Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Corpi materni - un'indagine etnografica su tre generazioni di donne

L'idea di questo lavoro è quella di indagare come si sia modificato, nel corso del tempo, l'approccio alla gravidanza da parte delle donne, e le concezioni ad essa associate nelle teorie filosofiche così come nelle cosmologie popolari.
Attraverso un lavoro di ricostruzione storica vengono ripercorse le tappe che hanno portato, a partire dal Settecento, alla situazione odierna di parto medicalizzato ed ospedalizzato nella pratica dell'assistenza al parto: da domestica e dominata dalla presenza delle donne, con l'unico ausilio di levatrici o “mammane” senza alcun tipo di educazione formale, alla situazione odierna: ospedalizzato, medicalizzato, dominato dall'autorità maschile che impone il proprio sapere – medico scientitifico, autoritativo – come l'unico ammissibile ed accettabile.
Centrale in tutto il lavoro è la presenza del corpo, come di volta in volta esso venga interpretato, giudicato, declinato, utilizzato.
Il lavoro include una ricerca etnografica effettuata nel corso di cinque mesi su tre generazioni di donne. Sono stati effettuati colloqui con quindici donne, divise in tre generazioni (quattro donne per ogni fascia d'età, cinque in un caso), generalmente coetanee fra loro, e con esperienze di vita simili. Per quanto riguarda la prima generazione, il contesto di riferimento è di tipo rurale, mentre è di tipo urbano per la seconda e la terza generazione. Durante le interviste è stata ricostruita a grandi linee la storia di vita della persona, con particolare enfasi sull'esperienza della gravidanza e del parto. Le interviste raccolte sono state confrontate per rilevare punti di contatto e poter ricostruire l'esperienza di maternità per quella generazione.
Lo scopo del lavoro è quello di mostrare l'evoluzione dell'esperienza di gravidanza, dei fattori che l'hanno influenzato; dei cambiamenti nell'interpretazione del corpo e della maternità.

Mostra/Nascondi contenuto.
~ 4 ~ Introduzione Corpi materni, corpi di madri. Come si modifica il corpo con la gravidanza? Come vengono vissuti i cambiamenti che il corpo attraversa con la gestazione? Come viene rappresentata, e percepita, la maternità nell‟esperienza concreta delle donne? Quando ho avuto per la prima volta l‟idea per questo lavoro di tesi, non avevo idea di cosa avrei trovato. Mi era venuta una curiosità, uno spunto che ho pensato sarebbe stato interessante approfondire, ma onestamente senza avere una,né vaga, né chiara, idea di quello che stessi per incontrare. L‟idea di studiare il corpo, tuttavia, è stata spontanea: è nel corpo – e col corpo – che, prima che con ogni altra cosa, esprimiamo la nostra appartenenza culturale; è nel corpo che vengono iscritti i significati sociali – mi è risultato immediato andare, per così dire, alla fonte. Perché, seppure immediato – nell‟uso che facciamo del corpo c‟è ben poco di “naturale”. Il corpo è il mezzo primo di espressione, in quanto non si può trascendere. I corpi non sono mai neutri, come l‟antropologia ci insegna. Vengono modificati, plasmati, interpretati. In effetti, possiamo distinguere due corpi – o due usi che vengono fatti del corpo. Uno, è il corpo naturale – l‟involucro corporeo che ci racchiude, e che è il nostro mezzo di espressione nel mondo. L‟altro, è un corpo sociale: l‟insieme di tutte le rappresentazioni che facciamo e che vengono fatte del corpo naturale; e le interpretazioni che ne vengono date. In effetti, la stessa contrapposizione corpo naturale vs. corpo sociale è una rappresentazione culturale. Non si può trascendere il proprio corpo. Allo stesso modo, ogni comportamento che lo riguarda, ha origine culturale. È difficile trovare un‟espressione, un atteggiamento o una funzione che non

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Annika Lejersten Contatta »

Composta da 324 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2559 click dal 24/01/2012.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.