Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione delle acque in una raffineria di olio vegetale

La tesi è frutto del lavoro svolto nell'azienda Salov s.p.a. di Massarosa (LU). Gli obiettivi della tesi sono stati di definire quantitativamente i consumi di acqua nello stabilimento, quindi caratterizzare attraverso analisi chimico-fisiche le correnti reflue principali, e infine trovare soluzioni di processo e impiantistiche per la riduzione dei consumi di acqua.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1 INTRODUZIONE 1.1 STRATEGIE DI GESTIONE DI ACQUE INDUSTRIALI Ogni attività umana, dai normali processi fisiologici alle industrie, produce residui solidi, liquidi e gassosi. I residui liquidi (o acque reflue) derivano dai diversi utilizzi delle acque di approvvigionamento, in altre parole dalle acque che, previo trattamento, sono fornite e distribuite alla collettività. Laddove le acque reflue non siano trattate, un loro accumulo determina condizioni di setticità, a causa dei processi di trasformazione delle sostanze organiche in esse contenute; ciò determina l’insorgere di condizioni moleste anche a seguito della produzione di gas e odori sgradevoli. Le acque reflue non trattate contengono anche numerosi microrganismi patogeni provenienti direttamente dalle deiezioni umane, ed elementi nutrienti in grado di stimolare la crescita di piante acquatiche e sostanze tossiche. [1] Prima di concentrarsi sui trattamenti delle acque reflue, soprattutto quelle derivanti da processi industriali, ci si dovrebbe prima assicurare che i reflui siano stati minimizzati. In questo modo si riducono sia i costi per il trattamento acque sia quelli per l’acquisto di acqua pulita. Ci sono vari modi per ridurre i reflui: - Riuso: il refluo viene utilizzato direttamente, senza trattamenti di purificazione per un’operazione diversa da quella da cui è derivato. - Riuso previa rigenerazione: il refluo è inviato a una fase di processo diversa da quella da cui è derivato, ma subisce prima uno o più trattamenti di depurazione. - Riciclo: il refluo è riutilizzato nello stesso processo che l'ha generato. Si può riciclare il refluo tal quale (inserendo comunque uno spurgo) oppure inserire un processo di trattamento intermedio. È importante capire quando è possibile adottare un metodo piuttosto che un altro in funzione dei parametri chimico-fisici delle acque reflue che si vogliono recuperare. [2] Il processo di raffinazione degli oli vegetali utilizza grandi quantitativi di acque e attraverso i reflui scaricati introduce nei corpi idrici olio e materia grassa, che sono sostanze costituite da molecole complesse molto stabili e difficilmente degradabili. Da qui l’importanza di trattare efficacemente il refluo prima dello scarico, ma anche di cercare di diminuire l’utilizzo di acqua nel processo di raffinazione. [3] 1.2 LA RAFFINAZIONE DEGLI OLI VEGETALI 1.2.1 CARATTERISTICHE CHIMICHE DELL’OLIO VEGETALE L’olio vegetale è una miscela molto complessa, la cui composizione è molto variabile anche per oli prodotti in una stessa regione. I principali componenti dell’olio vegetale sono gli acidi grassi e il glicerolo. [4] Gli acidi grassi sono di fatto acidi carbossilici (R-COOH), costituiti da una catena di atomi di carbonio più o meno lunga. Normalmente gli acidi grassi si trovano nell’olio in forma di trigliceridi, ovvero triesteri di acidi grassi legati al glicerolo. I trigliceridi costituiscono almeno il

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Elena Simone Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 703 click dal 21/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.