Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Henry Sidgwick (1838 - 1900)

Henry Sidgwick senza dubbio è stato uno dei filosofi Inglesi più influenti e rappresentativi dell’epoca Vittoriana così come uno dei più importanti economisti nella scena di Cambridge. Il più popolare ed apprezzato successo di Sidgwick, è indubbiamente l’opera The Methods of Ethics (1874) considerata un classico della letteratura filosofica. Tuttavia, come le pubblicazioni di Sidgwick attestano, egli non fu solamente un eminente filosofo morale, ma anche un esperto epistemologo, classicista, economista e teorico politico. Come testimonia lo stretto legame tra il lavoro di Sidgwick e quello dei suoi successori, da Sidgwick avranno origine molte delle idee che accompagneranno i membri della Cambridge school negli anni successivi. Infatti il nome di Sidgwick ed una parte del suo apparato teorico appariranno nei lavori di Marshall, ma anche di altre importanti personalità del nuovo approccio all’economia, come Pigou. The Principles of Political Economy (1883), la sua prima opera a carattere economico, parzialmente influenzata da Jevons e da alcuni dei principali economisti dell’epoca, come Cairnes e Marshall, avrà un'importanza fondamentale nello sviluppo di quel filone dell’economia del benessere che avrà il suo culmine nell’opera Wealth and Welfare di Pigou. Il contributo di Sidgwick all’Economia Politica non è passato inosservato; l’opera The Principles of Political Economy, infatti, è stata elogiata da più di un vincitore del Premio Nobel, tra cui George Stigler. Stigler, infatti, dopo aver notato come il lavoro di Cournot e Dupuit sul monopolio e sull’oligopolio abbia iniziato ad affacciarsi all’economia Inglese, “in particolare attraverso Edgeworth, Sidgwick, e Marshall”, afferma: “sto iniziando ad ammirare Henry Sidgwick quasi quanto gli altri due. I suoi Principles of Political Economy hanno due capitoli che si occupano delle teorie del capitale umano e del comportamento non competitivo, che sono fra i migliori nella storia della microeconomia”. In secondo luogo la sua descrizione dei fallimenti del mercato e dei possibili rimedi, “l’Arte dell’economia politica”, ha ricevuto numerosi riconoscimenti: Marshall, per esempio, prova molta ammirazione nei confronti di Sidgwick ed elogia questa parte dell’opera, definendola “la miglior cosa di questo genere in ogni lingua” (Pigou, 1925).
Dopo la biografia dell'economista, nel secondo capitolo si esaminano i principali contributi di Sidgwick alla nascita della tradizione utilitaristica dell’economia del benessere di Cambridge. Nel terzo capitolo si riportano la visione di Sidgwick nei confronti del ruolo dello Stato nella vita economica, i criteri di valutazione delle proposte relative all’intervento statale e le possibilità offerte dalle azioni di politica correttiva dello stato per promuovere il benessere della società.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Henry Sidgwick è senza dubbio uno dei filosofi Inglesi più influenti e rappresentativi dell’epoca Vittoriana. Dalla sua ammissione al Trinity College nel 1855 all’età di 17 anni fino alla sua morte come professore ordinario di Filosofia nel 1900, ha svolto un ruolo importante nella scena di Cambridge. Il più popolare ed apprezzato successo di Sidgwick, è indubbiamente l’opera The Methods of Ethics (1874) considerata un classico della letteratura filosofica. Tuttavia, come le pubblicazioni di Sidgwick attestano, egli non fu solamente un eminente filosofo morale, ma anche un esperto epistemologo, classicista, economista e teorico politico. Come testimonia lo stretto legame tra il lavoro di Sidgwick e quello dei suoi successori, da Sidgwick avranno origine molte delle idee che accompagneranno i membri della Cambridge school negli anni successivi (Backhouse 2006, p. 40). Tuttavia, nonostante Sidgwick sia considerato, insieme a Marshall, uno dei fondatori della Cambridge School of Economics , viene generalmente trascurato dagli storici delle teorie economiche, tanto che il suo ruolo sembra essere per molti versi ‘ marginale’ a Cambridge (Backhouse 2006, p. 17). Eppure il nome di Sidgwick e almeno una parte del suo apparato teorico appare nei lavori, non solo di Marshall, ma anche di altre importanti personalità del nuovo approccio all’economia, come il giovane Pigou. La risposta molto probabilmente sta nel fatto che The Principles of Political Economy (1883), la sua prima opera a carattere economico, pur essendo 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Federico Fioravanti Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 341 click dal 01/02/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.