Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Roadmap della mobilità sostenibile

L’obiettivo di questa tesi non è stato quello di definire un ma¬nuale tecnico per la progettazione della mobilità sostenibile ad un livello infrastrutturale, di prodotto o di servizio, ma piuttosto quello di voler porre un’analisi critica sul concetto stesso. Attraverso la costruzione di una “roadmap” si è cercato di definire una guida per la gestione della complessità della mobilità sostenibile con l’obiettivo di aiutare gli attori coinvolti in una progettazione in tal senso. Di conse¬guenza i destinatari di questa tesi non sono solo i designer del settore dei trasporti, ma tutte le figure professionali e non che sono coinvolte nei pro¬getti riguardanti la mobilità nelle sue diverse dimensioni (ideazione, concezione, progettazione, realizzazione, controllo e gestione).
Gli aspetti e i problemi riguardanti la mobilità che sono trattati nella ricerca sono comunemente noti, ma non sempre sono stati affrontati in modo integrato. Ponendo, cioè, in relazione tra loro i diversi attori, le diverse culture tecniche, i diversi tipi di modelli possibili e i diversi driver che ne influenzano la caratterizzazione finale. Una visione miope che ha abbracciato per decenni un mo¬dello insostenibile, che nella storia ha portato numerosi van¬taggi alla società, ma di cui oggi cominciamo a pagarne un caro prezzo.
Oggi, tutto ciò rende necessario un cambiamento radicale del paradigma della mobilità, ancora troppo legato ad un approccio di progettazione li¬neare e settoriale. Un approccio che necessita quindi di essere rimesco¬lato e contaminato attraverso l’uso di un design che tenga conto dei contesti economici, politici, sociali e ambientali che ruotano attorno ad esso. Una progettazione che solo attraverso una visione d’insieme, con un approccio multidisciplinare e sistemico potrà dare le corret¬te risposte ai nuovi meccanismi, alle nuove necessità e ai nuovi modi di vivere della società moderna.
Per definire la roadmap finale sulla mobilità sostenibile lo studio è stato articolato su tre livelli principali:
Un primo livello in cui si cerca di sollecitare una concet¬tualizzazione, non limitata e riduttiva, se necessaria innovativa, del tema affrontato, cercando di definire su quali basi si possa considerare una mobilità sostenibile o meno. Il che ha implicato uscire dal proprio “terreno” di competenza progettuale esplorando quelli limitrofi riconoscendo gli ambiti, i soggetti e i temi che la mobilità implicitamente o espli¬citamente coinvolge. Su questo livello infine si è cercato di specificare da quali drivers essa sia influenzata tentando poi di delimitare i suoi scenari futuri.
Un secondo livello dove si è voluto suggerire la necessità per cia¬scun progetto, inerente alla mobilità, di tener conto della giusta scala di osservazione delle problematiche e risultanze che essa provoca a livello di contesto. Un contesto che è caratterizzato e influenzato da attributi tec¬nici, economici, culturali, sociali e naturali. Si è quindi approfondito e descritto specificamente le regioni che coinvolge la roadmap e sue opzioni possibili.
Infine un terzo livello, dove si è voluto approfondire attraverso l’utilizzo di esempi e casi studio alcuni temi trattati e descritti all’interno della roadmap per trarre alcune inspirazioni e considerazioni concrete sulle soluzioni adottate o studiate in ottica sostenibile.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 L’obiettivo di questa tesi non è quello di definire un ma- nuale tecnico per la progettazione della mobilità sostenibile ad un livello infrastrutturale, di prodotto o di servizio. Piuttosto quello di voler porre una analisi critica sul concetto stesso, definendo una “roadmap” guida, per una progettazione in tal senso. Di conse- guenza i destinatari di questa tesi non sono solo i designer del settore dei trasporti, ma tutti gli attori che intervengono nei pro- getti riguardanti la mobilità nelle diverse dimensioni (ideazione, concezione, progettazione, realizzazione, controllo e gestione). Gli aspetti e i problemi trattati, concernenti la mobilità, sono comunemente noti, ma non sempre sono stati affrontati in modo integrato, ponendo, cioè, in relazione tra loro i diversi attori, le diverse culture tecniche, i diversi tipi di modelli possibili e i diversi driver che ne influenzano la natura. Una visione miope che ha abbracciato per decenni un mo- dello insostenibile, che nella storia ha si portato numerosi van- taggi alla società, ma di cui oggi cominciamo a pagarne un caro prezzo. Tutto ciò rende necessario un cambiamento radicale del paradigma della mobilità, ancora oggi legato ad un approccio li- neare e settoriale. Un approccio che necessita di essere rimesco- lato e contaminato attraverso l’uso di un design che tenga conto dei contesti economici, politici, sociali e ambientali che ruotano attorno ad esso. Un design che solo attraverso una visione di insieme, con un approccio multidisciplinare e sistemico potrà dare le corret- te risposte ai nuovi meccanismi, alle nuove necessità e ai nuovi Introduzione 0 L’uomo è nato per muoversi, per scrutare, per sapere chi è, cosa fa e dove va. M.D’Azeglio.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Architettura

Autore: Andrea Gaiardo Contatta »

Composta da 262 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6607 click dal 30/12/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.