Skip to content

La funzione di indirizzo: mozioni, risoluzioni ed ordini del giorno.

Informazioni tesi

  Autore: Fioravante Salmena
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master II livello - Istituzioni politiche e parlamentari per consulenti d'Assemblea
Anno: 2011
Docente/Relatore: Dipartimento Teorie dello Stato
Istituito da: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

In ambito dottrinario da tempo si conviene sul fatto che ormai il ruolo del Parlamento sia significativamente mutato, rinvenendosi appunto nell'attività non legislativa, il bastione su cui implementare la difesa delle prerogative costituzionali dell'organo detentore della legittimazione democratica. Quest'ultimo dato assume maggior rilievo considerando la progressiva perdita di competenza normativa degli Stati rispetto a livelli di normazione superiore (Unione europea) ed inferiori (Regioni ed enti locali), nonché in talune aree di "indipendenza" amministrativa. Alla luce di questi presupposti, occorre pertanto una profonda riflessione ai fini di una rilettura delle altre funzioni del Parlamento a fronte da un lato, alla relativizzazione della funzione legislativa che ben evidenzia come le dinamiche tipiche della forma di governo vigente si svolgano in gran parte al di fuori del procedimento legislativo, ove peraltro diviene tanto più difficile assumere decisioni di governo quanto più sono conflittuali le relazioni tra maggioranza ed opposizioni, e dall’altro lato, nella consapevolezza che le funzioni del Parlamento diramandosi lungo uno ampio spettro, devono articolarsi secondo tipologie più complesse di quelle tradizionalmente intese. In particolare la funzione di indirizzo è quella che sembra registrare le evoluzioni più significative nell’esperienza politico-costituzionale italiana dell’ultimo quindicennio.
Attorno a quest'ultima funzione occorre rilevare anzitutto che proprio nell'ordinamento politico-costituzionale italiano – piuttosto che in altre costituzioni europee del secondo dopoguerra – la questione dell'indirizzo politico si trova elevata al rango di questione squisitamente costituzionale, come senz'altro testimonia l'art. 95 Cost. quando parla della "politica generale" del Governo e quando si riferisce alla "unità di indirizzo politico ed amministrativo", sempre con riferimento all'Esecutivo ed in specie alle attribuzioni facenti capo al Presidente del Consiglio.
Se ci si riferisce all'indirizzo politico come all'attività volta alla determinazione degli obiettivi della politica nazionale e degli strumenti per raggiungerli, si può senz'altro rilevare come esso dovrebbe trovare una progressiva specificazione lungo un percorso che va dalle scelte del corpo elettorale sino alla politica del Governo. Da parte sua il Parlamento, secondo il disegno costituzionale, dovrebbe comunque rimanere la sede ove si garantisce il raccordo permanente tra l'indirizzo politico del Governo e la fonte diretta della sovranità popolare. Tuttavia va detto che, nella fase attuale, gli stessi meccanismi rappresentativi, volti a presiedere l'azione degli organi titolari dell'attività d'indirizzo, sembrano cedere il passo dinanzi all'impellenti necessità di perseguire una rapidità decisionale corrispondente alle dinamiche dell'economia mondiale e dei condizionamenti politici giuridici sovranazionali. Ciò comporta un sempre maggior ricorso da parte governativa a strumenti atti ad imprimere un orientamento ed un ritmo vincolati all'attività parlamentare, in particolar modo per fronteggiare le sempre più frequenti situazioni in cui il Governo è chiamato a decidere su questioni tecniche con una rapidità decisionale che non può essere raggiunta con l'ordinario strumento dell'iniziativa legislativa ad esso accordata in conformità all'art. 71 Cost. Trova in tal modo spiegazione la caduta libera della logica dell'indirizzo che smarrisce i requisiti di univocità e......

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La presente trattazione muove dall'interesse per lo studio del profilo giuridico costituzionale degli istituti che qualificano il funzionamento delle Assemblee rappresentative nazionali, in particolare per quanto riguarda l'attività di indirizzo politico nella forma di governo vigente, delineata nella Costituzione repubblicana del 1948 ed attuata sul versante parlamentare dai Regolamenti delle Camere. Il metodo seguito mira ad esaminare gli strumenti dell'attività di indirizzo entro il quadro delineato dai principi e dalle norme dell'ordinamento costituzionale, alla luce dell'evoluzione storica dei Regolamenti parlamentari che consenta altresì di cogliere la vivacità delle Camere nella vita politico-istituzionale sotto il profilo non legislativo. Pur non mancando altre e diverse classificazioni funzionali, tre sono storicamente le funzioni principali assegnate al Parlamento: legislativa, di controllo e di indirizzo politico. L’attribuzione di quest'ultime funzioni alle Camere risponde coerentemente alla logica politico-costituzionale che informa la forma di governo parlamentare la quale contraddistingue quei regimi costituzionali nei quali le Assemblee rappresentative sono allocate al centro del sistema politico-istituzionale ed ove, pertanto, il principio della separazione dei poteri trova applicazioni meno rigide rispetto a quelle accolte in altri regimi costituzionali. Basti ricordare a titolo meramente esemplificativo la forma di governo di tipo presidenziale, nella quale la distinzione, anche dal punto di vista della legittimazione politica, tra l’organo titolare della funzione legislativa e quello titolare del potere esecutivo è assai più marcata. Storicamente, dunque, la titolarità parlamentare della funzione legislativa trova spiegazione nella circostanza che nei sistemi democratico-parlamentari la produzione normativa è prevalentemente riservata agli organi della rappresentanza. D'altronde l'art. 70 della Costituzione repubblicana del 1948, riserva alle Camere l’esercizio della funzione legislativa, fermo restando i casi espressamente previsti dalla stessa Carta, nei quali il potere primario di produzione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

risoluzioni
ordine del giorno
la funzione di indirizzo: mozioni, risoluzioni ed
mozioni, risoluzioni ed
mozioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi