Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Storia e prospettive nello sviluppo dei lanciatori monostadio

Il presente lavoro si pone con l’intento di approfondire la conoscenza su quello che potrebbe essere il prossimo vettore di trasporto spaziale efficiente ed economico.
Nella prima parte si offre un excursus generale sull’evoluzione nel tempo dei lanciatori orbitali monostadio riutilizzabili, seguendo lo sviluppo dei programmi di ricerca e dei progetti ad essi associati, valutando le difficoltà insite nel progettare, sviluppare e realizzare un lanciatore monostadio.
Qualunque sistema di trasporto comprende una serie di apparati indispensabili al suo funzionamento e che ne vanno a determinare globalmente performance e limiti in relazione al problema fisico di partenza. Ecco perché si sono trattati gli aspetti principali: configurazione generale del veicolo, sistema propulsivo nel suo insieme e capacità strutturali; elementi che devono poi trovare il giusto compromesso costruttivo in funzione di un quarto parametro, la “missione” del progetto, con i suoi altrettanti requisiti.
Lo studio traccia, quindi, una panoramica in cui si descrivono le possibili tecniche di progettazione, le tecnologie applicabili, note o ancora in fase di studio, nonché i problemi associati agli elementi principali del veicolo, concludendo con gli aspetti economici generali.
Infine, allo scopo di illustrare in maniera più completa le caratteristiche di progetto e le opportunità di realizzazione di un siffatto vettore si propone un’approfondita descrizione di quello che oggi nel panorama internazionale è il modello più valido per la concretizzazione a “breve termine” di un progetto Single Stage To Orbit riutilizzabile, lo Skylon.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 PREFAZIONE Rivolgendo lo sguardo al mondo in cui viviamo, dalle profondità marine ai confini del Sistema Solare, ritroviamo le tracce della continua e instancabile attività dell’uomo. Questi, impegnato sin dai tempi più antichi a relazionarsi con i pericoli e le difficoltà imposti dall’ambiente circostante, è riuscito a sfruttare sempre meglio le proprie capacità e le risorse esterne a disposizione, combinandole insieme al fine di migliorare la qualità della sua vita. È in tal modo che la storia dell’umanità, a partire dalle prime scoperte fortuite volte all’assolvimento di esigenze basilari di sopravvivenza, è stata segnata da eventi che di volta in volta ne hanno caratterizzato il progredire. Che si tratti della più semplice e ordinaria o della più complessa e tecnologica, nata da un attento studio o da un errore, qualunque invenzione nasconde dentro di sé quegli aspetti di intuitività e genialità insiti nell’essere umano. Partendo da queste doti innate l’uomo ha, tuttavia, maturato nel suo percorso evolutivo tendenze sempre più razionali e scientifiche, anteponendo alla soluzione di un problema l’osservazione e lo studio dello stesso ed è così che ha fissato i cardini delle leggi fisiche e matematiche. Sulla base di queste leggi è stato possibile sviluppare tecnologie sempre più sofisticate che lo hanno supportato non solo nelle sue contingenze pratiche, ma gli hanno

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Andrea Milone Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 233 click dal 05/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.