Skip to content

Alcide De Gasperi e la nascita del Partito Popolare Trentino

Informazioni tesi

  Autore: Emanuel Ernesto Bernardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Diana De Vigili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

Alcide De Gasperi nacque a Pieve Tesino (TN) il 3 aprile 1881, nelle terre asburgiche del Trentino abitate in prevalenza da italiani. Il padre, Amedeo Degasperi, ricopriva la carica di capoposto della gendarmeria locale, mentre della madre, Maria Morandini, sappiamo solo che era originaria di Predazzo. [...]
Il Trentino deve alle politiche imperiali anche la rinascita economica sperimentata dagli anni ‘80, proprio durante l’infanzia di De Gasperi. A metà del secolo esso era una regione poverissima, a prevalente economia arretrata e contadina, fonte di emigrazione; intervennero però due importanti innovazioni: innanzitutto, l’istituzione nel 1881 del Consiglio provinciale dell’agricoltura di Trento, che diffuse una rete di consorzi agrari; poi forti investimenti in nuovi saperi agricoli e nella regolamentazione del territorio. Grazie a queste politiche, nel giro di pochi anni la popolazione ebbe una notevole crescita.
Il clero ebbe un ruolo di primissimo piano nel rilancio, sia per i ruoli dirigenziali ricoperti nei consorzi agrari e per la diffusione di cooperative cattoliche, sia per la rappresentanza politica esercitata al Parlamento di Vienna ed alla Dieta di Innsbruck. E’ d’obbligo citare almeno l’opera di don Lorenzo Guetti, fondatore nel 1890 della prima Società Cooperativa di smercio e consumo a S. Croce nel Bleggio.
Il clero trentino sperimentò le divisioni della Chiesa dell’epoca con alcuni tratti specifici: da una parte i liberali-nazionali, promotori dell’autonomia in nome dell’italianità, dall’altra gli intransigenti–legittimisti, filo asburgici. Il secondo gruppo prese il controllo del giornale diocesano, la “Voce cattolica”, nato nel 1861, e si rafforzò con la nomina del Vescovo Carlo Eugenio Valussi nel 1886. Si fecero largo tuttavia elementi come don Celestino Endrici (che ritroveremo presto) e don Guido De Gentili, convinti della necessità di riconquistare il mondo moderno ripartendo dal messaggio della Rerum Novarum ed elaborando una strategia che coinvolgesse anche il laicato. Fu così che nel 1896 fu eletto alla Dieta di Innsbruck il primo laico, Enrico Conci. In campo politico avversari dei cattolici furono soprattutto i liberali e i socialisti. La questione nazionale investì tutti i gruppi, cha la affrontarono con strategie diverse, ma è interessante notare che anche la sinistra rinunciò all’internazionalismo in nome del patriottismo: anzi, il leader socialista Cesare Battisti fu un convinto irredentista e fu giustiziato per tradimento nel 1916 essendosi arruolato con l’esercito italiano.
Verso la fine del secolo il Tirolo fu teatro della spaccatura fra cattolci – conservatori, maggioritari, e i cristiano–sociali; nel frattempo, nacque il Deutscher Volksverein für Südtirol (1898), sostenitore dell’identità tedesca del Tirolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IL TRENTINO DI DE GASPERI Alcide De Gasperi nacque a Pieve Tesino (TN) il 3 aprile 1881, nelle terre asburgiche del Trentino abitate in prevalenza da italiani. Il padre, Amedeo Degasperi, ricopriva la carica di capoposto della gendarmeria locale, mentre della madre, Maria Morandini, sappiamo solo che era originaria di Predazzo. 1 E‟ curioso notare che la dicitura corretta del cognome non è “De Gasperi”, ormai entrato nell‟uso, bensì “Degasperi”: la storpiatura fu dovuta ad un errore di battitura al momento dell‟elezione a deputato. Il Trentino dal XIV secolo in poi gravitò nell‟orbita asburgica, ovvero il Sacro Romano Impero prima e l‟Impero d‟Austria poi. Già nel 1545 Trento venne scelta come sede del Concilio in quanto soddisfaceva sia le richieste del Papa di Roma (era una città abitata da italiani cattolici) sia quelle dell‟Imperatore (era una città dell‟Impero). 2 Dal 1815 entrò a fare parte della Contea del Tirolo con capitale Innsbruck, comprendente anche i territori del Südtirol abitati soprattutto da tedeschi. Secondo Schefbeck Raramente nello “Stato multietnico” della monarchia austro-ungarica un confine linguistico era così chiaramente delineato come quello tra la zona di lingua tedesca e quella di lingua italiana del Tirolo: dal passo dello Stelvio alla chiusa di Salurno e ancora lungo la zona montuosa a nord della Val di Fiemme correva il confine tra la zona di lingua tedesca e quella italiana, a cui si univa quella ladina. Sulla base del censimento del 1910 vivevano nel Tirolo tedesco circa 8.000 italiani (su complessivamente 510.000 abitanti) e nel Tirolo italiano circa 15.000 tedeschi (su complessivamente 380.000 abitanti). 3 La forzata convivenza provocò non poche tensioni: frange tedesche guardavano con superiorità e disprezzo gli italiani del Welschtirol (cioè “Tirolo italiano 4 ”), provocando la reazione di gruppi irredentisti. Tuttavia, nel complesso gli italiani si identificarono con la monarchia asburgica, relegando le idee nazionaliste a poche famiglie 1 Museo casa De Gasperi dal Trentno all’Europa Luoghi simboli e suggestioni, a cura dalla Fondazione trentina Alcide De Gasperi, Bergamo 2009, p. 28. 2 Voce Trento, in Grande Enciclopedia De Agostini, vol. 22, De Agostini, Novara 1996, p.15. 3 Gunter Schefbeck, Il giovane Alcide De Gasperi deputato al “Parlamento multietnico, in Il giovane De Gasperi: Alcide De Gasperi come membro della Camera dei deputati austriaca, a cura del Consiglio regionale Trentino Alto Adige, Trento 2004, p. 17. 4 Paolo Pombeni, Il primo De Gasperi La formazione di un leader politico, Il Mulino, Bologna 2007, p. 17, p. 233.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mussolini
autonomismo
trentino
de gasperi
cattolici
triplice alleanza
suffragio
trentino alato adige
degasperi
romolo murri
uppt
unione politica popolare trentina
partito popolare trentino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi