Skip to content

La tutela del consumatore: dal commercio tradizionale all'e-commerce

Informazioni tesi

  Autore: Arianna Massoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Camerino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Maria Concetta  De vivo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Le transazioni che nascono dall’e-commerce hanno presupposti diversi da quelle che avvengono nell’ambito degli scambi commerciali tradizionali: l’assenza di intermediazioni e vincoli di natura fisica, geografica e temporale costituisce l’aspetto distintivo del nuovo business basato sull’avvento delle nuove tecnologie che stanno rendendo sia la produzione che il web-marketing sempre più customer oriented a seconda della domanda del consumatore; un consumatore che oggi appare sempre più come soggetto agente e protagonista nella delicata fase della transazione, perché ricerca informazioni sui prodotti e servizi, confronta le loro caratteristiche, compie vere e proprie ricerche di mercato, facendo quindi scelte ragionate e non d’impulso come invece può accadere nel mondo fisico-reale; il cyberconsumatore approda alla rete con una gerarchia di bisogni già strutturata e in quanto soggetto attivo va convinto con metodi di ancoraggio dedicati. Attraverso la Rete è possibile realizzare una interconnessione globale, che realizza l’abbattimento di qualsiasi barriera geografica e temporale nello svolgimento delle transazioni, garantendo l’accessibilità a prodotti e servizi provenienti da qualsiasi parte del mondo, senza la necessità di recarsi fisicamente nel luogo di vendita;chi entra nel negozio virtuale, compie l’acquisto con un semplice point and click di accettazione. I vantaggi offerti dall’avvento delle nuove tecnologie, prima tra tutte Internet, la Rete delle reti, e lo svilupparsi del commercio elettronico, consentono indubbi vantaggi almeno sotto due aspetti: per chi sfrutta il nuovo canale come opportunità di aumento della competitività aziendale e per chi alla rete si rivolge per la domanda di determinati beni. L’e-commerce non è quindi semplicemente una nuova modalità di vendita ma un vero e proprio modo, del tutto inedito, di stare sul mercato che sta modificando le basi stesse dell’economia e che spinge quindi a ridefinire, entro ambiti specifici, quelle che sono le tradizionali categorie concettuali di commercio, consumatore, consumo. Nel passaggio dal commercio tradizionale all’e-commerce va quindi ridefinito il ruolo del consumatore: da soggetto passivo, nel commercio tradizionale, a soggetto attivo nel commercio elettronico; il cyberconsumatore è un soggetto autonomo che ricerca e seleziona le informazioni orientandosi da solo; ma non per questo necessita di una minore tutela: il problema è stato quindi quello di individuare l’estensione e applicabilità delle leggi in materia di tutela del consumatore dal mondo fisico al virtuale. Infatti la deterritorializzazione pone problemi per quanto riguarda il tempo e il luogo di conclusione del contratto telematico;la transnazionalità, la velocità dello scambio, la non fisicità rendono lo scambio assolutamente privo di ogni forma di contatto,dal momento della negoziazione a quello della conclusione ed esecuzione.Questi aspetti fanno nascere problematiche giuridiche legate alla necessità di tutelare il consumatore, contraente debole, all’interno della Rete globale. Infatti, sebbene sia possibile configurare delle ipotesi di trattativa on line,i contratti standard transnazionali non sono frutto di un accordo tra le parti, quanto piuttosto un mezzo attraverso il quale il soggetto più forte vincola il soggetto più debole. È indispensabile in ogni ordinamento avere strumenti che consentano un controllo sostanziale ed un maggiore equilibrio degli interessi contrapposti. Gli strumenti di tutela apprestati dal legislatore tentano di contrastare quell’asimmetria informativa legata al fatto che la parte economica più forte gode di un vantaggio conoscitivo non indifferente rispetto all'altra parte coinvolta nel contratto. Questo rischio, in Internet, è maggiormente sentito proprio perché l'assenza di dialoghi e delle trattative che caratterizzano la contrattazione per adesione a condizioni generali di contratto tipica dei contratti on-line, pone l'esigenza di informazioni e di trasparenza del mercato. E’importante quindi un'adeguata opera di informazione, di sensibilizzazione e di educazione che deve riguardare non solo il singolo consumatore, ma tutti i potenziali clienti/consumatori. Solo così si tutela il soggetto, sia nel momento della scelta, ponendo obblighi informativi al professionista, che in quello successivo alla conclusione dell’accordo, ad esempio attraverso il riconoscimento del diritto di recesso o della nullità delle clausole vessatorie. Comunque, la normativa esistente nel Codice del Consumo, anche se non emanata con specifico riguardo ad Internet, (come lo è invece il d.lgs. 70/2003 che si rivolge non solo ai consumatori ma a chiunque utilizzi la rete per le proprie transazioni), è applicabile ai fenomeni che hanno luogo su Internet. Naturalmente questa soluzione oggi non è esente da problemi, come abbiamo avuto modo di vedere nel corso della trattazione, in quanto l'applicazione estensiva di alcune disposizioni dal “reale” al “virtuale” non è priva di difficoltà.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Le transazioni che nascono dall’e-commerce hanno presupposti diversi da quelle che avvengono nell’ambito degli scambi commerciali tradizionali: l’assenza di intermediazioni e vincoli di natura fisica, geografica e temporale costituisce l’aspetto distintivo del nuovo business basato sull’avvento delle nuove tecnologie che stanno rendendo sia la produzione che il web-marketing sempre piø customer oriented a seconda della domanda del consumatore; un consumatore che oggi appare sempre piø come soggetto agente e protagonista nella delicata fase della transazione, perchØ ricerca informazioni sui prodotti e servizi, confronta le loro caratteristiche, compie vere e proprie ricerche di mercato, facendo quindi scelte ragionate e non d’impulso come invece può accadere nel mondo fisico-reale; il cyberconsumatore approda alla rete con una gerarchia di bisogni già strutturata e in quanto soggetto attivo va convinto con metodi di ancoraggio dedicati. Ma non per questo è ammissibile un ‘abbassamento di guardia’ nella questione relativa alla tutela del cyberconsumatore che, come si vedrà nel resto della trattazione, acquista un’importanza centrale per lo sviluppo dell’ e-commerce. Il problema della definizione terminologica di e-commerce o commercio elettronico va affrontato respingendo ogni tentativo di incasellarlo in categorie concettuali troppo rigide, che mal si adattano alla sua continua evoluzione. Non potendo comunque rimanere privi di almeno un’idea sostanziale di ciò che esso rappresenta, si riporta la definizione di una delle piø autorevoli riviste internazionali l’Harvard Business Review che lo definisce, nell’ambito dell’economia mondiale, come “l’innovazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

e-commerce
tutela consumatore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi