Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Al di là della perversione

In questo elaborato mi propongo di prendere in esame il tema della perversione e di analizzarlo attraverso l’utilizzo della teoria psicoanalitica, l’unica che ha tentato della stessa un’adeguata e profonda comprensione (Rifelli, 2007), e mi rifarò, per questo, ai maggiori psicoanalisti che hanno apportato, con le loro teorizzazioni, i principali contributi.
Poiché chi scrive, come un poeta, “riordina in un nuovo modo di suo gradimento le cose del mondo” (Freud, 1908), non eluderò, in questa disamina, delle considerazioni nonché ipotesi personali e mi soffermerò principalmente sulla comprensione della sofferenza che si cela dietro un atto perverso, andando al di là dei facili stereotipi e pregiudizi sociali e culturali che la tematica comporta (Rifelli, 2007). Ciò che preme non sarà quindi giudicare il perverso, ma comprenderne la persona che si cela dietro l’atto perverso stesso, la quale, pur di amare, “cede l’essere al fare” (Khan, 1979) e reinventa una sua personalissima “neo-sessualità” (McDougall, 1985).
Nella prima parte del lavoro farò un breve ma esaustivo excursus teorico personale sulla perversione attraverso la stesura di quattro capitoli che tratteranno, rispettivamente, dell’origine psichica della perversione, dello scenario e agire perverso, e del rapporto tra la problematica psichica psicopatica e quella perversa.
Nella seconda parte, invece, cercherò di applicare le teorizzazioni riportate ad alcuni film del regista spagnolo Pedro Almodovar: il primo film analizzato sarà Légami! (¡Átame!) (1989) per procedere poi con il film Parla con lei (Hable con ella) (2001). Apparirà chiaro come questi due film sembrino degli esemplari casi clinici di perversione che, nel particolare, mi limiterò ad analizzare nei loro protagonisti, nelle loro relazioni intrapsichiche e interpsichiche non eludendo per cui necessari rimandi alla teoria psicoanalitica nonché alla biografia e alla tecnica cinematografica del regista.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo I L’origine psichica della perversione.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Antonino Scuderi Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1442 click dal 23/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.