Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Etnofinzione e turismo: i Dogon di Griaule

Quello che segue nelle pagine a venire, è un viaggio attraverso due secoli di avvicendamenti; è un viaggio cominciato da un uomo, un etnologo, e finito da un altro uomo, un turista.
Il tutto ha inizio con una spedizione etnografica, fatta negli anni ’30 del novecento, che porta un gruppo di uomini e donne, ognuno col suo carico di emozioni ed esperienze, studiosi e appassionati di tutto ciò che rappresentava l”altro”, a viaggiare attraverso l’Africa e a prendere e a portarsi via quanto più possibile da quel viaggio.
Solo pochi di loro si accorgeranno dello scambio impari che è avvenuto.
Proseguendo nella lettura, ci si imbatte in un incontro più intimo di quello che l’ha preceduto, abbiamo infatti due soli uomini a confronto, tanto dissimili nell’aspetto e nella condizione quanto accomunati da un interesse e una passione sviscerata per quel piccolo morceau d’afrique che li circonda.
Ecco che l’Africa comincia a riempire a poco a poco, gli spazi lasciati vuoti da quegli occidentali molti anni prima.
Questo viaggio finisce quando comincia il viaggio di un turista, che , più o meno consapevolmente, ripercorre a ritroso un cammino tracciato due secoli prima, alla ricerca di un mondo perduto per cui prova una profonda nostalgia.

Il primo capitolo tratta della spedizione Dakar-Djbouti, del modo in cui essa nacque e fu articolata, dei suoi membri partecipanti e delle finalità che essi perseguivano. È introdotto poi anche Marcel Griaule, capo della succitata spedizione, e del suo metodo di ricerca.
Nel secondo capitolo si approfondisce la figura di Griaule come etnologo e la sua iniziazione alla cosmogonia della popolazione Dogon, che lui stesso promulga attraverso un libro, Dio d’Acqua, destinato a influenzare, non solo l’antropologia francese, ma soprattutto la popolazione stessa. Qui è anche analizzato dettagliatamente il linguaggio usato nella narrazione, gli eventi occorsi e soprattutto la cosmogonia e la sua eventuale influenza sulla vita quotidiana Dogon.
Il terzo e ultimo capitolo si focalizza sugli eventi, a partire dagli anni ‘60, avvenuti nell’area geografica della falesia del Bandiagara. Infatti, dopo la dipartita di Marcel Griaule, molte iniziative ed enti, governativi e non, si sono preoccupati di continuare l’opera da lui cominciata, ossia la valorizzazione del patrimonio culturale e artistico di quei luoghi. Sono analizzati i modi e i metodi di tale preservazione, e soprattutto l’ambiguo ruolo di attore, interpretato dal Dogon, e quello del pubblico, rappresentato dal turista.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE “ L'uso dei viaggi è di regolare l'immaginazione con la realtà, e, invece di far pensare come possono essere le cose, di farle vedere come sono ”. (Samuel Jackson) Quello che segue nelle pagine a venire, è un viaggio attraverso due secoli di avvicendamenti; è un viaggio cominciato da un uomo, un etnologo, e finito da un altro uomo, un turista. Il tutto ha inizio con una spedizione etnografica, fatta negli anni ‟30 del novecento, che porta un gruppo di uomini e donne, ognuno col suo carico di emozioni ed esperienze, studiosi e appassionati di tutto ciò che rappresentava l”altro”, a viaggiare attraverso l‟Africa e a prendere e a portarsi via quanto più possibile da quel viaggio. Solo pochi di loro si accorgeranno dello

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Annarita Attianese Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1587 click dal 09/01/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.