, in diversa misura rispetto al Settecento, alcuni autori presentano forme più o meno velate di dualismo cartesiano, anche in ambito scientifico. Dal nostro punto di vista supporre una specialità dell'uomo nella catena evolutiva significa non tener conto delle basi stesse della teoria darwiniana, ancora oggi, la migliore teoria scientifica sulle origini e l'evoluzione delle specie. Affermare che l'uomo non sia speciale significa trattarlo alla stessa stregua degli altri animali, presentando invece che una differenza qualitativa, una specificità quantitativa. Un'idea di questo tipo significa porre l'individuo in un contesto naturalistico gradualista più appropriato, abbandonando filosofie relativistiche e spiritualistiche. Tutti questi spunti tendono a sottolineare un'idea fondamentale: l'uomo possiede il linguaggio, l'autocoscienza, e, in generale, una mente, poiché nel corso del processo di ominazione la selezione naturale ha selezionato gradualmente e in tempi lunghissimi, determinati meccanismi cognitivi cablati nel cervello, che vincolano il soggetto in ogni suo movimento, pensiero, azione e capacità cognitiva.
Nel corso di questo lavoro andremo a sottolineare le differenze fra la prospettiva innatista e quella culturalista, preferendo senza ombra di dubbio una visione dell'individuo che parta dal basso verso l'alto o bottom-up. Per fare ciò ci dobbiamo avvalere di strumenti interdisciplinari, che facciano riflettere sulle origini cognitive delle capacità individuali. Due vincoli metodologici ci sembrano di vitale importanza per comprendere la mente umana. La plausibilità evolutiva, per cui l'individuo è frutto del processo darwiniano di selezione naturale; e la plausibilità cognitiva, il presupposto per cui tutte le manifestazioni culturali dell'individuo sono frutto di strutture cognitive sottostanti, cioè del modo in cui è fatto il cervello.
L'autocoscienza è qualcosa di molto meno saldo di quanto appaia, cambia col tempo, ed è soggetta a rielaborazioni e autoinganni. L'autoinganno è ciò che ci rimane di più importante delle teorie freudiane. L'idea di un'autocoscienza salda e introspettiva si scontra con la natura funzionale neurocognitiva. È l'idea stessa di un accesso introspettivo che è in discussione, perché ingannevole. Molti autori dal Settecento in poi hanno messo in dubbio l'idea che l'autocoscienza sia trasparente a se stessa, così come la intendeva Cartesio. Autori come Bacone, Nietzsche, Darwin, Freud e Marx si accorgono ben presto che l'idea di una mente autotrasparente e razionale non regge. L'uomo non è completamente libero, ma è dominato da qualcosa di non conoscibile aprioristicamente. La razionalità non è così salda, ma errori nel ragionamento e nel processo decisionale fanno parte del modo in cui è organizzato il pensiero stesso. L'uomo s'illude di possedere il controllo di sé, di avere un'autocoscienza salda cui può attingere in qualsiasi momento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il soggetto, secondo un'idea che si fa risalire a Cartesio, ha un'autocoscienza trasparente a se stessa e una razionalità salda. È impressione condivisa che possiamo accedere ai nostri stati mentali e conoscerli con precisione. Il cogito razionale nel caso commetta errori di giudizio è perché il corpo pulsionale lo influenza di tanto in tanto. In questo modo si assiste a una duplice scissione: da una parte la categorizzazione ontologica sostanziale pone mente come anima pensante, indipendente dal corpo emozionale e pulsionale; dall'altra, si tende a ribadire che l'uomo sia tutt'altra cosa rispetto al mondo animale, ossia, evoluzionisticamente speciale. Gli altri animali non avrebbero consapevolezza, sarebbero semplici macchine che non provano dolore. In tempi recenti, in diversa misura rispetto al Settecento, alcuni autori presentano forme più o meno velate di dualismo cartesiano, anche in ambito scientifico. Dal nostro punto di vista supporre una specialità dell'uomo nella catena evolutiva significa non tener conto delle basi stesse della teoria darwiniana, ancora oggi, la migliore teoria scientifica sulle origini e l'evoluzione delle specie. Affermare che l'uomo non sia speciale significa trattarlo alla stessa stregua degli altri animali, presentando invece che una differenza qualitativa, una specificità quantitativa. Un'idea di questo tipo significa porre l'individuo in un contesto naturalistico gradualista più appropriato, abbandonando filosofie relativistiche e spiritualistiche. Tutti questi spunti tendono a sottolineare un'idea fondamentale: l'uomo possiede il linguaggio, l'autocoscienza, e, in generale, una mente, poiché nel corso del processo di ominazione la selezione naturale ha selezionato gradualmente e in tempi lunghissimi, determinati meccanismi cognitivi cablati nel cervello, che vincolano il soggetto in ogni suo movimento, pensiero, azione e capacità cognitiva. Molti culturalisti credono che alla base delle capacità umane ci sia il linguaggio e la cultura. L'uomo nascerebbe con pochissime determinazioni interne, con una generica predisposizione all'apprendimento che man mano la cultura contribuisce a migliorare, tramite meccanismi stimolo-risposta. Oggi la ricerca empirica, le 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi