Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Selezione e valutazione delle caratteristiche nutrizionali di semenzali da incroci inter e intra specifici di Fragaria spp.

L'attività di ricerca svolta per la tesi si inserisce nell'attività di "miglioramento genetico fragola” avviato da 15 anni presso l'Azienda Agraria Didattico Sperimentale “P.Rosati” sita ad Agugliano e i laboratori del dipartimento di Scienze Ambientali e delle Produzioni Vegetali della Facoltà di Agraria, con l'obiettivo di analizzare le caratteristiche qualitative e nutrizionali di nuove progenie e selezioni di fragola ottenute da programmi di incroci, utili per selezionare nuovi genotipi migliorati per le caratteristiche di qualità organolettica e qualità nutrizionale dei frutti.
L'obiettivo che ci si pone, quindi, è quello di giungere, attraverso opportune strategie di incrocio e selezione, alla identificazione di varietà di fragola con caratteristiche migliori, che possano mantenersi costanti nelle diverse condizioni di coltivazione; realizzando quindi un frutto che soddisfi le richieste agronomiche e qualitative, ma che abbia anche un elevato valore nutrizionale che ne aumenti il valore commerciale e l'interesse per l'agricoltore. Tale obbiettivo è prerogativa degli studi attualmente svolti sulle colture di fragola.
Gli incroci genetici quindi puntano alla selezione di piante che abbiano un buon comportamento vegeto-produttivo (elevata produttività, adeguata resistenza e tolleranza ai patogeni ubiquitari, fiore perfetto, buona impollinazione, grossa pezzatura, forma perfetta, buona consistenza), migliori caratteristiche organolettico-sensoriali (contenuto zuccherino e acidità ottimali, colore e brillantezza eccellenti, sapore e aroma richieste dal consumatore) e soprattutto, obiettivo a cui mirano gli studi attuali, maggior qualità nutrizionale del frutto. Si è dunque valutata l'importanza strategica del genotipo della pianta: questo, infatti, influisce in maniera marcatamente differente sul contenuto in antiossidanti e sicuramente il breeding è un modo efficace per aumentare la concentrazione di tali sostanze (Antonnen and Karjalainen, 2005).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE 1.1 CURIOSITA’ La fragola (Fragaria vesca) è un frutto originario delle zone alpine europee, dell‟America e del Giappone; in seguito la sua coltivazione fu estesa anche in regioni a climi più caldi. Inizialmente ne esisteva un solo tipo: quella selvatica, già molto apprezzata nell‟antica Roma, dove veniva chiamata “fragrans” grazie al suo profumo intenso. Questo frutto veniva consumato specialmente nel periodo delle festività in onore di Adone; secondo la leggenda, infatti, alla sua morte, Venere pianse lacrime che, cadute a terra, si trasformarono in piccoli cuori rossi. La fragola in cucina. Questo frutto è molto gradito per forma, colore, profumo e sapore. Oltre ad essere consumato fresco viene anche utilizzato per la preparazione di creme, confetture, sciroppi, sorbetti e succhi. Le fragole possono provocare fenomeni di allergia e prurito, specialmente se si consumano frutti non completamente maturi. Prima del consumo vanno lavate attentamente, anche perché crescono a contatto col terreno. Benefici da consumo. Un principio attivo contenuto nella fragola è l‟acido metilsalicilico che esercita un‟azione antireumatica (è lo stesso principio attivo contenuto nell‟aspirina) ed è inoltre uno degli acidi che contribuisce a caratterizzare il gusto. (www.albanesi.it) Questo frutto ha una potente azione dissetante e rinfrescante grazie all‟elevato contenuto di acqua (circa 91%); inoltre ha notevoli proprietà: nutritiva, lassativa e diuretica, battericida, rimineralizzante, depurativa (www.kataweb.it). Infine, grazie all‟importante contenuto di composti ad azione antiossidante, previene il declino neurologico correlato all‟avanzamento dell‟età, attraverso il miglioramento delle capacità delle cellule del cervello di inviare e ricevere le “molecole segnalanti”

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Rosaria Mestichelli Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 274 click dal 13/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.