Skip to content

Antropologia in Valtellina: incontro tra metamorfosi e leggenda

Informazioni tesi

  Autore: Manuel Piardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Gino Ruozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Analisi antropologico-letteraria su alcune figure tipiche dell'immaginario collettivo Valtellinese e del stretto rapporto con il paesaggio.
L'obbiettivo di questa tesi è quello di analizzare alcune delle figure animali che hanno caratterizzato il vastissimo immaginario popolare valtellinese fino a tempi a noi molto prossimi. Colpisce l'influente posizione simbolica che queste bestie, il più delle volte misteriose e malvagie, occupavano nel definire il soprannaturale. Mi propongo quindi di indagare il rapporto che gli uomini di queste zone alpine hanno instaurato e rielaborato nei secoli con quegli animali contro i quali hanno lottato per la sopravvivenza in un territorio ostile. Di questi antichi retaggi, espressioni del solido legame che un tempo intercorreva tra uomo e natura, oramai non restano che vaghi ricordi nella memoria dei più. Avvicinandomi gradualmente a questo tema, peraltro di insospettabile vastità, mi sono reso conto di quanto sia difficile far riaffiorare, anche solo, delle vaghe reminiscenze nelle persone interrogate su questi argomenti. I miei primi ricordi sul tema sfumano nella mia infanzia, nelle storie, nei proverbi e nei frequenti ammonimenti della mia bisnonna Anna. Così conobbi i mitici animali che popolano i boschi di Bormio e della Valdisotto, le imprevedibili anime dei morti o i racconti dell'uomo nero, l'equivalente dell'hom'selvàdegh, che aiutavano ad incutere il giusto timore e riverenza per un territorio tanto pericoloso quanto sublime. Tutto questo, che già allora risultava tenue espressione di una differente concezione del paesaggio circostante e della sua popolazione animale, sembra oggi irrimediabilmente lontano dalla forza e dalla purezza dell'oralità, di cui, ad esempio, i coetanei dei miei fratelli, più giovani di me solo di una decina d'anni, non avranno nemmeno il sentore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'obbiettivo di questa tesi è quello di analizzare alcune delle figure animali che hanno caratterizzato il vastissimo immaginario popolare valtellinese fino a tempi a noi molto prossimi. Colpisce l'influente posizione simbolica che queste bestie, il più delle volte misteriose e malvagie, occupavano nel definire il soprannaturale. Mi propongo quindi di indagare il rapporto che gli uomini di queste zone alpine hanno instaurato e rielaborato nei secoli con quegli animali contro i quali hanno lottato per la sopravvivenza in un territorio ostile. Di questi antichi retaggi, espressioni del solido legame che un tempo intercorreva tra uomo e natura, oramai non restano che vaghi ricordi nella memoria dei più. Avvicinandomi gradualmente a questo tema, peraltro di insospettabile vastità, mi sono reso conto di quanto sia difficile far riaffiorare, anche solo, delle vaghe reminiscenze nelle persone interrogate su questi argomenti. I miei primi ricordi sul tema sfumano nella mia infanzia, nelle storie, nei proverbi e nei frequenti ammonimenti della mia bisnonna Anna. Così conobbi i mitici animali che popolano i boschi di Bormio e della Valdisotto, le imprevedibili anime dei morti o i racconti dell'uomo nero, l'equivalente dell'hom'selvàdegh, che aiutavano ad incutere il giusto timore e riverenza per un territorio tanto pericoloso quanto sublime. Tutto questo, che già allora risultava tenue espressione di una differente concezione del paesaggio circostante e della sua popolazione animale, sembra oggi irrimediabilmente lontano dalla forza e dalla purezza dell'oralità, di cui, ad esempio, i coetanei dei miei fratelli, più giovani di me solo di una decina d'anni, non avranno nemmeno il sentore. Sono stati, e saranno fondamentali, per le ricerche in questo campo, testi come quelli di Don Remo Bracchi, Nomi e volti della paura nelle valli dell'Adda e della Mera, quelli di Aurelio Garobbio, e degli studi di Marcello Canclini e Glicerio Longa che forniscono una solida base di analisi di studio generale della storia, delle tradizioni e delle credenze 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
leggenda
animali
metamorfosi
drago
uomo selvatico
valtellina
serpente
centini
valtellinese
mambretti
longa
remo bracchi
schena
cunfinaà
giuét

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi