Skip to content

Clima di fiducia e crisi economica: un'analisi della capacità di previsione dei consumatori italiani

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Graziano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Gianluca Cubadda
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 35

Si è deciso di strutturare la trattazione in un capitolo centrale più un capitolo conclusivo.
Si intende procedere, innanzitutto, ad uno studio della teoria sottostante i modelli, necessario per comprendere le relazioni tra le variabili economiche. Sono stati analizzati concetti come serie storiche, modello AR e modello ADL nella loro versione più teorica per essere poi ripresi empiricamente più avanti nella trattazione.
Nella parte centrale si intende passare in rassegna diversi modelli, stimati su dati forniti da istituti di statistica nazionali ed internazionali riguardanti PIL, tasso d’inflazione, tasso di disoccupazione e indagini sul clima si fiducia ISAE, per valutare quanto i consumatori potevano prevedere ed anticipare la recente crisi. L’analisi empirica sarà caratterizzata prima da un modello autoregressivo per le variabili PIL, tasso d’inflazione e tasso di disoccupazione per poi confrontarli con i risultati ottenuti da modelli ADL (in inglese Autoregressive Distributed Lag) caratterizzati dall’aggiunta della variabile clima di fiducia (Fid).
L’elaborato terminerà con un capitolo di conclusioni nelle quali saranno riprese le considerazioni e le analisi dei risultati della parte empirica con l’enunciazione delle ipotesi conclusive circa l’impossibilità per i consumatori italiani di prevedere tale crisi definita “da contagio”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La recente crisi economica e finanziaria, che ha toccato le maggiori economie globali, ha radici ben più profonde dell‟ormai noto 15 settembre 2008, data del fallimento della banca d‟affari americana Lehman Brothers. Nel corso dell‟ultimo decennio, il costo delle materie prime è fortemente aumentato, come dimostra l‟andamento del petrolio che supera per la prima volta i 100$ al barile nel gennaio 2008 1 sorretto dall‟incessante domanda dei paesi emergenti (es.Cina e India) o dall‟azione speculativa che avviene nei mercati finanziari. L‟abbassamento dei tassi d‟interesse negli USA, in seguito all‟attacco terroristico dell‟11 settembre 2001, aveva spinto milioni di individui ad indebitarsi, complice la bolla immobiliare americana, per l‟acquisto di case. L‟inevitabile scoppio di tale bolla, all‟inizio dell‟estate 2007, ha fatto crollare i valori degli immobili che erano garanzie ipotecarie per le banche. A ciò va aggiunto il comportamento degli istituti di credito che, per rendere liquidi tali attività, li hanno smobilizzati, cartolarizzati e ceduti ad altre istituzioni finanziarie. Questi derivati, diffusi per il mondo, a causa del crollo del valore degli immobili statunitensi, hanno azzerato il proprio valore. La crisi ha impiegato poco per passare dal mercato finanziario a quello “reale” complice l‟elevato grado di correlazione dei paesi e l‟internazionalizzazione del sistema finanziario. Il PIL italiano nel corso del 2008 ha registrato un calo del 1.3% e nel 2009 un crollo del 5.0%, 1 Fonte Oil-price.net

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

econometria
disoccupazione
pil
inflazione
serie storiche
crisi economica
modello di regressione
isae
lehman brothers
clima di fiducia
consumatori italiani
test delle ipotesi
statistica f
capacità previsiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi