Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scuola 2.0 - Le tecnologie digitali per l'apprendimento

Quale senso potrebbe assumere l'educazione mediale all'interno dei processi di insegnamento/apprendimento qualora vi fosse una sinergia di investimenti in grado di far mutare la vision che il sistema scolastico ha nella formazione delle future generazioni? Come ripensare il rapporto tra tecnologie digitali e didattica per creare contesti di apprendimento motivanti e in grado di rilanciare un pensare/sentire/agire condiviso?

Nella tesi, dopo una riflessione sintetica sulle sfide che la modernità lancia alla scuola e una breve analisi in chiave pedagogica dell'universo denominato WEB 2.0, vengono presentate alcune esperienze realizzate nelle scuole dove insegno.
Consapevole che, come scriveva McLuhan (1999), il medium è il messaggio, per ogni esperienza descritta sono esplicitate le ragioni delle scelte effettuate sia dal punto di vista pedagogico che didattico, senza peraltro tralasciare alcuni aspetti organizzativi che talvolta hanno inciso nelle decisioni prese. Viene inoltre valutata la coerenza tra gli obiettivi formativi perseguiti e risultati ottenuti.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Promuovere competenze collaborative, legami cooperativi, senso d’appartenenza ad una comunità (il gruppo classe, la scuola, il paese...) sono obiettivi formativi a mio avviso di grande importanza soprattutto in un’epoca in cui le possibilità per i bambini e i ragazzi di costruire legami personali e sociali significativi in contesti non strutturati sono state drasticamente ridotte per diverse ragioni reciprocamente correlate: il tempo lavorativo dei genitori, la marcata urbanizzazione del territorio, la crescente diffidenza verso gli altri e la disponibilità di strumenti quali TV, computer, playstation... hanno contribuito a costruire uno scenario di quotidiano isolamento, di difficoltà relazionale, di personalità spesso fortemente autocentrate. Chi, come me, insegna da più di quindici anni ha potuto notare un progressivo indebolimento delle cosiddette social skills con conseguenze significative anche sul piano generale degli apprendimenti. La sfida che sta alla base di alcuni progetti avviati nel nostro circolo didattico è quella di creare dei contesti motivanti utilizzando alcuni strumenti messi a disposizione dalla tecnologia e dal web 2.0 per rilanciare l’importanza di un pensare/agire/sentire condiviso. Nello specifico gli obiettivi formativi che ci siamo proposti possono essere declinati come segue: Promuovere identità: • dialogiche, disponibili al confronto, alla conoscenza, all'attenzione, all’ascolto • capaci di mettere a disposizione degli altri conoscenze, competenze socio-affettive nel lavorare insieme rispettando le regole • orientate a sviluppare atteggiamenti collaborativi e progettualità condivise • in grado di conoscere ed esprimere sentimenti, emozioni e il proprio stato d’animo • sempre più autonome e capaci di affrontare in maniera critica e responsabile le proprie scelte Nella consapevolezza che a sostegno delle nostre proposte deve necessariamente esserci anche il coinvolgimento del mondo adulto (genitori ed insegnanti) ulteriori obiettivi vengono ad essere: • rafforzare le dinamiche relazionali tra gli alunni e tutti gli insegnanti per quanto riguarda gli insegnanti, promuovere una più stretta collaborazione al di fuori della propria equipe • coinvolgere le famiglie nell’interazione con il mondo scolastico vissuto dai propri figli 2

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Anna Mancuso Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6619 click dal 18/01/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.