Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti e tecniche di difesa contro le OPA ostili

Nel presente lavoro è stato affrontato il tema delle offerte pubbliche di acquisto e delle misure difensive che possono essere adottate per contrastarle; l’obiettivo è spiegare le differenze nel ruolo e nel funzionamento che esse presentano negli Stati Uniti e in Italia, alla luce dei diversi fattori storici economici e giuridici che caratterizzano questi due Paesi. A tal fine la tesi è organizzata in quattro capitoli.
Il primo è di carattere introduttivo: si sono presentate le OPA con particolare riferimento alle motivazioni che ne stanno alla base ed i diversi sistemi paese; inoltre, si è introdotto il problema del conflitto d'interessi, intrinseco a tutte le società, al quale l’OPA può collegarsi in senso funzionale; infine, si è proposto un confronto tra contrapposte posizioni teoriche sugli effetti più o meno positivi che l'OPA può produrre in un sistema economico e, conseguentemente, più o meno favorevoli all'adozione di misure difensive;
Il secondo e il terzo sono dedicati specificatamente agli Stati Uniti. Nel secondo si è proceduto ad una analisi del sistema paese, considerando: le caratteristiche delle imprese e del mercato, compresa l'evoluzione storica che ha condotto alla situazione attuale; il problematico rapporto di agenzia tra azionisti e manager ed il ruolo delle OPA al riguardo; la regolamentazione delle OPA e delle connesse misure di contrasto. Nel terzo è illustrata la grande varietà di strumenti e tecniche di difesa adottate negli Stati Uniti, distinte, rispetto al lancio dell'offerta, in preventive e successive.
Il quarto, infine, è dedicato all'Italia: sono descritte le caratteristiche delle imprese e del mercato dei capitali, ancora una volta proponendo un'analisi storica e dando risalto alle differenze rispetto agli Stati Uniti; quindi, è affrontato il problema del conflitto d'interessi tra azionisti di maggioranza e di minoranza, anche qui per individuare un’eventuale relazione funzionale con le OPA. Sono considerati, poi, alcuni aspetti della normativa in materia di OPA e di misure difensive. Il capitolo si chiude con un’analisi del caso Parmalat.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel presente lavoro è stato affrontato il tema delle offerte pubbliche di acquisto e delle misure difensive che possono essere adottate per contrastarle; l’obiettivo è spiegare le differenze nel ruolo e nel funzionamento che esse presentano negli Stati Uniti e in Italia, alla luce dei diversi fattori storici economici e giuridici che caratterizzano questi due Paesi. A tal fine la tesi è organizzata in quattro capitoli. Il primo è di carattere introduttivo: si sono presentate le OPA con particolare riferimento alle motivazioni che ne stanno alla base ed i diversi sistemi paese; inoltre, si è introdotto il problema del conflitto d'interessi, intrinseco a tutte le società, al quale l’OPA può collegarsi in senso funzionale; infine, si è proposto un confronto tra contrapposte posizioni teoriche sugli effetti più o meno positivi che l'OPA può produrre in un sistema economico e, conseguentemente, più o meno favorevoli all'adozione di misure difensive; Il secondo e il terzo sono dedicati specificatamente agli Stati Uniti. Nel secondo si è proceduto ad una analisi del sistema paese, considerando: le caratteristiche delle imprese e del mercato, compresa l'evoluzione storica che ha condotto alla situazione attuale; il problematico rapporto di agenzia tra azionisti e manager ed il ruolo delle OPA al riguardo; la regolamentazione delle OPA e delle connesse misure di contrasto. Nel terzo è illustrata la grande varietà di strumenti e tecniche di difesa adottate negli Stati Uniti, distinte, rispetto al lancio dell'offerta, in preventive e successive. Il quarto, infine, è dedicato all'Italia: sono descritte le caratteristiche delle imprese e del mercato dei capitali, ancora una volta proponendo un'analisi storica e dando risalto alle differenze rispetto agli Stati Uniti; quindi, è affrontato il problema del conflitto d'interessi tra azionisti di maggioranza e di minoranza, anche qui per individuare un’eventuale relazione funzionale con le OPA. Sono considerati, poi, alcuni aspetti della normativa in materia di OPA e di misure difensive. Il capitolo si chiude con un’analisi del caso Parmalat.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Elena Petrazzini Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2624 click dal 27/01/2012.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.