Skip to content

Prospettive di sviluppo del Diritto Internazionale dell'Ambiente: l'ipotesi di creazione di un Tribunale Internazionale Penale per i Crimini contro l'Ambiente

Informazioni tesi

  Autore: Margherita Volpe
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Gian Luigi Cecchini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

La portata e la gravità dei danneggiamenti ambientali studiati, nonché delle prospettive catastrofiche a lungo termine della degradazione ecosistemica, hanno stimolato la ricerca dei meccanismi attualmente vigenti di tutela dell’ambiente, nonché di proposte e prospettive possibili per rendere più vincolante l’impegno degli Stati rispetto alla tematica. Esperienze come la Cumbre de Cochabamba, la redazione della Carta della Terra e la proposta dell’International Academy of Environmental Science sono manifestazioni concrete di una crescente sensibilità sociale rispetto alla questione ambientale, in aperta opposizione rispetto alla manifesta volontà politica di sottrarsi ad una tutela sovranazionale dell’ambiente.
Quest’analisi si propone di valutare in che termini ed in che sedi le istanze derivanti dalla volontà sociale possano trovare accoglimento nell’ambito del Diritto Internazionale. La struttura logica del lavoro è divisa in due fasi: la prima parte del lavoro è dedicata alla descrizione di alcuni elementi teorici e presupposti formali che saranno alla base della valutazione, svolta nella seconda parte, dell’opportunità di costituire effettivamente, a livello internazionale, la categoria dei crimini contro l’ambiente e, di conseguenza, di creare un’istanza giudiziaria dedicata alla materia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La disciplina giuridica internazionale dell’ambiente è un fenomeno relativamente recente nella vita di relazione tra gli Stati indotto dalla crescente consapevolezza dell’impatto potenzialmente nocivo dello sviluppo tecnologico e dell’aumento della popolazione mondiale 1 . Una serie di problemi preliminari sorgono durante qualsiasi tentativo di identificare una “international environmental law” in quanto parte della dottrina non sembra riconoscere la materia come un corpo autonomo della normativa internazionale 2 . Sebbene la normativa ambientale costituisca parte del corpo generale, la peculiarità dell’oggetto è motivo sufficiente per accettare di indicarla come “Diritto dell’ambiente”, così come è prassi largamente accettata per il “Diritto del mare” o il “Diritto dell’economia”. La scelta della codificazione della materia rispecchia l'attribuzione di un valore intrinseco al bene giuridico “ambiente”: ne consegue la necessità di prevedere meccanismi di controllo e sanzione che garantiscano l´implementazione della normativa ambientale transnazionale. I limiti delle istanze giudiziarie internazionali quali corti, tribunali e tribunali arbitrali, si sono fatti particolarmente evidenti di fronte alle dispute che coinvolgono la protezione dell’ambiente. Diverse sono le argomentazioni avanzate a sostegno della creazione di un foro internazionale di giustizia dedicato all’ambiente: innanzitutto la necessità di garantire l’accesso alla giustizia ambientale ad individui e gruppi 3 e secondariamente la necessità di 5 1 Secondo un rapporto di inversa proporzionalità, infatti, alla crescita della popolazione corrisponde una riduzione dell’orizzonte temporale di esaurimento delle risorse e della resistenza ecosistemica. 2 BIRNIE P., BOYLE A., International Law and the Environment, Oxford, 2002. 3 Garantito internazionalmente dal terzo pilastro della Convenzione sui diritti umani ambientali di Aarhus.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
diritto internazionale
corte penale internazionale
diritto dell'ambiente
dannegiamento ambientale
crimine ambientale
diritto penale dell'ambiente
disastro di bhopal
delta niger
chevron-texaco/equador

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi