Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Qin, lei, shanzhai: tre esempi dell'evoluzione semantica del cinese moderno nel linguaggio del Web

La tesi si occupa della traduzione dal cinese all’italiano di tre articoli di ricerca sull’evoluzione semantica di alcune parole del cinese moderno, qin 亲, lei 雷 e shanzhai 山寨, in seguito al loro uso nella comunicazione online. I testi analizzano il processo di formazione del nuovo significato dei termini e le ragioni alla base di questo fenomeno di evoluzione semantica, offrendo esempi sull’uso dei neologismi tratti da materiale presente sulla Rete. Nella tesi, la traduzione è preceduta dall’analisi traduttologica che consta di due parti: nella prima vengono esposte le caratteristiche del prototesto e la dominante scelta per la stesura del metatesto; nella seconda vengono esaminate le principali problematiche a livello lessicale, morfologico e sintattico e le tecniche di traduzione adottate. Il processo traduttivo oltre che al trasferimento del contenuto informativo dei tre testi, ha mirato alla produzione di un testo la cui lingua fosse conforme alle caratteristiche dello stile dei testi di ambito settoriale, nonché alla realizzazione di una serie di interventi sul metatesto e sull’apparato paratestuale per la corretta resa in italiano degli esempi contenenti i neologismi.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 OGGETTO Questa tesi si occupa della traduzione e dell’analisi traduttologica di tre articoli di ricerca su alcuni dei neologismi piø in voga sul Web in Cina, ossia qin 从null , lei 革燃 e shanzhai 岛null岛拈 . L’idea di tradurre questi testi è nata innanzitutto dalla volontà di analizzare l’impatto del linguaggio del Web sulla lingua cinese moderna. La diffusione del linguaggio utilizzato nella comunicazione online rappresenta, infatti, dopo la penetrazione del linguaggio politico e del linguaggio commerciale-pubblicitario nella vita quotidiana, la terza delle rivoluzioni linguistiche innescate dalle riforme di apertura degli anni Ottanta. Secondo il professor Zhang Jingwen, l’evoluzione della lingua cinese, conseguente ai mutamenti della società in questi ultimi trent’anni, può essere riassunta in quattro parole: ninhao 惊null始null (buongiorno), wo xiang 拈词慧涵 (io penso), gandong 慧首势null (commuoversi), hexie 响null 象言 (armonioso). Ninhao ha sostituito l’espressione di saluto ni chi fan le ma 便null响紧首null从null响里 ? (hai mangiato?), testimoniando l’innalzamento del livello economico e culturale della popolazione cinese; wo xiang riflette la democratizzazione della società; gandong rivela la tendenza a una maggiore esteriorizzazione del sentimento e del pensiero da parte dell’individuo; hexie descrive l’assetto della società nata dalle riforme. 1 A questi quattro vocaboli, si potrebbero ora aggiungere anche espressioni come ni shanzhai le ma? 便null岛null岛拈从null 响里 ? (hai shanzhaizzato?), in risposta alla diffusione sempre piø capillare del linguaggio del Web e dei fenomeni ad esso collegati. Infatti, l’impatto del linguaggio del Web sull’evoluzione del cinese moderno non può essere sottovalutato. L’utilizzo di Internet in Cina negli ultimi anni ha conosciuto uno sviluppo a dir poco esplosivo, raggiungendo la soglia dei 420 milioni di utenti a metà del 2010 (una crescita di 36 milioni di netizen rispetto all’anno precedente). 2 Inoltre, sempre piø termini ed espressioni nate sul Web stanno entrando nella vita di tutti i giorni: ad esempio, 3q (si pronuncia sen kiu ed è omofono dell’espressione inglese “thank you”) o 88 (la pronuncia baba ricorda il saluto inglese “bye-bye”) sono impiegati frequentemente in contesti informali, al posto dei corrispettivi xiexie 象鲜象鲜 (grazie) e zaijian 凉null觉null (arrivederci) della lingua standard. Per tanto, approfondire la formazione e il significato di alcune componenti del lessico 1 Zhang Jingwen, “Gaige kaifang sanshinian yuyan xianxiang fenxi” 族null革null必立族null从莓及null康null象架言立环null象null势背架null (Analisi dei fenomeni linguistici nei trent’anni successivi alla riforma di apertura), in Journal of Beijing College of Political Science and Law, 2008, pp. 26-30. 2 CNNIC (China Internet Network Information Center), 26th Statistical Report on Internet Development in China, luglio 2010.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Laura Salvadori Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2572 click dal 29/12/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.