Skip to content

Relazione Pay-Performance, proprietà e concorrenza: verifiche su un campione di imprese italiane quotate

Informazioni tesi

  Autore: Elizabeth Paradiso
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Laura Rondi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

Il mio lavoro si è basato su un'analisi, teorica ed empirica, delle soluzioni retributive incentivanti che gli imprenditori, e più in generale i proprietari di una società, possono adottare per allineare gli interessi dei managers con i loro e sul tentativo di evidenziare le conseguenze, non sempre positive, del ricorso a tali meccanismi.
L'interesse per l'argomento trattato è, a mio parere, strettamente connesso ad alcune questioni che sono state sollevate dai numerosi scandali finanziari a cui si è assistito negli ultimi anni. Il naturale conflitto di interesse che è alla base della teoria manageriale, i meccanismi di Corporate Governance e, tra questi, il ricorso a soluzioni incentivanti, ultimamente ahimè spesso distorti o sottovalutati, non dovrebbero meritare dunque una maggiore attenzione? Non dovrebbe essere sottolineata l'importanza di una condotta eticamente corretta, o quantomeno più corretta, soprattutto in un Paese come il nostro, caratterizzato da una legislazione troppo rigida e da meccanismi sfruttati per garantire un saldo mantenimento del controllo societario? Ebbene tutto ciò finisce spesso con l'essere a discapito dei piccoli investitori ed è per tale ragione che ritengo non sia insensato parlare di best practice in ambito manageriale con riferimento non solo a soluzioni e metodi utili a raggiungere risultati concreti, ma anche a questi aspetti, forse più sottili, personali e di certo difficilmente gestibili, che dovrebbero tuttavia riportare in mente quello che è il vero scopo di un manager, ovvero quello di agire nell'interesse e per conto dei proprietari di una società.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa 5 Premessa L’intento del presente lavoro è quello di condurre uno studio circa la composizione della struttura proprietaria e finanziaria di un campione di imprese italiane quotate, con particolare riguardo alla composizione della retribuzione manageriale nelle grandi società ed al ruolo degli incentivi monetari e non. Il problema dell’allineamento degli interessi di managers e azionisti nella gestione d’impresa è stato a lungo oggetto di studio di parte della letteratura economica e i principali contributi vengono fatti risalire a Jensen e Meckling (1976) i quali hanno individuato nei meccanismi incentivanti una possibile soluzione al problema ed ai costi di agenzia. In realtà la relazione Pay-Performance è stata oggetto di lunghi dibattiti e ha dato vita, anche alla luce dei recenti scandali finanziari, a opinioni spesso contrastanti, divise tra chi ritiene che tale relazione sia fin troppo debole e chi invece denuncia le retribuzioni manageriali considerandole eccessive. Ad ogni modo i contratti incentivanti sono solo uno dei tanti meccanismi di Corporate Governance che possono essere adottati con il fondamentale obiettivo di garantire la tutela dei piccoli investitori e che sono stati messi a dura prova negli ultimi anni, mostrando spesso le loro debolezze. Tra questi meccanismi un ruolo di rilievo spetta senz’altro all’insieme di norme e legislazioni vigenti nei singoli Stati, le quali sono in grado di influenzare l’assetto proprietario delle grandi società e la cui efficienza favorisce lo sviluppo dei mercati finanziari (Law and Finance). Si può pertanto parlare di un modello anglosassone, tipico del mercato statunitense e inglese, caratterizzato da un forte sviluppo del mercato dei capitali, da un elevato ricorso ai take-over e da una significativa dispersione dell’azionariato tra azionisti esterni di piccole dimensioni ed investitori istituzionali, contrapposto ai mercati dell’Europa continentale, tra cui quello italiano, dove la proprietà societaria è molto più concentrata nelle mani di un gruppo di maggioranza, spesso familiare, che svolge anche la funzione di gestione e controllo. Partendo proprio dalla definizione di Corporate Governance, il lavoro che segue presenta dapprima il problema derivante dalla separazione tra proprietà e controllo passando in rassegna le principali teorie dell’impresa e volgendo l’attenzione al problema e ai costi di agenzia che sono in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corporate
governance
indicatori di performance
asimmetria informativa
conflitto di interesse
remunerazione
costi di agenzia
relazione pay-performance
analisi di un campione di società italiane quotate
comitato di remunerazione
rapporto tra benefici monetari e non monetari
dimensioni societarie
imprese manifatturiere e public utilities
importanza dei sistemi legali
strutture piramidali in italia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi