Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Carnevale di Molfetta tra tradizione e innovazione

Il carnevale nei secoli si è evoluto ed ha perso molte delle sue peculiarità. Quando si vuole esaminare questa antica e importante festa popolare, bisogna considerare che il vero carnevale ormai non esiste più. Il vero carnevale è quello che ha attraversato il Medioevo e il Rinascimento, giungendo all‟Età dei Lumi. Con il XIX secolo molte pratiche sono state via via abbandonate, fino a giungere alla prima metà del XX secolo, durante la quale è nato il carnevale in senso moderno, quello che tutti conosciamo, quello delle sfilate dei carri allegorici, delle parate e dei concorsi per la maschera più bella o per il gruppo che ha deliziato il pubblico con la coreografia più entusiasmante. Caratteristica che ci porta, inoltre, a comprendere che l‟antico carnevale è ormai defunto, è la divisione tra chi partecipa attivamente alla festa, prendendo parte alle sfilate, e chi invece assiste passivamente; nel carnevale tradizionale questa scissione non esisteva: tutti partecipavano attivamente indossando una maschera. Il carnevale era una festa coinvolgente e non ci si poteva sottrarre alle attività che venivano svolte in quel periodo. Non esisteva il palcoscenico e la platea: in questo caso si sarebbe parlato di teatro, mentre il carnevale è quotidiano, è vita. Al carnevale non si assisteva ma si condivideva, in quanto era una festa universale.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 1.1 LE ORIGINI DEL RITO Il carnevale è un rito-spettacolo, legato ai cicli agrari primaverili. E‟ una festività che precede il periodo di Quaresima e le principali attività della festa si svolgono nei mesi di febbraio e marzo. Il carnevale aveva in passato una funzione propiziatoria per quanto riguarda l‟agricoltura e l‟allevamento, svolgendosi in concomitanza con l‟arrivo della primavera, augurando abbondanza e ricchezza, e anche una funzione liberatoria degli istinti dell‟uomo e di affrancamento momentaneo del popolo dal giogo del potere con modalità gioiose, satiriche, comiche che si manifestavano nello spettacolo ritualizzato. Lo spettacolo era creato grazie all‟utilizzo di mascheramenti e di sfilate per le vie della città. L‟origine del carnevale è probabilmente legata a ritualità di origine greca e romana, ma si ritrovano analogie anche con culti di origine egizia. La festività antica che possiede più corrispondenze con il carnevale e dalla quale probabilmente esso ha avuto origine è quella dei Saturnali romani. I Saturnali romani prevedevano una cerimonia religiosa con celebrazioni di carattere orgiastico; era consuetudine, inoltre, scambiarsi doni augurali: si eleggeva un re per scherzo, gli schiavi venivano sollevati temporaneamente dai loro doveri, si abolivano le distanze sociali e si consideravano sospese alcune leggi e norme 1 . I Saturnali duravano tre giorni, dal 17 al 19 dicembre, poi aumentati nell‟età Imperiale, durante i quali si tenevano banchetti nelle case private, ma anche per le pubbliche strade. Il dio Saturno, per i Romani, era associato al dio greco Crono che, secondo la tradizione, aveva regnato durante l‟Età dell‟Oro, periodo mitico in cui uomini e animali vivevano in armonia e la gioia e il benessere imperavano in ogni luogo. Anche altre feste pagane possono essere annoverate tra le possibili fonti dell‟origine del carnevale: i Baccanali e le feste dedicate alla dea Iside. 1 voce: Saturnale, D.E.I., vol. X, pag. 847, col. 3, Istituto Poligrafico dello Stato, Roma , 1970

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucrezia Modugno Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1641 click dal 09/01/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.