Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Condizione giuridica dello straniero e principio di reciprocità

La tesi offre una ricca panoramica di come si è disciplinata in maniere uniforme ed omogenea la condizione giuridica dello straniero in Italia, partendo dal primo flusso migratorio avutosi negli anni '70, ed arrivando alle più recenti norme di tutela.
Nella mia tesi, articolata in 4 capitoli sono trattati i seguenti argomenti:
1) normativa sull'immigrazione, dalle prime leggi arrivando al T.U. del 98, legge Bossi-Fini etc...,
2) Principio di reciprocità, e le varie condizioni della stessa,
3) I diritti civili dello straniero, minore, matrimonio,regolari, irregolari, accesso al lavoro, modalità di accesso, tipologie contrattuali di lavoro applicabili etc...
4) Considerazioni conclusive dello scrivente.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1 L’EVOLUZIONE STORICA DELLA NORMATIVA SULL’IMMIGRAZIONE 1.1 Cenni storici Il trattamento dello straniero in Italia deriva da un complesso normativo di non facile interpretazione che, nel corso degli anni, e soprattutto dall’inizio degli anni Settanta, quando i flussi migratori verso il nostro paese sono cominciati ad essere sempre più frequenti e visibili agli occhi della comunità Europea, ha condotto ad un’articolazione uniforme ed analitica della disciplina 1 . L’Italia si è trasformata solo da qualche decennio in un paese d’immigrazione, anche se la presenza di cittadini stranieri è a tutt’oggi inferiore alla media degli altri paesi europei. A questo ritardo nel verificarsi di un fenomeno sociale che aveva riguardato ormai da più di mezzo secolo altre nazioni europee come la Francia, Germania ed i paesi scandinavi, ha corrisposto una lunga carenza nella regolamentazione organica dei diritti e doveri dello straniero in Italia. Infatti, negli anni Settanta, cioè all’epoca della prima corrente migratoria che ha interessato il nostro paese, la normativa relativa ai cittadini stranieri era costituita in modo quasi esclusivo dal Testo Unico delle leggi di Pubblica sicurezza del 1931, contenente la disciplina dell’ingresso e del soggiorno 2 . 1 D. MEMMO, La condizione giuridica dello straniero in Italia: Diritto al ricongiungimento e poligamia, in Immigraciòn, Minorias y Multiculturalidad, NAVARRA, DIADI, 2006, pp. 243-253. 2 P. GUERRINI, L’altro diritto, in www.l’altrodiritto.it, Brevi cenni sulla condizione giuridica dello straniero, 2000, pp. 1-2.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Stefano Calore Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1194 click dal 30/01/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.