Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Antropologia in Valtellina: incontro tra metamorfosi e leggenda

Analisi antropologico-letteraria su alcune figure tipiche dell'immaginario collettivo Valtellinese e del stretto rapporto con il paesaggio.
L'obbiettivo di questa tesi è quello di analizzare alcune delle figure animali che hanno caratterizzato il vastissimo immaginario popolare valtellinese fino a tempi a noi molto prossimi. Colpisce l'influente posizione simbolica che queste bestie, il più delle volte misteriose e malvagie, occupavano nel definire il soprannaturale. Mi propongo quindi di indagare il rapporto che gli uomini di queste zone alpine hanno instaurato e rielaborato nei secoli con quegli animali contro i quali hanno lottato per la sopravvivenza in un territorio ostile. Di questi antichi retaggi, espressioni del solido legame che un tempo intercorreva tra uomo e natura, oramai non restano che vaghi ricordi nella memoria dei più. Avvicinandomi gradualmente a questo tema, peraltro di insospettabile vastità, mi sono reso conto di quanto sia difficile far riaffiorare, anche solo, delle vaghe reminiscenze nelle persone interrogate su questi argomenti. I miei primi ricordi sul tema sfumano nella mia infanzia, nelle storie, nei proverbi e nei frequenti ammonimenti della mia bisnonna Anna. Così conobbi i mitici animali che popolano i boschi di Bormio e della Valdisotto, le imprevedibili anime dei morti o i racconti dell'uomo nero, l'equivalente dell'hom'selvàdegh, che aiutavano ad incutere il giusto timore e riverenza per un territorio tanto pericoloso quanto sublime. Tutto questo, che già allora risultava tenue espressione di una differente concezione del paesaggio circostante e della sua popolazione animale, sembra oggi irrimediabilmente lontano dalla forza e dalla purezza dell'oralità, di cui, ad esempio, i coetanei dei miei fratelli, più giovani di me solo di una decina d'anni, non avranno nemmeno il sentore.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'obbiettivo di questa tesi è quello di analizzare alcune delle figure animali che hanno caratterizzato il vastissimo immaginario popolare valtellinese fino a tempi a noi molto prossimi. Colpisce l'influente posizione simbolica che queste bestie, il più delle volte misteriose e malvagie, occupavano nel definire il soprannaturale. Mi propongo quindi di indagare il rapporto che gli uomini di queste zone alpine hanno instaurato e rielaborato nei secoli con quegli animali contro i quali hanno lottato per la sopravvivenza in un territorio ostile. Di questi antichi retaggi, espressioni del solido legame che un tempo intercorreva tra uomo e natura, oramai non restano che vaghi ricordi nella memoria dei più. Avvicinandomi gradualmente a questo tema, peraltro di insospettabile vastità, mi sono reso conto di quanto sia difficile far riaffiorare, anche solo, delle vaghe reminiscenze nelle persone interrogate su questi argomenti. I miei primi ricordi sul tema sfumano nella mia infanzia, nelle storie, nei proverbi e nei frequenti ammonimenti della mia bisnonna Anna. Così conobbi i mitici animali che popolano i boschi di Bormio e della Valdisotto, le imprevedibili anime dei morti o i racconti dell'uomo nero, l'equivalente dell'hom'selvàdegh, che aiutavano ad incutere il giusto timore e riverenza per un territorio tanto pericoloso quanto sublime. Tutto questo, che già allora risultava tenue espressione di una differente concezione del paesaggio circostante e della sua popolazione animale, sembra oggi irrimediabilmente lontano dalla forza e dalla purezza dell'oralità, di cui, ad esempio, i coetanei dei miei fratelli, più giovani di me solo di una decina d'anni, non avranno nemmeno il sentore. Sono stati, e saranno fondamentali, per le ricerche in questo campo, testi come quelli di Don Remo Bracchi, Nomi e volti della paura nelle valli dell'Adda e della Mera, quelli di Aurelio Garobbio, e degli studi di Marcello Canclini e Glicerio Longa che forniscono una solida base di analisi di studio generale della storia, delle tradizioni e delle credenze 2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Manuel Piardi Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 815 click dal 25/06/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.