Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo smaltimento dei rifiuti in Italia e in Spagna. I casi della Regione Campania e della Comunità Valenciana

All'interno di una branca del diritto sviluppatasi di recente come il diritto ambientale, il campo dello smaltimento dei rifiuti è probabilmente quello maggiormente connesso con la problematica ambientale intesa nel suo complesso.
Come si può facilmente intuire la materia è sterminata, al confine tra scienze giuridiche e scienze chimiche e biologiche, e solo in tempi recenti è stata compresa in tutta la sua importanza.
A queste difficoltà se ne aggiungono altre di carattere più tecnico quali la mancanza, a livello comunitario e internazionale, di un sistema organico delle fonti, problema correlato con la “novità” della materia (l’affermarsi di una sensibilità giuridica concreta per le tematiche ambientali è piuttosto recente sia a livello internazionale che nazionale), la sovrapposizione delle competenze che si verifica in Italia, in seguito alla riforma del Titolo V della Costituzione, in materia ambientale e non solo (e che ha dato luogo ad importanti sentenze della Corte Costituzionale), la tendenza “inflazionistica” della legislazione ambientale italiana, solo apparentemente mitigata dalla recente approvazione di un testo unico ambientale (D. Lgs. 152/2006) che ha prodotto, nel volgere di pochi anni un insieme legislativo disomogeneo, di difficile decifrazione e ancor più difficile attuazione. Inoltre, di fronte a questo marasma di norme la dottrina e l’opinione pubblica italiana hanno mostrato una preoccupante forma di assuefazione che ha spinto il dibattito politico e giuridico in materia di ambiente ad una progressiva settorializzazione.
Questi sono i motivi per i quali in questo ambito (smaltimento dei rifiuti) non è possibile prescindere da una panoramica generale sulle normative ambientali che restituisca il senso della profondità e della complessità del problema, inscindibilmente legato con numerosi campi del diritto ambientale e quasi a cavallo tra diritto internazionale, comunitario, costituzionale e amministrativo.
Per meglio comprendere tale fenomeno è sembrato opportuno cercare un termine di paragone giuridicamente esterno al nostro sistema ma affine all’esperienza italiana, e campana in particolare.
Le peculiarità storiche e giuridiche della Spagna rappresentano l’ideale paradigma per analizzare la realtà nostrana e per coglierne appieno differenze, pregi e difetti, considerando anche lo stato avanzato del processo di integrazione europea che è alla base di una omogeneità sempre più avanzata fra gli ordinamenti degli Stati membri.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo spunto di questa tesi nasce dall‘attualità, dalla quotidianità del vivere costantemente ‗in emergenza rifiuti‘, dalla volontà di capire l‘assurdità di una situazione durata quindici anni durante la quale anziché progettare una soluzione a lungo termine ci si è limitati a tappare le falle, preoccupandosi esclusivamente dello smaltimento dei rifiuti, che dovrebbe essere l‘extrema ratio, piuttosto che delle possibilità di riduzione conversione, riutilizzo, riciclo,. Per meglio comprendere tale fenomeno, è sembrato opportuno cercare un termine di paragone giuridicamente esterno al nostro sistema ma affine all‘esperienza italiana, e campana in particolare. Le peculiarità storiche e giuridiche della Spagna rappresentano l‘ideale paradigma per analizzare la realtà nostrana e per coglierne appieno differenze, pregi e difetti, considerando anche lo stato avanzato del processo di integrazione europea che è alla base di una omogeneità sempre più avanzata fra gli ordinamenti degli Stati membri. Avendo il privilegio di poter guardare all‘esperienza iberica da un ottica privilegiata, grazie ad un esperienza Erasmus nella città di Valencia, è parso logico associare queste due realtà geograficamente e culturalmente molto vicine, eppure sotto molti aspetti radicalmente opposte. La funzione primaria della comparazione è, infatti, per antonomasia, la conoscenza degli ordinamenti stranieri, che molto spesso favorisce anche una migliore comprensione dell‘ordinamento nazionale. 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Manzo Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2423 click dal 27/01/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.