Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sistemi di Controllo di Gestione e Configurazioni Organizzative: analisi di 2 campioni di imprese bergamasche a distanza di 8 anni

Relazione vigente tra dimensione organizzativa e implementazione di strumenti di controllo di gestione su un campione di imprese bergamasche.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 3 INTRODUZIONE Lo studio del legame esistente tra la struttura organizzativa e il sistema di controllo di gestione adottato dalle imprese rappresenta un filone di ricerca molto dibattuto a livello teorico. Le imprese sono protagoniste di un processo evolutivo che, secondo il modello proposto da Miller e Friesen, prevede una suddivisione del ciclo di vita in cinque fasi: nascita, crescita, maturità, rinascita e declino, durante le quali si assiste ad un parallelo mutamento dello stile di gestione (a seconda del tipo di approccio verso le risorse e le nuove opportunità, del grado di delega decisionale, ai fattori inerenti la valutazione e l’incentivazione delle risorse umane, ecc.) e degli strumenti di controllo (contabilità industriale, presenza di un sistema di budgeting, analisi degli scostamenti secondo la prospettiva della balanced scorecard, ecc.). L’obiettivo della ricerca è proprio quello di indagare la relazione tra la configurazione organizzativa e la complessità del sistema di controllo di gestione delle imprese durante il loro processo evolutivo. Ai fini dello studio mi sono avvalso di due banche dati relative ad imprese del settore secondario, operanti nella provincia di Bergamo, una delle aree più industrializzate d’Italia. La prima indagine è stata condotta nel 2000 dalle Ingg. S. Gualdi e S. Paruta; le due tesiste svilupparono il tema delle relazioni intercorrenti tra sistemi di controllo di gestione e configurazioni organizzative sulla scorta di 501 imprese che risposero al questionario da loro erogato. La seconda indagine è stata svolta nel corso del 2008 dagli Ingg. M. Parigi e V. Invernici; i quali studiarono l’esistenza di un legame tra la crescita delle imprese, l’azione imprenditoriale e lo stile di gestione, sulla base di 383 imprese. I due questionari presentano una struttura simile che, dopo una parte relativa all’anagrafica, risulta costituita da domande relative alla stima della fase del ciclo di vita, del ruolo detenuto dall’imprenditore e dalla direzione generale nella gestione dell’azienda, sui temi riguardanti la contabilità industriale e le variabili appartenenti all’area del controllo di gestione. I risultati raccolti dall’analisi dei questionari forniscono due fotografie del contesto industriale bergamasco a 8 anni di differenza l’una dall’altra e, in quanto rispettano gli stessi vincoli geografici e settoriali, permettono di elaborare un modello in grado di

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Simone Colombi Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 392 click dal 23/12/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.