Skip to content

La scrittura narrativa di Alessandro Baricco

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Mescolini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lettere
  Relatore: Elisabetta Mondello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

Questo studio si propone di esaminare la struttura narrativa, le tematiche, il linguaggio e l’idea di letteratura nei romanzi di Alessandro Baricco.
Il corpus analizzato comprende quattro romanzi, tutti pubblicati negli anni Novanta.
L’esordio è con Castelli di rabbia nel 1991, segue Oceano mare nel 1993, Seta nel 1996 e ultimo City nel 1999.
La mancanza di una giudizio critico definito su una produzione narrativa così recente, ha comportato un lavoro approfondito di ricerca direttamente sui testi presi in esame.
L’assenza di studi bibliografici precedenti sull’argomento, ha imposto la ricomposizione di un puzzle costituito prevalentemente da recensioni.
Il metodo di studio applicato nell’analisi della produzione narrativa di Alessandro Baricco, concede un ampio spazio all’aspetto linguistico.
Una simile scelta è in qualche modo imposta dal fatto che lo scrittore investe moltissimo sul potere affabulatorio del significante.
In questi romanzi, la rinuncia a una definizione univoca della realtà, si traduce nell’apertura alle tematiche e ai moduli più svariati, in cui lo strumento linguistico svolge un ruolo di fondamentale importanza.
La parola narrativa accoglie la polifonia del mondo reale, utilizza l’iterazione per creare suggestivi giochi di risonanze, piega sintassi e lessico ad esigenze ritmiche.
Complessivamente il presente studio si articola in quattro capitoli, ognuno dei quali prende in esame un romanzo.
Ogni capitolo prevede l’applicazione di una griglia interpretativa che si ripete con poche varianti e che si articola in sei parti, ciascuna delle quali definisce un livello di ricerca.
L’esame di ogni testo si conclude con un’analisi linguistica, condotta a livello sintattico e lessicale, che mette in luce le strategie stilistiche della narrazione.
Il primo capitolo è uno studio del romanzo d’esordio: Castelli di rabbia.
L’analisi della trama rivela un’idea di romanzo come gioco combinatorio che si apre all’infinità del narrabile.
La pluralità dei percorsi narrativi e la polifonia di voci e di intenti stilistici, definiscono la ricchezza affabulatoria della scrittura.
La tensione fantastica trova espressione nei personaggi, caratterizzati da una percezione innocente e vitale dell’esistenza.
Lo scatto immaginativo di queste figure bizzarre, in cui vibra il fascino della bellezza ferita, costituisce uno degli aspetti più interessanti del libro.
L’analisi prosegue indagando il ruolo del narratore nel racconto e la funzione che l’idea del destino svolge nella costruzione dell’intreccio.
Segue lo studio delle epifanie disseminate nella narrazione.
L’impulso fantastico con cui i protagonisti percepiscono l’esistente è spesso all’origine del tessuto epifanico del romanzo.
Si passa all’individuazione delle metafore della scrittura e della lettura presenti in Castelli di rabbia: tutte riconducono a un’idea di letteratura come strategia di difesa dalla complessità dell’esistente, in cui le facoltà dell’immaginario definiscono uno spazio evasivo.
Il primo capitolo si chiude con un’analisi linguistica che ha la finalità di svelare gli strumenti tecnici, le strategie stilistiche di una scrittura centrifuga, anarchica, dominata dal senso dell’assurdo.
Si evidenzia l’eterogeneità dei registri stilistici utilizzati, la presenza di figure retoriche, i richiami all’oralità del lessico e della sintassi, l’utilizzo oculato dell’elemento grafico.
Sono esaminate le modalità con cui la scrittura si apre a suggestioni provenienti dal mondo della musica e del cinema.
L’uso dell’iterazione è individuato come strumento principale di manipolazione linguistica, in grado di creare risonanze suggestive e dare sonorità alla prosa.
Il capitolo successivo è l’analisi di Oceano mare, il secondo romanzo di Alessandro Baricco.
La prima parte esamina le singole trame contenute all’interno della cornice narrativa della locanda Almayer.
Spazio atopico sospeso tra terra e mare, la locanda si carica di un notevole potenziale allusivo e fantastico.
Al suo interno i sette personaggi del romanzo si relazionano con l’universo mitico del mare e con il proprio destino, di cui il mare è metafora.
Sono analizzati i protagonisti e le loro storie, la fitta rete di relazioni che li lega, e il viaggio che ciascuno di loro compie nella propria coscienza.
Figure evanescenti ma profondamente umane, questi condividono la bizzarria dei personaggi di Castelli di rabbia e al contempo vibrano di una dimensione lirica che li rende parte di una realtà altra.
Segue l’analisi delle diverse epifanie del mare contenute nella narrazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Questo studio si propone di esaminare la struttura narrativa, le tematiche, il linguaggio e l’idea di letteratura nei romanzi di Alessandro Baricco. Il corpus analizzato comprende quattro romanzi, tutti pubblicati negli anni Novanta. L’esordio è con Castelli di rabbia nel 1991, segue Oceano mare nel 1993, Seta nel 1996 e ultimo City nel 1999. La mancanza di una giudizio critico definito su una produzione narrativa così recente, ha comportato un lavoro approfondito di ricerca direttamente sui testi presi in esame. L’assenza di studi bibliografici precedenti sull’argomento, ha imposto la ricomposizione di un puzzle costituito prevalentemente da recensioni. Il metodo di studio applicato nell’analisi della produzione narrativa di Alessandro Baricco, concede un ampio spazio all’aspetto linguistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

city
linguistica
narrativa
seta
letteratura italiana
alessandro baricco
castelli di rabbia
oceano mare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi