Skip to content

Idee materne sulla prematurità

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Benedettini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Monica Toselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

I bambini nati prematuri, sono maggiormente a rischio, rispetto ai bambini nati a termine, per difficoltà d’apprendimento, deficit visivi e motori, ritardi nel linguaggio, disturbi dell’attenzione, iperattività, ecc.
Diversi autori (Siegel L., 1982; Beckwhith e Cohen, 1987; Goldberg S. e altri; 1991) hanno rilevato che gli esiti evolutivi cui andranno incontro i nati pretermine non dipendono solo da fattori di rischio biologici (basso peso alla nascita, immaturità del sistema nervoso, ritardi di crescita intrauterina, complicazioni perinatali, ecc.), ma anche dalla capacità dell’ambiente di reagire ed adattarsi alla nascita prematura. Il contesto ambientale comprende anche le aspettative e le idee di chi si prende cura del bambino prematuro.
Un certo numero di ricerche hanno evidenziato l’esistenza di uno specifico stereotipo relativo ai bambini nati pretermine (Stern e Hildebrandt, 1984; Miller e Ottinger, 1986; Epps, 1993), che fa sì che gli adulti valutino un neonato al quale è stata attribuita dallo sperimentatore la condizione di “nato prematuro” più negativamente (poco gradevole, poco attento, poco socievole, ecc.) rispetto ad un bambino descritto come “nato a termine”. Secondo M. Stern e K.A. Hildbrandt-Karraker, tali pregiudizi darebbero avvio ad un processo di “profezia che si auto-avvera”, poiché porterebbero i genitori del prematuro a provocare nel bambino comportamenti in linea con le loro aspettative.
Le ricerche sullo “stereotipo della prematurità”, comunque, non hanno indagato né i contenuti specifici di tale stereotipo, né le percezioni dei genitori riguardo al loro bambino prematuro.
L’obiettivo della mia tesi è di comprendere ciò che le madri pensano dei propri neonati prematuri, e se/come le loro idee si discostano da quelle delle madri che hanno partorito neonati giunti al termine.
A questo scopo, è stato chiesto ad un campione di 40 soggetti (composto di 20 madri di neonati pretermine e 20 madri di neonati a termine) di rispondere ad un questionario riguardante idee e informazioni generali sulla prematurità, i ritmi biologici del neonato, le modalità d’alimentazione, le modalità “educative”, le capacità comunicative del piccolo e la qualità percepita della relazione madre-bambino.
I risultati della ricerca hanno evidenziato che le idee delle madri dei prematuri divergono da quelle delle madri dei nati a termine, ma solo sotto alcuni aspetti. I prematuri sono considerati come più piccoli, più fragili, meno attivi, e come fonte di preoccupazioni maggiori, rispetto ai neonati a termine. Le madri, in ogni modo, riconoscono ai loro figli prematuri anche caratteristiche positive, come la capacità di sorridere e di riconoscere i genitori, la bellezza, l’essere raramente di cattivo umore.
Un’altra questione interessante emersa dai risultati della ricerca, riguarda le modalità d’accudimento che le madri hanno intenzione di adottare con i loro figli. Le madri dei prematuri, ad esempio, sarebbero disposte a svegliare il bambino che dorme per dargli da mangiare, a differenza delle madri dei nati a termine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La normale durata della gravidanza è di 40 settimane, con un range di variazione di 38 \ 42 settimane. Sono considerati neonati prematuri quelli che vengono al mondo prima della 37^ settimana d’età gestazionale (definizione dell’OMS). Se consideriamo che durante le ultime settimane di gestazione il feto acquista circa 700 \ 800 grammi di peso, è chiaro che i neonati prematuri sono anche neonati “di basso peso” (vale a dire con un peso alla nascita inferiore ai 2500 grammi.), tanto che in molti testi i due termini sono usati in modo interscambiabile. Le condizioni del nato pretermine variano a seconda che il suo peso sia adeguato o non adeguato all’età gestazionale (vale a dire, se il suo peso si situa al di sopra o al di sotto del decimo percentile nelle tabelle dei pesi) e che sia affetto o meno da complicazioni perinatali. Nonostante esistano criteri oggettivi che definiscono la condizione di prematurità, gli esiti di sviluppo cui andranno incontro i bambini nati prima del termine sono estremamente variabili e dipendenti da numerosi fattori, sia di ordine biologico (grado d’immaturità del sistema nervoso, difficoltà respiratorie, ritardo di crescita ecc.), sia di ordine ambientale e relazionale (tra cui le risposte emotive dei genitori). La letteratura riguardante i nati prematuri di basso peso, seguiti nel corso della loro vita, suppone che questi bambini siano ad aumentato rischio per una varietà di disturbi comportamentali, che includono disturbi psichiatrici minori e maggiori. Più di mezzo secolo fa i bambini prematuri erano già descritti come affetti da irrequietezza, nervosismo, affaticabilità, distraibilità e concentrazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia dello sviluppo
terapia intensiva neonatale
prematurità
parto pretermine
neonati
neonati prematuri
atteggiamenti materni
stereotipi sulla prematurità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi