Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'abuso sessuale - Il sex offender, le sue vittime, i trattamenti

La tesi si ripropone di analizzare il fenomeno dell'abuso sessuale in tre macro aree che riguardano la figura del sex offender (includendo il retroscena familiare e correlati psicopatologici) e le sue tipologie in base al sistema motivazionale messo in atto; Alla vittima, considerata nelle diverse fasce d'età e nelle conseguenze (fisiche e psicologiche) che l'abuso provoca, con particolare attenzione all'abuso su minore; al trattamento, con una panoramica sui vari programmi in particolare quelli di orientamento cognitivo-comportamentale messi in atto nei centri di correzione dell'Ontario, in Canada.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Quando si parla di abuso sessuale, bisogna tentare di comprendere perché la lingua italiana usi frequentemente questo termine come sinonimo di altre due terminologie: stupro e violenza sessuale. Il termine abuso sessuale, dal latino abusus indica l‟uso – cattivo, illecito o smodato – di qualcosa o di un diritto. La radice di questa parola, ab, indica compimento, eccesso, allontanamento dell‟azione, mentre usus è un termine che ha numerosi significati, quali quelli di impiego, diritto d‟uso, consuetudine, etc. Alla luce di quanto detto, abuso non è altro che un uso legittimo di un potere o di un diritto reso illecito dalla quantità eccessiva dell‟azione, che viene compiuta totalmente. Lo stupro, altro termine che viene utilizzato come sinonimo del primo, indica un atto sessuale imposto con violenza o qualsiasi atto violento e peccaminoso allo stesso tempo. Deriva dal latino stuprum che significa onta e disonore, la cui radice stup ha il significato di “battere” e “colpire (l‟immaginazione)” La violenza sessuale (o carnale), il terzo termine che viene utilizzato in sostituzione dei primi due, indica sia l‟essere violento, che l‟azione violenta esercitata con mezzi fisici o psicologici. La radice etimologica è vi-s che significa forza, vigore, prepotenza. Vis è quindi ciò che vince e opprime. In questo trattato, i tre termini verranno utilizzati come sinonimi per via della funzione che hanno e delle conseguenze che da essi derivano con

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Agnese Sangiorgio Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7568 click dal 27/01/2012.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.