Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

James Ellroy, anatomia di una discesa agli inferi: desolazione e catarsi

La tesi si propone di individuare le molteplici sfaccettature di un autore atipico come James Ellroy, attraverso un percorso di analisi che ne colga tematiche, sperimentazioni linguistiche, eredità ed influenze cinematografiche.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione All’inizio volevo essere il miglior scrittore di romanzi criminali. Poi ho cercato di superare il ghetto del genere e volevo essere il miglior scrittore di romanzi. Oggi voglio essere il miglior scrittore. Punto e basta. 1 Così parla di sØ l’autore James Ellroy, nato a Los Angeles nel 1948, figura singolare e controversa del panorama letterario contemporaneo. Romanziere, autore di racconti, giornalista, oratore, sceneggiatore. In venticinque anni di lavoro Ellroy ha spaziato dalla pubblicazione di best-sellers come The Black Dahlia (1987), alla creazione di romanzi cult come The Big Nowhere (1988) e My Dark Places (1996), alla stesura di short stories come quelle raccolte in Hollywood Nocturnes (1994), alla collaborazione con la rivista GQ terminata nel maggio 2003, alla scrittura di sceneggiature sia originali sia tratte dai suoi stessi romanzi, alcune diventate poi film altre mai realizzate. Ha inoltre contribuito, come produttore esecutivo, al telefilm James Ellroy Presents Bazaar Bizarre (2004), è comparso in un cammeo nella pellicola Wonder Boys di Curtis Hanson (2000) e nel documentario James Ellroy: Demon Dog of American Crime Fiction di Reinhard Jud (1993). Tutto questo è James Ellroy. Ma non solo. ¨ disciplina e passione, spietatezza e moralità. Ma non solo. Esasperato ed eccessivo, feroce e seducente, il re del noir 2 è un duro proiettile nel cuore dell’America piø oscura. Ma non solo. Ha storie da raccontare. La sua, quella della sua città e delle anime che vi si perdono, quella del suo Paese. Storie di violenza, crudeltà, corruzione: 1 Dall’intervista rilasciata al settimanale Panorama il 21/08/2006. 2 Ranieri Polese, “Ellroy: io, re del noir, tra i segreti d’America”, Corriere della Sera, 3 aprile 2001, 37.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Consuelo Giusto Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 386 click dal 24/01/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.