Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lobbying: pubblicità, trasparenza e partecipazione

Nonostante siano ancora molti coloro che ritengono il lobbying un'attività occulta ed illecita, il lobbying esiste, ed è al suo interno che si diffondono "correnti di pensiero" volti ad indirizzare a proprio favore la politica delle istituzioni. Ciò assume una valenza ancor più forte considerando che viviamo in un governo democratico e che, accanto al sistema del voto, opera, come strumento di partecipazione democratica, proprio il lobbying. Mentre negli Usa, però, il lobbying è un aspetto quasi strutturale dell'organizzazione del sistema della rappresentanza politica, in Europa una regolamentazione del lobbying è in netto ritardo. E l'inefficace intervento legislativo di quest'attività determina non pochi problemi. Il crac Parmalat ne è un esempio. Nella vicenda di Collecchio si evince come, in realtà, ciò che è venuto meno è il rispetto degli oneri da parte degli enti controllanti e l'impossibilità, per i risparmiatori, di accedere a documenti e dati che avrebbero indirizzato in altro modo i loro comportamenti. Chiara, dunque, l'esigenza di un intervento legislativo.

Mostra/Nascondi contenuto.
7  Introduzione Caratteristica comune a molti esseri viventi è il vivere in gruppo; lo stesso vale per l’uomo, grazie anche alla sua natura più istintiva e primitiva (basti pensare ai clan, o ancor prima alle tribù). Identificarsi, riconoscersi e vivere in comunità, infatti, ha aiutato l’uomo, fin dall’inizio dei suoi tempi, in molti momenti della sua vita quotidiana, dalle necessità più semplici a quelle più complesse come la difesa e la salvaguardia della specie o la ricerca di cibo. Non è strano quindi che Aristotele abbia definito l'uomo, in modo così radicale e deciso, come zòon politikòn, cioè come “animale politico”. Un animale esattamente uguale a tutti gli altri animali: “un mammifero che respira, che digerisce, che vede, che sente e che è dotato di sensibilità esattamente come qualsiasi altro mammifero. Un animale che deve vivere insieme ad altri; che deve vivere in comunità” 1 . Anzi, se l’animale vive in comunità in modo gregario, l’uomo costruisce la sua comunità e costruisce il suo sistema di relazioni per organizzare gerarchicamente o in condizioni di eguaglianza i suoi rapporti con gli altri. Aristotele afferma: “non sono politici né gli animali, né gli dei: solo l’uomo lo è” 2 . Questo significa, sopra ogni cosa, che l’uomo è legato ad una vita comunitaria con gli altri. E ancora oggi, a distanza di tanti anni, e forse ora ancor più che in passato, la nostra vita è contraddistinta dalla partecipazione a gruppi. All’interno, e grazie al gruppo, noi plasmiamo la nostra identità, la confrontiamo con quella degli altri e la modifichiamo, in base agli scopi e agli interessi perseguiti. E sono gli stessi scopi ed interessi ad indicarci il gruppo a cui appartenere e di cui condividere i valori. Perché esistono milioni di gruppi ed ognuno ha delle sue caratteristiche interiori. Già Rousseau sottolineava che 1 http://www.emsf.rai.it/aforismi/aforismi.asp?d=111 2 http://www.filosofico.net/politicas.html

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Elena Di Rubba Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2166 click dal 20/01/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.