Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Streaming multimediale per lo studio degli effetti di asincronismo audiovisivo nell'esecuzione musicale

L'obiettivo dell'esperimento presentato in questo elaborato è di verificare gli effetti della latenza, cioè il ritardo nella trasmissione, di un flusso video che consente a due musicisti (due percussionisti, in particolare) di suonare contemporaneamente osservandosi solamente attraverso un monitor da computer.
Nell'esecuzione di un brano musicale infatti il contatto visivo soprattutto nei batteristi è fondamentale per la sincronizzazione e per suonare a tempo.
Molti studi anche recenti hanno messo in risalto l'abilità del cervello umano di compensare un certo ritardo tra audio e video, riuscendo comunque a percepire la correlazione tra i due stimoli. In questi esperimenti però sono stati utilizzati particolari video a punti di luce (ottenuti catturando ed elaborando i movimenti di percussionisti jazz professionisti) in cui l'audio era volontariamente ritardato o anticipato di alcuni millisecondi rispetto al video: lo scopo di questo lavoro invece è di misurare l'influenza dell'informazione visiva rispetto a quella uditiva nell'esecuzione dal vivo.
Il problema tecnico principale dunque è quello di riuscire a ottenere una trasmissione delle immagini con la minore latenza possibile in modo da poterla poi incrementare artificialmente fino a raggiungere il limite oltre al quale l'esecuzione diventa impossibile.
Per ottenere questo risultato sono stati testati vari scenari possibili, sia scegliendo tra software commerciali o open source, sia modificando il tipo di collegamento di rete con cui i due computer addetti alla trasmissione del video comunicavano tra di loro.
I risultati ottenuti (latenza di circa 100 ms) hanno consentito a due batteristi di eseguire un brano improvvisato dal vivo anche se la sincronizzazione visiva era in ritardo. Successivamente si è provveduto ad aumentare il ritardo e a riscontrare gli effetti che esso produceva nella prestazione.
Seppur in accordo con gli studi sull'asincronismo audiovisivo che hanno fornito le premesse per l'esperimento, i risultati hanno messo in evidenza alcuni aspetti che non erano stati previsti: i batteristi infatti hanno mostrato una tendenza naturale ad ignorare lo stimolo visivo in ritardo affidandosi solamente a quello uditivo, probabilmente a causa della loro pratica con lo strumento che prevede proprio di concentrare l'attenzione sul ritmo per sincronizzarsi e suonare a tempo.
Un altro aspetto interessante è quello relativo alla percezione del ritardo come un entità discreta: durante le esecuzioni, nonostante le variazioni di velocità e di latenza, i batteristi hanno mostrato di accostare il ritardo agli accenti principali del ritmo, sebbene i corrispondenti tempi esatti fossero anche molto diversi.
L'esperimento quindi può fornire ulteriori spunti di approfondimento sia in campo psicoacustico che neurocognitivo, oltre a possibili sviluppi nell'implementazione tecnica utilizzata allo scopo di ridurre ulteriormente il ritardo e di allargare su più ampia scala la trasmissione dei flussi multimediali che in questo caso è rimasta solamente locale.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I Introduzione L'obiettivo dell'esperimento presentato in questo elaborato è di verificare gli effetti della latenza, cioè il ritardo nella trasmissione, di un flusso video che consente a due musicisti (due percussionisti, in particolare) di suonare contemporaneamente osservandosi solamente attraverso un monitor da computer. Nell'esecuzione di un brano musicale infatti il contatto visivo soprattutto nei batteristi è fondamentale per la sincronizzazione e per suonare a tempo. Molti studi anche recenti hanno messo in risalto l'abilità del cervello umano di compensare un certo ritardo tra audio e video, riuscendo comunque a percepire la correlazione tra i due stimoli. In questi esperimenti però sono stati utilizzati particolari video a punti di luce (ottenuti catturando ed elaborando i movimenti di percussionisti jazz professionisti) in cui l'audio era volontariamente ritardato o anticipato di alcuni millisecondi rispetto al video: lo scopo di questo lavoro invece è di misurare l'influenza dell'informazione visiva rispetto a quella uditiva nell'esecuzione dal vivo. Il problema tecnico principale dunque è quello di riuscire a ottenere una trasmissione delle immagini con la minore latenza possibile in modo da poterla poi incrementare artificialmente fino a raggiungere il limite oltre al quale l'esecuzione diventa impossibile. Per ottenere questo risultato sono stati testati vari scenari possibili, sia scegliendo tra software commerciali o open source , sia modificando il tipo di collegamento di rete con cui i due computer addetti alla trasmissione del video comunicavano tra di loro. I risultati ottenuti (latenza di circa 100 ms) hanno consentito a due batteristi di eseguire un brano improvvisato dal vivo anche se la sincronizzazione visiva era in 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Andrea Ambrosino Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 748 click dal 12/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.