Skip to content

Scuola 2.0 - Le tecnologie digitali per l'apprendimento

Informazioni tesi

  Autore: Anna Mancuso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Graziano Cecchinato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Quale senso potrebbe assumere l'educazione mediale all'interno dei processi di insegnamento/apprendimento qualora vi fosse una sinergia di investimenti in grado di far mutare la vision che il sistema scolastico ha nella formazione delle future generazioni? Come ripensare il rapporto tra tecnologie digitali e didattica per creare contesti di apprendimento motivanti e in grado di rilanciare un pensare/sentire/agire condiviso?

Nella tesi, dopo una riflessione sintetica sulle sfide che la modernità lancia alla scuola e una breve analisi in chiave pedagogica dell'universo denominato WEB 2.0, vengono presentate alcune esperienze realizzate nelle scuole dove insegno.
Consapevole che, come scriveva McLuhan (1999), il medium è il messaggio, per ogni esperienza descritta sono esplicitate le ragioni delle scelte effettuate sia dal punto di vista pedagogico che didattico, senza peraltro tralasciare alcuni aspetti organizzativi che talvolta hanno inciso nelle decisioni prese. Viene inoltre valutata la coerenza tra gli obiettivi formativi perseguiti e risultati ottenuti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Promuovere competenze collaborative, legami cooperativi, senso d’appartenenza ad una comunità (il gruppo classe, la scuola, il paese...) sono obiettivi formativi a mio avviso di grande importanza soprattutto in un’epoca in cui le possibilità per i bambini e i ragazzi di costruire legami personali e sociali significativi in contesti non strutturati sono state drasticamente ridotte per diverse ragioni reciprocamente correlate: il tempo lavorativo dei genitori, la marcata urbanizzazione del territorio, la crescente diffidenza verso gli altri e la disponibilità di strumenti quali TV, computer, playstation... hanno contribuito a costruire uno scenario di quotidiano isolamento, di difficoltà relazionale, di personalità spesso fortemente autocentrate. Chi, come me, insegna da più di quindici anni ha potuto notare un progressivo indebolimento delle cosiddette social skills con conseguenze significative anche sul piano generale degli apprendimenti. La sfida che sta alla base di alcuni progetti avviati nel nostro circolo didattico è quella di creare dei contesti motivanti utilizzando alcuni strumenti messi a disposizione dalla tecnologia e dal web 2.0 per rilanciare l’importanza di un pensare/agire/sentire condiviso. Nello specifico gli obiettivi formativi che ci siamo proposti possono essere declinati come segue: Promuovere identità: • dialogiche, disponibili al confronto, alla conoscenza, all'attenzione, all’ascolto • capaci di mettere a disposizione degli altri conoscenze, competenze socio-affettive nel lavorare insieme rispettando le regole • orientate a sviluppare atteggiamenti collaborativi e progettualità condivise • in grado di conoscere ed esprimere sentimenti, emozioni e il proprio stato d’animo • sempre più autonome e capaci di affrontare in maniera critica e responsabile le proprie scelte Nella consapevolezza che a sostegno delle nostre proposte deve necessariamente esserci anche il coinvolgimento del mondo adulto (genitori ed insegnanti) ulteriori obiettivi vengono ad essere: • rafforzare le dinamiche relazionali tra gli alunni e tutti gli insegnanti per quanto riguarda gli insegnanti, promuovere una più stretta collaborazione al di fuori della propria equipe • coinvolgere le famiglie nell’interazione con il mondo scolastico vissuto dai propri figli 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi