Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vissuto d’ansia e patologia psicosomatica: indagine sui percorsi antistress in stazione termale

Descrizione dettagliata ed esaustiva delle teorie riguardo l'ansia, l'angoscia e la psicosomatica. Oltre alle più diffuse tecniche di riduzione dell'ansia. Descrizione degli aspetti psicologici delle terapie usate nei contesti termali. Infine un intero capitolo dedicato all'indagine sul campo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Parte I Ansia, termalismo, stress CAPITOLO 1: L’ansia e le patologie correlate 1.1) Introduzione Come prima cosa sembra utile menzionare quanti in campo scientifico hanno trattato il problema dell’ansia. Tra gli studiosi che si sono occupati del fenomeno ricordiamo innanzitutto Sigmud Freud a cui risale la prima, e tra le più importanti formulazioni teoriche sul tema, che descriverò nel dettaglio nel paragrafo successivo. Horney, Fromm e Sullivan hanno sviluppato il problema dell'ansia dal punto di vista sociale. Per Horney l'ansia di base consiste nella sensazione sgradevole che un soggetto ha di essere isolato ed impotente in un mondo ostile. Fromm ricollega l'ansietà alle esperienze di isolamento conseguenti ai mutamenti sociali dovuti allo sviluppo economico e politico. Secondo la sua teoresi i progressi nella nostra società hanno contribuito all'alienazione dell'individuo e l'ansietà è quindi uno stato che deriva dalla constatazione di non poter soddisfare le proprie esigenze in un modo socialmente accettabile. M.Klein, Winnicott e Bowlby hanno analizzato le reazioni di angoscia connesse al rapporto madre/bambino, dove Bowlby si è occupato dell'ansietà nelle prime fasi di vita ed ha messo in evidenza come essa nasca ogni qual volta il bambino avverte una possibilità di separazione dalla propria figura di attaccamento. Pavlov in ambito psicometrico attraverso i suoi pionieristici studi sperimentali ha evidenziato come le reazioni di ansia possono essere indotte ed acquisite: riuscì a far sviluppare a cani da laboratorio delle nevrosi sperimentali attraverso l’impiego di figure geometriche come stimoli condizionanti (delle quali alterava la forma in modo graduale). Per Pavlov queste nevrosi sperimentali possono essere accostate a quelle di individui umani che non riescono a distinguere gli stimoli neutri da quelli significativi e cadono in preda a stati acuti di ansia, angoscia e panico ogni qualvolta si trovano davanti a situazioni che in passato erano loro del tutto indifferenti. 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Alessandro Domesi Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1820 click dal 24/01/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.