Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pratique à plusieurs: un buon incontro tra il soggetto e l'Altro. Psicosi e Autismo nella clinica in istituzione.

Tale contributo è articolato in quattro parti. Nella prima esporrò brevemente le classificazioni nosologiche di Autismo e Psicosi, successivamente i maggiori modelli interpretativi e gli interventi terapeutici e, infine, i contributi teorici psicoanalitici dei modelli evoluzionista e strutturalista. Nel secondo capitolo verrà esplicitato l'insegnamento di Jaques Lacan, psichiatra e psicoanalista francese, la cui teoria rappresenta l'orizzonte conoscitivo sulla quale si fonda la pratica all'Antenna e all'Antennina 112 nella cura della psicosi e dell'autismo infantile. Nella terza parte di tale contributo presenterò gli snodi fondamentali che costituiscono la pratique à plusieurs, nome coniato da Jacques-Alain Miller e tradotto in italiano “pratica a diversi”, per il lavoro messo a punto in tanti anni di clinica con i bambini autistici e psicotici da Antonio Di Ciaccia, presidente dell'Istituto Freudiano di Roma. Nell'ultimo capitolo parlerò di tre ragazzi in cura all'Antennina, comunità terapeutica di Marghera, Arturo, Paolo e Lorenzo, delle loro “visioni del mondo” e del lavoro che si è fatto e si continua a portare avanti con loro.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questa tesi è il frutto di un'esperienza di tirocinio svolta all' Antennina , Centro terapeutico per ragazzi psicotici e autistici di Marghera, e testimonia il lavoro che ogni giorno gli operatori svolgono al suo interno per dare un posto ai ragazzi ivi ospitati. Il felice incontro con queste particolari Weltanschauungen mi ha dato l'occasione di imparare tanto, sia sul piano formativo che, soprattutto, su quello umano. Il lavoro quotidiano con l'autismo e la psicosi insegna più di quanto si possa imparare nei libri. Avvicinarsi a questi soggetti, quasi in punta di piedi, mi ha permesso di cogliere qualcosa delle loro modalità di esistenza: per quanto lontane dalla cosiddetta “normalità”, restano pur sempre delle forme peculiari che permettono al soggetto psicotico o autistico di essere nel mondo. Accompagnarli nell'elaborazione di un particolare sapere e, al contempo, svuotarsi del proprio rende l'operatore una “guida che segue”, portavoce e garante dell'enunciazione singolare del soggetto, perchè quest'ultimo possa vivere essendo finalmente “qualcuno in qualche luogo”. Lavorare à plusieurs significa mettere in gioco sè stessi in ogni istante, valorizzando quello che il soggetto testimonia del suo esistere nel mondo, con una genuina curiosità e il dovuto rispetto. Tale contributo è articolato in quattro parti. Nella prima esporrò brevemente le classificazioni nosologiche di Autismo e Psicosi, successivamente i maggiori modelli interpretativi e gli interventi terapeutici e, infine, i contributi teorici psicoanalitici dei modelli evoluzionista e strutturalista. Nel secondo capitolo verrà esplicitato l'insegnamento di Jaques Lacan, psichiatra e psicoanalista francese, la cui teoria rappresenta l'orizzonte conoscitivo sulla quale si fonda la pratica all' Antenna e all' Antennina 112 nella cura della psicosi e dell'autismo infantile. Nella terza parte di 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Federica Chiara Serpe Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2985 click dal 05/01/2012.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.